Arcidiocesi di Benevento, mercoledì 12 l’incontro al Centro “La Pace”

Arcidiocesi di Benevento, mercoledì 12 l’incontro al Centro “La Pace”

Benevento CittàEventi

L’incontro pastorale diocesano si terrà quest’anno mercoledì 12 giugno 2024 al Centro “La Pace” di Benevento con il titolo: “La Parola si fa segno” La comunicazione della fede nel tempo.

Il programma prevede alle ore 17 l’accoglienza dei partecipanti; alle ore 17,30 il saluto introduttivo di mons. Abramo Martignetti, vicario per la Pastorale; alle  ore 17,45 la presentazione dei lavori foraniali; alle ore 18,30 la relazione tematica a cura di P. Jean Paul Hernandez; alle ore 19,30 le conclusioni dell’arcivescovo mons. Felice Accrocca; alle ore 19,45 la preghiera a cura della Pastorale giovanile a seguire un momento conviviale.

Arcidiocesi di Benevento, lunedì riflessione di padre Hernandez sul tema “L’amore e il giudizio”

Arcidiocesi di Benevento, lunedì riflessione di padre Hernandez sul tema “L’amore e il giudizio”

Benevento CittàEventi

Lunedì 11 dicembre 2023 all’Auditorium del Seminario Arcivescovile di Benevento, alle ore 19, padre Jean-Paul Hernandez, sacerdote, gesuita, teologo ed esperto d’arte, terrà una riflessione sul tema: “L’amore e il giudizio” dal Vangelo a Michelangelo. 

Padre Hernandez, recentemente, ha   spiegato e commentato  per Tv2000 nella trasmissione “Sulla Strada”, il Vangelo della domenica, in chiese e basiliche che conservano tesori d’arte. L’appuntamento dell’11 dicembre  rientra tra le iniziative che l’Arcidiocesi di Benevento ha in programma per i prossimi anni sulla scorta delle indicazioni della lettera pastorale dell’arcivescovo, mons. Felice Accrocca, “Lampada ai nostri passi”, nella quale il presule, ponendo l’accento sull’importanza di ancorare la vita della Chiesa alla Parola di Dio, offre suggerimenti concreti e spunti di approfondimento tra arte e catechesi.

Arcidiocesi di Benevento, lunedì presentazione del volume “Tracce. Storia dei migranti in Campania 1970-2020“ di F. Dandolo

Arcidiocesi di Benevento, lunedì presentazione del volume “Tracce. Storia dei migranti in Campania 1970-2020“ di F. Dandolo

Eventi

Lunedì 26 giugno, alle ore 16, nella sala conferenza palazzo San Domenico in piazza Guerrazzi sarà presentato il volume di Francesco Dandolo “Tracce. Storia dei migranti in Campania 1970-2020“. La Campania, dalla seconda metà dell’Ottocento, è terra di emigrazione, di esodi massicci dai tratti dolorosi. Ma dal 1970 il territorio campano è divenuto anche una meta importante per un crescente numero di immigrati che, spinti dalle più diverse ragioni, scappano dai loro Paesi per approdare in modo tacito, quasi invisibile, in Campania. Questo libro raccoglie storie, fatti e numeri, di cinquant’anni di presenza di migranti (1970-2020), indicando con forza la strada dell’attenzione, della cura, dell’integrazione. In Campania, come in Italia, i flussi migratori necessitano di Storia, di un lavoro lungo, impegnativo, alla ricerca di tracce per ricostruire un mondo che sfugge spesso ai nostri occhi e alle nostre menti.

Programma della presentazione: saluti Gerardo Canfora, rettore Unisannio; Enza Pellecchia, coordinatrice Runipace; Gaetano Natullo, direttore Demm Unisannio; Clemente Mastella sindaco di Benevento: interventi di Vittoria Ferrandino Unisannio; Francesco Di Donato Università Federico II; Mercede Sabatini, Comunità di Sant’Egidio; Yankuba Darboe unisannio; modera Rossella Del Prete Unisannio per Runipace; conclusione Giuseppe Marotta, prorettore Unisannio;

Sarà presente l’autore.

Il messaggio di Pasqua di Mons. Felice Accrocca: “Gesù la nostra pace”

Il messaggio di Pasqua di Mons. Felice Accrocca: “Gesù la nostra pace”

AttualitàBenevento Città

Di seguito il messaggio di Pasqua dell’Arcivescovo di Benevento, Mons. Felice Accrocca.

“Carissimi,

Gesù Cristo è la nostra pace, colui che di due ha fatto un popolo solo, abbattendo il muro di separazione che divideva uomini e popoli, cioè l’inimicizia. Egli è dunque venuto ad annunciare pace sia ai vicini che ai più lontani. Per mezzo di lui, tutti gli uomini possono presentarsi al Padre in un solo Spirito (Ef 2,14.17-18).

Spesso non c’è pace, purtroppo, tra nazione e nazione, ma tante volte non c’è pace neanche tra persona e persona, tra famiglia e famiglia, neppure tra i membri di una stessa famiglia… Possa davvero, la Persona del Cristo, irrompere allora con forza nella nostra vita per fare di noi, di ognuno di noi, dei veri operatori di pace (Mt 5,9), capaci di sedare inimicizie e discordie, di riportare l’unità dove c’è divisione, di restituire concordia dove ci sono liti e contese.

Una preghiera ben conosciuta recita, tra l’altro: “Dove c’è odio, che io porti l’amore; dove c’è offesa, che io porti il perdono; dove c’è discordia, che io porti l’unione; dove c’è l’errore, che io porti la verità; dove c’è il dubbio, che io porti la fede; dove c’è disperazione, che io porti la speranza; dove ci sono le tenebre, che io porti la luce; dove c’è tristezza, che io porti la gioia…”. Possa, tutto ciò, compiersi nella nostra vita.

A tutti auguro una santa Pasqua, una Pasqua di pace, e di vero cuore vi benedico”.