Caso scommesse, mano pesante della Procura ma la sentenza del Tribunale slitta al 29 luglio

Caso scommesse, mano pesante della Procura ma la sentenza del Tribunale slitta al 29 luglio

Benevento CalcioCalcio

Nuovi sviluppi in merito al caso calcioscommesse a seguito dell’inchiesta avviata dalla Procura di Benevento e che vede coinvolti i difensori giallorossi Pastina e Letizia e i due ex attaccanti della Strega Brignola e Forte. Per oggi, infatti, era in programma l’udienza dinanzi Tribunale Federale Nazionale.

La Procura ha respinto le rinnovate richieste di patteggiamento presentate dai legali di Pastina e Forte, richiedendo anzi squalifiche pesanti per i calciatori. Una mano pesante, quella della Procura, che ha chiesto una squalifica di 2 anni più 1 anno di servizi sociali per il centrale di Battipaglia, 6 mesi di squalifica più altri 6 di servizi sociali per l’attaccante romano, 3 anni di squalifica per Brignola e 3 anni e 6 mesi per Letizia.

La sentenza dei giudici era attesa stesso nel pomeriggio odierno, ma è slittata al 29 luglio. Il Tribunale Federale Nazionali infatti, come si legge dal comunicato emesso, hanno ritenuto di rinviare la decisione sul procedimento al prossimo 29 luglio per acquisire la dichiarazione testimoniale di uno dei due indagati non tesserato. “Il Tribunale Federale Nazionale – Sezione Disciplinare, non definitivamente pronunciando, ritenuto opportuno acquisire la dichiarazione testimoniale del sig. P. P. C. sui fatti oggetto del procedimento con riguardo ai suoi rapporti con i sigg.ri Christian Diego Pastina, Gaetano Letizia ed Enrico Brignola; ritenuto altresì opportuno mantenere l’unitarietà del procedimento; dispone che la Procura Federale o comunque la parte più diligente provveda a comunicare, con i mezzi ritenuti opportuni, la presente ordinanza ovvero il suo contenuto al sig. P. P. C. affinché lo stesso presenzi e renda la dichiarazione testimoniale di cui sopra; rinvia il presente procedimento all’udienza del 29 luglio 2024, ore 10:30, in presenza“.

Foto: Getty Images

Caso scommesse, l’udienza si terrà giovedì 11 luglio

Caso scommesse, l’udienza si terrà giovedì 11 luglio

Benevento CalcioCalcio

Si avvicina la data dell’udienza per il caso calcioscommesse, che vede interessati quattro tra attuali ed ex tesserati del Benevento.

Inizialmente il dispositivo del Tribunale Nazionale Federale riguardante Letizia, Pastina, Brignola e Forte sarebbe dovuto arrivare oggi ma, già da ieri, la data era stata spostata a giovedì 11 luglio, come recita il decreto: “l’udienza di discussione del procedimento RG n. 244/TFN-SD, già fissata per il giorno 20 giugno 2024 e poi per il giorno 17 luglio 2024, è anticipata al giorno 11 luglio 2024, ore 11:30, in modalità “in presenza”, con salvezza dei diritti di prima udienza“.

Il rinvio è avvenuto perché il legale di Forte aveva chiesto di procedere all’udienza in presenza (non a un cambio della data ma semplicemente dalla modalità, salvo poi tornare sui suoi passi), alla luce della delicatezza della questione. Contemporaneamente anche l’avvocato di Letizia ha presentato un’istanza di discussione in presenza, mentre quello di Pastina ha chiesto il differimento dell’udienza per “sopravvenuti impegni professionali“. Per tutti questi motivi e per per ragioni organizzative e di presenza dei componenti del già designato Collegio decidente, oltre alla disponibilità delle date del Tribunale, si è arrivati alla decisione di fissare l’udienza per l’11 luglio prossimo.

Attesa, dunque, di altri 20 giorni circa, prima di capire quale potrà essere il destino dei quattro giocatori e, soprattutto, dei due difensori che sono ancora tesserati della società di via Santa Colomba.

Foto: Getty Images

Benevento, caso scommesse: deferimenti per Letizia, Pastina, Brignola e Forte

Benevento, caso scommesse: deferimenti per Letizia, Pastina, Brignola e Forte

Benevento CalcioCalcio

La notizia era nell’aria già da aprile (QUI), dopo la chiusura delle indagini, e poco fa è stata pubblicata anche la nota ufficiale della FIGC: sono arrivati i deferimenti per Gaetano Letizia, Christian Pastina, Enrico Brignola e Francesco Forte.

