Brindisi-Benevento 0-1, le pagelle dei giallorossi

Brindisi-Benevento 0-1, le pagelle dei giallorossi

Benevento CalcioCalcio

Un gol di Ferrante regala la seconda vittoria consecutiva al Benevento. Di seguito le pagelle dei giallorossi.

Paleari 7: E’ tornato il portiere che conoscevamo. Sempre attento e prezioso. Sbroglia spesso le situazioni che potrebbero creare problemi. Decisivo sul colpo di testa di Cappelletti. Certezza.

Berra 6,5: Meno appariscente delle altre uscite, conferma però di essere una garanzia. Solido.

Capellini 6: Buona la sua prestazione, cresce con il passare dei minuti. Aiuta la squadra a difendere il gol di vantaggio.

Pastina 6: Gioca una buona partita, senza sbavature. Il suo vigore fisico, quando non scade in eccessi, è un valore aggiunto per la Strega.

El Kaouakibi 6,5: Suo il pallone che Ferrante tramuta in rete. Prova anche in altre occasioni a rendersi pericoloso sull’out destro. Prestazione più che positiva la sua.

Talia 6,5: Pur in una mediana a due, è lui che ha i compiti di regia. Il ragazzo si conferma anche una volta una delle note più liete di questo avvio di stagione.

Pinato 6: Sostanza e fisicità per il centrocampo giallorosso. Il vero Pinato, però, ancora non si è visto. Dal 34’s.t. Kubica 6: Prende parte alla battaglia finale, aiutando la squadra con la sua fisicità.

Masciangelo 5,5: Andreoletti gli dà una chance importante. Occasione che, però, non sfrutta appieno; troppo confusionario. Dal 21’s.t. Benedetti 6: La differenza con il collega di reparto è minima ma sembra più padrone della zona di competenza.

Tello 6: Meno incisivo e lucido delle altre uscite. Potrebbe fare molto di più ma resta, comunque, un giocatore cui sarà difficile rinunciare. Dal 13’s.t. Ciano 6: Rientra bene dopo l’infortunio. Offre alcuni spunti interessanti.

Karic 6: Schierato sulla trequarti al fianco di Tello, interpreta il ruolo secondo le sue qualità. Non gioca male ma ha la “colpa” di non mettere in rete il pallone del 2-0, da posizione davvero invitante.

Ferrante 7: Senza dubbio il migliore in campo. Terzo gol stagionale per “El Tigre” che si sta prendendo il Benevento a suon di prestazioni e di gol. Dal 34’s.t. Marotta 6: Ha a disposizione poco più di 10 minuti. Aiuta i compagni a portare a casa i tre punti. Cerca qualche ripartenza ma la squadra in quel momento è più concentrata a difendere l’1-0 che a cercare il raddoppio.

Andreoletti 6,5: Il Benevento non gioca una “bella” partita, lo dice subito anche lui nel post-gara. Dal punto di vista tecnico la sua squadra può e deve fare molto meglio. Detto ciò, il tecnico può essere contento perché uno degli obiettivi principali di inizio stagione sembra davvero vicino: far ridiventare la Strega una squadra e i singoli un gruppo. Se poi si vincono anche le partite, tutto diventa più semplice.

Brindisi, il dg Valentini: “Subito nulla contro una corazzata, sconfitta immeritata”

Brindisi, il dg Valentini: “Subito nulla contro una corazzata, sconfitta immeritata”

Benevento CalcioCalcio

Dopo la gara di oggi (ieri, ndr) ci deve essere un solo sentimento nel cuore nostro e di tutta la città – riporta TuttoC – di Brindisi: l’orgoglio per questa squadra, questo staff e questa società. La squadra ha buttato il cuore oltre l’ostacolo contro una corazzata, non abbiamo praticamente subito nulla. Stiamo lavorando in condizioni semplicemente impossibili: senza pubblico e a 300 chilometri da casa, ma nonostante questo i ragazzi non mollano di un centimetro, sono uniti e non soffrono neanche contro il Benevento. Da questo dobbiamo ripartire: dalla ferocia.

E chiedo questo alla città, di essere uniti attorno a questi ragazzi che si stanno sacrificando e meritano pieno sostegno. Siamo in trasferta dal 3 settembre, non abbiamo uno stadio, mi auguro che torneremo al Fanuzzi perché altrimenti ci manderanno a giocare in Alto Adige o in Austria oppure ci sarà una raccolta firme per farci dare il 3-0 a tavolino. Assorbiamo la sconfitta cocente e immeritata, da mercoledì penseremo al Latina e faremo una grandissima gara: ne sono certo”.

Così il dg del Brindisi, Pierluigi Valentini, nel post partita di ieri sera, che ha visto il Benevento imporsi 1-0 sui pugliesi.

Benevento, Andreoletti studia novità per la trequarti

Benevento, Andreoletti studia novità per la trequarti

Benevento CalcioCalcio

Vincere e convincere: questa è la missione che Matteo Andreoletti ha assegnato ai suoi ragazzi in vista dell’impegno di questa sera in casa del Brindisi (si giocherà a Picerno per l’indisponibilità dello “Iacovone”).

Dopo le due vittorie in casa, contro Virtus Francavilla e Taranto, è ora di portare a casa anche il primo successo esterno per la truffa di Andreoletti che, però, deve convivere ancora una volta con l’emergenza che ha colpito il reparto arretrato. Perso per tutta la stagione Meccariello, anche il sostituto Terranova non è al meglio: l’ex Frosinone si è fermato per noie muscolari e non sarà nemmeno in panchina contro il Brindisi. Così come Ciciretti, Improta, Agnello e Masella.

Quindi, tenuto conto della ormai certa conferma della difesa a tre, le opzioni a disposizione del tecnico giallorosso sono davvero limitate. Tolti i titolari Berra, Capellini e Pastina, di centrale puro c’è solo il giovane Viscardi. Dunque, i margini di manovra per Andreoletti sono davvero minimi: detto della difesa a tre, l’ex Pro Sesto proseguirà anche con la mediana a quattro (Agazzi, alla prima convocazione, partirà dalla panchina) dove ha più di qualche chance di partire dal 1′ minuto, sull’out sinistro, Masciangelo.

La vera novità potrebbe riguardare la trequarti dove, nella rifinitura di ieri pomeriggio al “Meomartini” (vedi foto in fondo), Andreoletti ha provato Tello e Karic. I due hanno agito, nel 3-4-2-1, dietro alla punta Ferrante. Se per il colombiano sarebbe una conferma (ci ha già giocato a Caserta e con il Taranto) per l’ex Entella rappresenterebbe un novum: finora era stato impiegato, infatti, come esterno a destra e come mezzala.

Andreoletti, quindi, spera di poter sfruttare le loro qualità e la loro capacità di inserimento sia per legare meglio centrocampo e attacco e sia per non dare molti riferimenti agli avversari.