Mons. Accrocca e Mons. Beneduce incontrano il Presidente della Repubblica Mattarella

Mons. Accrocca e Mons. Beneduce incontrano il Presidente della Repubblica Mattarella

Attualità

Mons. Felice Accrocca, arcivescovo di Benevento, e Mons. Francesco Beneduce, vescovo ausiliare di Napoli, insieme a una rappresentanza di fedeli laici della Comunità di Vita Cristiana dell’area Nord di Napoli, hanno avuto la possibilità, giovedì 30 maggio 2024, d’incontrare il Presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella, al quale è stato esposto il percorso effettuato in questi anni dai Vescovi della Metropolia di Benevento a da altri provenienti da diverse Regioni d’Italia, a sostegno delle Aree interne del Paese.

Durante Il colloquio franco e sereno i presuli hanno avuto modo di rendere noto al Capo dello Stato di come il cammino di sensibilizzazione su questo tema così importante stia articolandosi in una duplice direzione: in ambito socio-politico-amministrativo, con la celebrazione di un Forum, solitamente nel mese di maggio, che negli ultimi anni ha visto protagonisti anche i giovani studenti delle scuole superiori; in ambito pastorale, con l’incontro annuale – solitamente nel corso dell’estate – di vescovi provenienti da territori interessati alla questione (in rappresentanza, si può dire, di quasi tutte le Regioni italiane), con l’obiettivo di enucleare linee idonee per una specifica pastorale per le Aree interne.

Il Presidente della Repubblica ha mostrato apprezzamento e confermato l’importanza di questo cammino ed ha assicurato che ne seguirà gli sviluppi con interesse. Un passo in avanti, nella speranza che tutti i soggetti coinvolti siano disponibili e capaci di sperimentare nuove prassi e porre in atto azioni convergenti ed efficaci per il bene delle comunità.

Lettera dell’arcivescovo di Benevento mons. Accrocca in occasione del S. Natale 2023

Lettera dell’arcivescovo di Benevento mons. Accrocca in occasione del S. Natale 2023

AttualitàBenevento Città

Di seguito la Lettera dell’arcivescovo di Benevento mons. Accrocca in occasione del S. Natale 2023.

“Carissimi,
viviamo in un mondo senza pace: in Europa orientale, in Medio Oriente, in tante zone dell’Africa e dell’Asia (cosa di cui quasi nessuno parla) conflitti armati mietono ogni giorno vittime innocenti (quanti bambini già sono morti a Gaza e quanti ne morranno ancora, a seguito anche delle epidemie provocate dalla guerra in atto?), mentre la mancanza di senso genera nei giovani dolore e sofferenze diverse, che non di rado esplodono in atti violenti che seminano altro dolore, com’è accaduto ieri a Praga. Cosa sta succedendo, cosa ci stiamo perdendo?

La gioia sta diventando merce sempre più rara, mentre l’indifferenza cresce fino a farla da padrona: stiamo quasi abituandoci alla guerra, quando dovremmo invece ribellarci con forza.

Tuttavia, non dobbiamo perdere la speranza! Cristo, il Principe della pace (Is 9,6), viene nel mondo a farcene dono: pace ai vicini e pace ai lontani; egli ha fatto dei due un popolo solo (Ef 2,13-14). Possa trovare davvero, nel cuore degli uomini, un terreno pronto a riceverlo; possa Lui aiutarci a vincere le nostre paure, che non di rado ci rinchiudono in noi stessi, che ci portano a vivere le relazioni in modo conflittuale, che c’inducono anche a gesti d’intolleranza e ci rendono invece timidi e pigri nel fare il bene.

Dobbiamo reagire, a partire dal vissuto quotidiano, facendoci portatori di semplici gesti di pace, donando anche solo una parola buona, un sorriso, che non costa nulla a chi lo dà e tanto bene fa a chi lo riceve. Ne saremo capaci?
Vi auguro, di cuore, Buon Natale e tutti vi benedico!”.

Domenica si celebrerà la “Giornata Mondiale dei Poveri”

Domenica si celebrerà la “Giornata Mondiale dei Poveri”

AttualitàBenevento Città
Per l’occasione, l’arcivescovo mons. Felice Accrocca presiederà nella Cattedrale di Benevento la celebrazione eucaristica  alle ore 11.

