Benevento, Koutsoupias: “A Reggio un punto positivo, possiamo giocare con qualsiasi modulo”

Benevento, Koutsoupias: “A Reggio un punto positivo, possiamo giocare con qualsiasi modulo”

Benevento CalcioCalcio

Il giovane centrocampista del Benevento, ospite della trasmissione Ottogol, ha rilasciato alcune dichiarazioni sull'attuale condizione della compagine sannita.

Queste, dunque, le parole del classe 2001 giallorosso Ilias Koutsoupias, dopo l'importante pari esterno contro la Reggina al Granillo:

SUL PARI DI REGGIO CALABRIA: "Siamo in crescita, da un po' di tempo. Nel primo tempo siamo partiti bene, peccato, poi nel secondo tempo abbiamo dimostrato di essere una squadra che non molla e che può giocarsela con tutti. Negli spogliatoi il Mister ha cercato di darci una spinta soprattutto mentale. A parte il cambio modulo e i cambi in campo, è stato bravo perché sì si è molto arrabbiato (il calciatore ha utilizzato un altro termine che omettiamo) per qualche minuto ma ci ha dato una scossa mentale per farci tornare in campo con la consapevolezza che potevamo riprendere la partita. Se era molto arrabbiato (il calciatore ha utilizzato un altro termine che omettiamo) era perché ha visto anche lui che il 2-0 a fine primo tempo non era giusto e non poteva finire così la partita. Nel secondo tempo siamo stati un'altra squadra, aveva ragione".

SULLA CLASSIFICA: "Non essere più in zona play-out è un passo in avanti".

SU PALEARI: "E' forse il miglior portiere della Serie B in questo momento, lo ha dimostrato fin dalla prima giornata. Noi siamo fortunati ad averlo e speriamo continui così, ci sta dando una mano grandissima".

SUL MODULO: "Secondo me con i giocatori che abbiamo possiamo giocare con qualsiasi modulo, sia a 3 che a 4. Noi siamo a disposizione del Mister, seguiamo lui, sappiamo cosa c'è da fare e lo facciamo ugualmente perché per noi non fa differenza".

SULLA CARENZA DI GOL DELL'ATTACCO: "Il Mister da quando è arrivato ha sempre cercato di coinvolgere tutti in fase offensiva. Se andiamo a vedere, i centrocampisti vanno sempre in area e quindi anche per noi centrocampisti è più facile fare gol. Se porti più uomini è più facile fare gol, non solo con gli attaccanti".

SULLE AMBIZIONI DEL BENEVENTO: "Ho trovato una squadra con ambizioni più alte rispetto alla Ternana dell'anno scorso o all'Entella di due anni fa. Per me venire qui è stato uno stimolo per puntare più in alto, alla Serie A".

SU MISTER CANNAVARO: "Il suo arrivo è stato un'emozione unica. Lo conoscono tutti, all'inizio da bambino lo seguivo e ha vinto tutto. Arrivare a essere allenati da uno come lui all'inizio non ci credi, i primi giorni arriva e non capisci se sia vero o no. Poi, a parte tutto quello che ha fatto, tutto quello che fa lo fa con convinzione. Noi gli crediamo per il suo modo di fare, quello che dice è vero e noi quindi lo seguiamo".

SUL CLIMA IN ALLENAMENTO: "Quando arrivano i risultati ovviamente lavori in un clima più sereno, ma già da quando è arrivato Cannavaro c'è una serenità maggiore".

Foto: Benevento Calcio