“Salotto di primo 900”: venerdì il concerto al San Vittorino di Benevento

“Salotto di primo 900”: venerdì il concerto al San Vittorino di Benevento

Eventi

Venerdì 9 giugno, alle ore 20:00, presso l’Auditorium San Vittorino di Benevento, il duo Marcella Parziale – contralto e Giuseppina Coni – pianoforte, sarà protagonista del concerto “Salotto di primo ‘900” con musiche di Francesco Paolo Tosti (musicò la celebre ‘A vucchella di D’Annunzio) e Ottorino Respighi (autore del notissimo poema sinfonico “I pini di Roma”) su testi di Giovanni Boccaccio e Gabriele D’Annunzio.

Il bellissimo concerto fa parte della Stagione Concertistica 2023, promossa da Accademia di Santa Sofia insieme a Università degli Studi del Sannio e Conservatorio di Benevento, sempre con la direzione artistica di Filippo Zigante e Marcella Parziale, e la consulenza scientifica di Marcello Rotili, Massimo Squillante e Aglaia McClintock.

La singolare esibizione, di particolare fascino, vedrà due sommi poeti e due sommi compositori italiani a confronto, riproposti con grande attenzione e sensibilità dal duo Parziale/Coni, grazie al quale potremo scoprire come i delicati versi di Boccaccio e l’evocativa scrittura dannunziana trovino efficacissimo compimento nel linguaggio musicale raffinato e piacevolissimo di Francesco Paolo Tosti e di Ottorino Respighi.

Il “Poema paradisiaco”, raccolta di poesie di D’Annunzio, pubblicata nel 1893, è la fonte da cui è tratta la maggior parte dei testi di questo concerto. “Consolazione” mostra un D’Annunzio inconsueto lontano dai fasti e dall’abituale retorica dirompente cui si è soliti associarlo. In questi versi d’Annunzio rivive la purezza e la spensieratezza dell’infanzia dedicando alla madre parole vibranti, sospese tra affetto e nostalgia.

La musica, composto da Francesco Paolo Tosti (Ortona,1846 – Roma,1916) pochi mesi prima di morire, sottolinea efficacemente le infinite sfumature emotive suggerite dal testo.

Più livida e tagliente è la scrittura musicale di Tosti ne “La sera”, narrazione altamente suggestiva di un amore crepuscolare; lo stesso testo, proposto nella versione di Ottorino Respighi s’inasprisce di ulteriori dissonanze. Ma è in “Sopra un’aria antica” che il sentimento esplode, ricco di passione e struggente malinconia.

Improntata sull’inconfondibile melodia dell’aria di Antonio Cesti, “Intorno all’idol mio” la scrittura musicale si apre, dando libero sfogo a un sentimento che fatica a rassegnarsi allo scorrere inesorabile del tempo e a un inevitabile epilogo.

Completano il concerto i “Cinque canti all’antica”, musicati da Respighi (Bologna, 1879 – Roma, 1936) su testo di Boccaccio. La genialità del compositore si esprime in una scrittura musicale ampiamente improntata all’arcaismo, aderente all’estetica del testo, ma arricchita d’improvvisi e spiazzanti elementi di modernità.

Marcella Parziale, contralto, è laureata e specializzata in Canto Lirico, con il massimo dei voti e la lode, presso il Conservatorio “Nicola Sala” di Benevento. Si è poi perfezionata presso l’“Accademia Lirica Internazionale Umberto Giordano” conseguendo il diploma d’omore, nonché nell’ambito di masterclass con docenti internazionali. Si è esibita in prestigiosi festival quali “Orizzonti Verticali”, “Baroque music festival”, “Città Spettacolo” ecc.

Da sempre dedita alla ricerca e attiva nella valorizzazione di repertori poco frequentati, è stata protagonista nella riproposizione moderna di alcuni titoli di rara esecuzione.

Tra i ruoli che ha interpretato: Elle (La voix humaine, F. Poulenc); Maddalena (Il Rigoletto, G.Verdi); Romeo (I Capuleti e i Montecchi, V. Bellini), Cherubino (Le Nozze di Figaro, W. A. Mozart), Berta (Il Barbiere di Siviglia, G. Rossini), Giannetta (Elisir d’Amore, G. Donizetti). Nel 2019 ha ricevuto il Premio alla Carriera nell’ambito della XL edizione del Festival “Città Spettacolo”. Attualmente è Docente presso il Conservatorio “L. Perosi” di Campobasso.

Giuseppina Coni consegue, tutti con lode e menzione, il Master di 2° livello in Repertorio vocale da camera presso il Conservatorio “Verdi” di Milano, il Diploma accademico di 2° livello in Pianoforte, Musica da camera e Musica vocale da camera presso il Conservatorio “Boito” di Parma e il Diploma di Pianoforte presso il Conservatorio “Sala” di Benevento.

Suona da solista con la Filarmonica Toscanini e con l’Orchestra dell’Accademia del Carmine. Collabora con noti musicisti e cantanti. È vincitrice di numerosi concorsi, cui ha partecipato sia da solista sia in formazioni cameristiche. Dall’età di nove anni svolge attività concertistica da solista, in varie formazioni da camera e come accompagnatrice di cantanti, suonando in Italia, Francia, Germania, Grecia, Inghilterra, Finlandia, Austria, USA e Cina. È docente presso il Conservatorio “N.Sala” di Benevento.

Facoltà di Medicina a Benevento, Mastella: “Spero che il Ministro Bernini accolga questa idea, sarebbe importante anche per ospedale”

Facoltà di Medicina a Benevento, Mastella: “Spero che il Ministro Bernini accolga questa idea, sarebbe importante anche per ospedale”

Politica

“Vorremmo che questa l’Università di Benevento avesse la facoltà di medicina. Non sono né parlamentare né ho voce in capitolo ma mi auguro che il ministro Bernini dia diritto di asilo a questa idea. Sarebbe ricordata anche lei nella storia della nostra comunità, come abbiamo fatto con la Falcucci, cui si deve la nascita dell’università di Benevento“, con queste parole, già questa mattina in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università del Sannio, il sindaco di Benevento, Clemente Mastella, aveva sottoposto al ministro Bernini la richiesta di poter ampliare l’offerta formativa dell’Unisannio con l’inserimento della Facoltà di Medicina.

Un tema che è molto a cuore del primo cittadino e lanciato nella conferenza stampa natalizia di Noi di Centro (leggi QUI).

Nel pomeriggio, a margine dell’inaugurazione dell’anno accademico del Conservatorio di Benevento Nicola Sala, Mastella è tornato a parlare dell’importanza per tutti i comparti della città di un’eventuale apertura della Facoltà di Medicina a Benevento.

Ecco le sue parole.