I quattro, all’epoca dei fatti (i due difensori tutt’ora) tesserati del Benevento Calcio e non solo, sono stati deferiti dal Procuratore Federale al Tribunale Federale Nazionale-Sezione Disciplinare a seguito delle segnalazioni della Procura della Repubblica di Benevento “per aver effettuato, quantomeno nella stagione sportiva 2021-22 e 2022-23, scommesse, direttamente o per interposta persona…, aventi a oggetto risultati relativi a incontri ufficiali organizzati nell’ambito della FIGC…“. I calciatori, accusati di aver scommesso su partite di calcio (cosa vietata da regolamento), rischiano almeno tre anni di squalifica: il processo inizierà a giugno.

Di seguito, quindi, la nota della FIGC:

“Il procuratore federale, a seguito di segnalazione della Procura della Repubblica di Benevento, ha deferito al Tribunale Federale Nazionale–Sezione Disciplinare:

per la violazione dell’art. 4, comma 1, del Codice di Giustizia Sportiva, e per la violazione dell’articolo 24, commi 1 e 2, del Codice di Giustizia Sportiva:

  • il sig. PASTINA Christian Diegoall’epoca dei fatti, calciatore tesserato per la società Benevento Calcio S.r.l.;
  • il sig. FORTE Francesco, all’epoca dei fatti, calciatore tesserato per la società Venezia F.C. S.p.A., per la società Benevento Calcio S.r.l. e per la Società Ascoli Calcio 1898 FC S.p.A.;
  • il sig. LETIZIA Gaetano, all’epoca dei fatti, calciatore tesserato per la società Benevento Calcio S.r.l.;
  • il sig. BRIGNOLA Enrico, all’epoca dei fatti, calciatore tesserato per la società Benevento Calcio S.r.l., per la società Cosenza Calcio S.r.l. e per la U.S. Catanzaro 1929 S.r.l.;

per aver effettuato – quantomeno dalla stagione sportiva 2021/22 e nella stagione sportiva 2022/23 – scommesse – direttamente o per interposta persona sia presso soggetti autorizzati che presso soggetti, e piattaforme, non autorizzati a riceverle – aventi ad oggetto risultati relativi ad incontri ufficiali organizzati nell’ambito della FIGC e di campionati di calcio professionistici stranieri”.

Foto: Getty Images

Caso scommesse, 900mila euro su conto di un prestanome: i dettagli riferiti da “Il Mattino”

Caso scommesse, 900mila euro su conto di un prestanome: i dettagli riferiti da “Il Mattino”

Benevento CalcioCalcio

Come noto, ieri la Gazzetta dello Sport ha lanciato la notizia della chiusura delle indagini da parte della Procura Federale in merito al “caso calcioscommesse” emerso qualche mese fa.

L’avviso è stato notificato a due attuali calciatori del Benevento, i difensori Pastina e Letizia (quest’ultimo in prestito alla Feralpisalò) e agli ex attaccanti giallorossi Forte (in forza al Cosenza) e Brignola (che inizialmente non figurava nell’ordinanza della Procura di Benevento, oggi al Catanzaro). Nel caso di un altro ex invece, Coda, non sono stati disposti ulteriori accertamenti.

Quest’oggi, sulle colonne de Il Mattino, il collega Luigi Trusio ha sviscerato i dettagli del caso. I quattro calciatori sopra citati rischiano 3 anni di squalifica nel caso venissero appurate responsabilità: qualora i giocatori negassero gli addebiti, scatterebbe il deferimento e conseguentemente il giudizio davanti al Tribunale Federale Nazionale per illecito sportivo. Ulteriori strategie difensive, da definire nei prossimi 15 giorni, sarebbero il patteggiamento, ammettendo in tal caso la responsabilità con conseguente condanna più lieve (6 mesi, plausibilmente), o la collaborazione con la Procura fornendo nuovi elementi e nomi che non siano già emersi dalle indagini.

Forte avrebbe già reso dichiarazioni volontarie alla magistratura ordinarie e a breve si presenterà anche di fronte a quella sportiva. Stesso destino dovrebbe toccare anche a Pastina, che ha sempre negato di aver scommesso sul calcio ammettendo però di aver giocato solo alle slot-machine e affermando che il suo conto era in uso anche dall’ex Letizia. Stanno proseguendo, contestualmente, anche le indagini della Procura di Benevento: tra gli elementi acquisiti a carico degli indagati sarebbe avvenuto il sequestro di 30mila euro in contanti presso l’abitazione di uno dei prestanome che effettuavano materialmente le giocate, sul cui conto corrente sarebbero transitati circa 900mila euro (riporta sempre Il Mattino).

