Arcidiocesi di Benevento, lunedì presentazione del volume “Tracce. Storia dei migranti in Campania 1970-2020“ di F. Dandolo

Arcidiocesi di Benevento, lunedì presentazione del volume “Tracce. Storia dei migranti in Campania 1970-2020“ di F. Dandolo

Eventi

Lunedì 26 giugno, alle ore 16, nella sala conferenza palazzo San Domenico in piazza Guerrazzi sarà presentato il volume di Francesco Dandolo “Tracce. Storia dei migranti in Campania 1970-2020“. La Campania, dalla seconda metà dell’Ottocento, è terra di emigrazione, di esodi massicci dai tratti dolorosi. Ma dal 1970 il territorio campano è divenuto anche una meta importante per un crescente numero di immigrati che, spinti dalle più diverse ragioni, scappano dai loro Paesi per approdare in modo tacito, quasi invisibile, in Campania. Questo libro raccoglie storie, fatti e numeri, di cinquant’anni di presenza di migranti (1970-2020), indicando con forza la strada dell’attenzione, della cura, dell’integrazione. In Campania, come in Italia, i flussi migratori necessitano di Storia, di un lavoro lungo, impegnativo, alla ricerca di tracce per ricostruire un mondo che sfugge spesso ai nostri occhi e alle nostre menti.

Programma della presentazione: saluti Gerardo Canfora, rettore Unisannio; Enza Pellecchia, coordinatrice Runipace; Gaetano Natullo, direttore Demm Unisannio; Clemente Mastella sindaco di Benevento: interventi di Vittoria Ferrandino Unisannio; Francesco Di Donato Università Federico II; Mercede Sabatini, Comunità di Sant’Egidio; Yankuba Darboe unisannio; modera Rossella Del Prete Unisannio per Runipace; conclusione Giuseppe Marotta, prorettore Unisannio;

Sarà presente l’autore.

Nessuna Santa Messa avrà luogo presso l’abitazione del maestro Pisaniello

Nessuna Santa Messa avrà luogo presso l’abitazione del maestro Pisaniello

AttualitàDalla Provincia

Relativamente alla notizia riportata da alcune testate giornalistiche circa la celebrazione di una Santa Messa e ad un raduno di artisti presso l’abitazione del Maestro Nicola Pisaniello, sita in Cervinara (AV), l’Arcidiocesi beneventana, attraverso un comunicato, precisa quanto segue:

Trattasi di un evento strettamente privato, per il quale nessuna autorità ecclesiastica ha concesso l’autorizzazione della Santa Messa. Il can. 932 § 1 del Codice di Diritto Canonico vieta, infatti, la celebrazione eucaristica al di fuori dei luoghi sacri, tranne che in casi del tutto eccezionali, per i quali va considerata, di volta in volta, l’opportunità in ragione di una reale necessità. Per l’occasione, invece, è consentita solo la benedizione di una statua della Madonna in forma privata”.