Foto: Getty Images

Benevento, il Catanzaro degli ex Iemmello e Brignola torna in B dopo 17 anni

Benevento, il Catanzaro degli ex Iemmello e Brignola torna in B dopo 17 anni

Benevento CalcioCalcio

Questo pomeriggio, con la vittoria per 2-0 sulla Gelbison all’Arechi di Salerno, il Catanzaro è stato matematicamente promosso in Serie B dopo 17 anni.

Con cinque giornate di anticipo e 16 punti di vantaggio sul Crotone, quindi, i giallorossi calabresi hanno conquistato la promozione in cadetteria grazie a un rullino di marcia da record. Un successo frutto infatti di 27 vittorie, 5 pareggi e 1 sola sconfitta; 88 reti segnate e 13 subite, con la differenza reti di +75.

Oggi, sostenuti da quasi 8mila tifosi, la formazione di Mister Vivarini si è imposta sulla Gelbison con una rete per tempo, firmate da due vecchie conoscenze del Benevento. Nella prima frazione Pietro Iemmello, al 23esimo centro stagionale e capocannoniere in solitaria del Girone C, ha portato avanti i suoi nel match promozione. In chiusura di gara invece l’ex Strega Enrico Brignola, trasferitosi in Calabria sponda giallorossa nella finestra invernale di calciomercato, ha siglato il definitivo 2-0.

Foto: Profilo Facebook U.S. Catanzaro 1929

Benevento, Brignola ceduto al Catanzaro: i comunicati

Benevento, Brignola ceduto al Catanzaro: i comunicati

Benevento CalcioCalcio

Nuova avventura per Enrico Brignola, che lascia definitivamente il Benevento.

L’esterno offensivo originario di Telese Terme, dopo le 20 presenze condite da 2 reti nella prima parte di stagione al Cosenza, ha cambiato ufficialmente maglia e categoria, restando però sempre in Calabria.

Il classe ’99 si è infatti trasferito al Catanzaro, capolista nel Girone C di Serie C e unica squadra imbattuta in Italia agli ordini di Mister Vivarini, in prestito con obbligo di riscatto in caso di promozione.

Di seguito, dunque, i comunicati dei due club giallorossi:

Il Benevento Calcio comunica di aver ceduto le prestazioni sportive del calciatore Enrico Brignola all’Unione Sportiva Catanzaro 1929.
L’attaccante telesino, classe ’99, dopo la risoluzione del trasferimento a titolo temporaneo al Cosenza Calcio, si trasferisce a Catanzaro con la formula del prestito, fino al prossimo 30 giugno, con obbligo di riscatto a favore della Società calabrese
“. 

L’US Catanzaro si assicura dal Benevento l’attaccante Enrico Brignola, già a disposizione del tecnico Vincenzo Vivarini. Il 24enne nativo di Caserta ha giocato nella prima parte di questa stagione a Cosenza, con 20 presenze e due reti. Sempre in serie B ha vestito le maglie di Benevento, Frosinone, Spal, Livorno, mentre in serie A ha giocato con Benevento e Sassuolo. Brignola arriva in prestito con obbligo di riscatto in caso di promozione“.

Foto: U.S. Catanzaro 1929

Benevento, nuovo trasferimento per l’ex Brignola?

Benevento, nuovo trasferimento per l’ex Brignola?

Benevento CalcioCalcio

Enrico Brignola, passato in estate al Cosenza in prestito con diritto di opzione e contropzione, potrebbe presto cambiare nuovamente maglia.

L’esterno classe ’99 originario di Telese Terme, infatti, ha attirato l’attenzione del Catanzaro, come riporta lacasadic.

I giallorossi calabresi, saldamente al comando del girone C di Serie C a +6 sul Crotone, vorrebbero piazzare un colpo di livello per assicurarsi la promozione in B.

L’unico club imbattuto in Italia, dunque, avrebbe avviato i contatti con il Benevento per portare Brignola tra le fila delle aquile nella seconda parte di stagione.

Benevento, Brignola passa al Cosenza: è ufficiale

Benevento, Brignola passa al Cosenza: è ufficiale

Benevento CalcioCalcio

Il Benevento Calcio ha comunicato, con una nota ufficiale, di aver ceduto in prestito con diritto di opzione e contropzione Enrico Brignola al Cosenza.

L’esterno classe ’99, originario di Telese Terme, lascia per la seconda volta in carriera la Strega, dopo il passaggio al Sassuolo nella stagione 2018-19.

Di seguito, dunque, il comunicato apparso sul sito ufficiale del club giallorosso:

Il Benevento Calcio comunica di aver ceduto in prestito con diritto di opzione e contropzione il calciatore classe 1999 Enrico Brignola al Cosenza Calcio. Dal club giallorosso l’augurio di un’ottima stagione“. 

Benevento, Brignola ai saluti: in dirittura d’arrivo il trasferimento in prestito

Benevento, Brignola ai saluti: in dirittura d’arrivo il trasferimento in prestito

Benevento CalcioCalcio

La seconda avventura di Enrico Brignola con la maglia del Benevento sembra ormai giunta ai titoli di coda.

Il classe ’99 di Telese Terme, infatti, è molto vicino al trasferimento in prestito al Cosenza. L’esterno, 23 presenze in questa stagione in giallorosso, sarà al centro del progetto del nuovo tecnico dei Lupi Davide Dionigi.

La piazza calabrese sarà un’importante occasione per Brignola di mostrare il proprio talento, dopo l’annata altalenante vissuta nel Sannio sotto la guida di Mister Caserta.

Brignola: “Super felice di essere tornato, ora ho la testa giusta, non vedo l’ora di cominciare e dare il meglio per la maglia”

Brignola: “Super felice di essere tornato, ora ho la testa giusta, non vedo l’ora di cominciare e dare il meglio per la maglia”

Benevento CalcioCalcio

Il “nuovo” attaccante giallorosso, arrivato in prestito con obbligo di riscatto dal Sassuolo, ha rilasciato alcune dichiarazioni riportate da Ottopagine.

Il classe ’99 sannita, nativo di Caserta ma cresciuto, anche calcisticamente, a Telese Terme, ha completato le giovanili in maglia giallorossa. Dopo un anno alla Roma, torna a Benevento ed esordisce in Serie B nella stagione 2016-17 in quella che, fino ad ora, è la sua unica partita con la Strega in cadetteria. Poi, l’anno successivo, l’esplosione in A, dove nella seconda parte di stagione colleziona 18 presenze e 3 reti. A fine stagione, quindi, il trasferimento ai neroverdi, che in 3 anni lo gireranno in prestito in B a Livorno, Spal e Frosinone.

Ora, dunque, Enrico Brignola è finalmente tornato a casa, al Benevento:

SUL RITORNO IN GIALLOROSSO: “Le sensazioni che sto provando sono bellissime. Sono tornato a casa mia e questo mi rende molto felice. Voglio dare il meglio per questa maglia, per i miei compagni e per la società che mi ha ridato fiducia. Non vedo l’ora di cominciare”. 

SULLA SUA MATURAZIONE: “Torna un Brignola molto motivato e attento soprattutto ai particolari. Mi ritengo più maturo. In passato ho commesso degli errori, ne sono consapevole. Mi sono trovato in un momento molto più grande di me che non ho saputo gestire nel migliore dei modi. Adesso le cose sono cambiate: ho la testa giusta e con questi presupposti posso fare tante cose positive con il Benevento”. 

SULLA TRATTATIVA CHE LO HA RIPORTATO A CASA: “Sin da quando è finito lo scorso campionato, si era profilata la possibilità di un ritorno. Parlai anche con il direttore Foggia al telefono. Non mi diede la certezza assoluta del trasferimento, ma mi rassicurò che qualora ci fosse stata la possibilità mi avrebbe riportato a casa. Nell’ultimo giorno di mercato ho ricevuto questa bellissima notizia: ero super felice”. 

SULLA SQUADRA: “Ho sempre seguito il Benevento e ho visto tutte le partite di questo inizio di stagione. La squadra è forte, ci sono calciatori di grande livello. Alle spalle c’è una società solida che mette tutto a disposizione per fare bene. Possiamo essere protagonisti di un grande campionato”. 

SU MISTER CASERTA: “Ho parlato con Letizia che mi ha subito detto che Caserta è un grande allenatore. Sono certo che mi troverò bene e spero che faremo bene nel corso della stagione”. 

SULL’ESSERE GIOCATORE DEL BENEVENTO, DA SANNITA: “È sicuramente motivo di grande orgoglio. Scendo in campo sapendo che sugli spalti c’è tutta la mia famiglia che mi sostiene, così come i miei amici. Vengo a Benevento e spero di fare del mio meglio in ogni singola partita, onorando la maglia fino in fondo come ho sempre fatto”.