Si celebrerà domenica 19 novembre 2023 la Giornata mondiale dei Poveri. Il motto di quest’anno è ripreso dal libro di Tobia: “Non distogliere lo sguardo dal povero” (Tb 4,7).

La “Giornata Mondiale dei Poveri” giunge per la settima volta a sostenere il cammino delle nostre comunità.

Per l’occasione, l’arcivescovo mons. Felice Accrocca presiederà nella Cattedrale di Benevento la celebrazione eucaristica  alle ore 11,  con la partecipazione di tutti gli operatoti della Caritas diocesana. È un appuntamento che progressivamente la Chiesa sta radicando nella sua pastorale, per scoprire ogni volta di più il contenuto centrale del Vangelo.

L’uomo del nostro tempo avverte di avere un destino comune a tutti i suoi contemporanei, intrecciato e interconnesso a quello della vita e del pianeta. Possiamo dire, purtroppo, che in questi anni la situazione sociale ed economica mondiale è andata progressivamente peggiorando.

Gli ultimi tre anni, in particolare, sono stati segnati dalla pandemia, dalla crisi economica, dalla violenza del terrorismo e dalle guerre in Europa e in Medio Oriente, che ci vedono direttamente coinvolti, per cui riesce difficile ignorarle come, in genere, facciamo con gli altri conflitti in corso. Sono anni di fatica e di timore della relazione con l’altro, soprattutto con il diverso, sono anni segnati dal disorientamento, dall’incertezza e dal timore del futuro.

Sannio, Mons. Accrocca nomina due nuovi parroci a Pontelandolfo e Fragneto L’Abate

Sannio, Mons. Accrocca nomina due nuovi parroci a Pontelandolfo e Fragneto L’Abate

AttualitàDalla Provincia

Sua Eccellenza l’Arcivescovo di Benevento mons. Felice Accrocca, in data 6 novembre 2023, ha accettato le dimissioni, per raggiunti limiti di età, del rev.mo sacerdote mons. Giuseppe Rosario Girardi, ringraziandoLo per il lungo e prezioso ministero pastorale svolto a servizio della comunità parrocchiale del “Santissimo Salvatore” in Pontelandolfo (BN), conferendoGli, a norma del can. 185 CIC, il titolo di Parroco emerito.

Nella stessa data, ha nominato:

1)   il rev.do sacerdote don Claudio Caltanisetta, Parroco del “Santissimo Salvatore” in Pontelandolfo (BN);

2)   il rev.do sacerdote don Donato D’Agostino, Parroco di “Maria Santissima Assunta” in Fragneto L’Abate (BN).

Nuovo anno Pastorale, Accrocca: “Ascolto, formazione e dialogo al centro della vita parrocchiale”

Nuovo anno Pastorale, Accrocca: “Ascolto, formazione e dialogo al centro della vita parrocchiale”

AttualitàBenevento Città

Carissimi – scrive Mons. Felice Accrocca -, domenica prossima daremo inizio, tutti insieme, al nuovo Anno Pastorale lasciandoci guidare dalla Parola di Dio, lampada ai nostri passi.

Come già lo scorso anno, sarà, in sintonia con il cammino fatto dalla nostra Chiesa e con le indicazioni provenienti dalla Conferenza Episcopale Italiana, un anno dedito all’ascolto e alla formazione, al dialogo e alla corresponsabilità, per un rilancio della vita parrocchiale. V’invito perciò a partecipare, nella chiesa Cattedrale, alla celebrazione eucaristica che segnerà l’inizio di questo percorso, domenica 1 ottobre alle ore 19.

Sia per noi modello Maria, la Madre di Dio, donna dell’ascolto e regina della pace! Lei stessa ci aiuti a ritrovare, giorno dopo giorno, parole e gesti di pace. A voi tutti, nessuno escluso, il mio saluto più cordiale e sincero e la mia paterna benedizione.

Accademia di Santa Sofia, domani l’incontro con Mons. Felice Accrocca

Accademia di Santa Sofia, domani l’incontro con Mons. Felice Accrocca

Eventi

Domani, Venerdì 16 giugno, alle ore 20:00, presso la Chiesa di Santa Sofia di Benevento si terrà l’atteso incontro con Mons. Felice Accrocca su “Francesco d’Assisi, intitolato “L’autografia di un illetterato”.

L’appuntamento è compreso nella Stagione Artistica 2023, promossa da Accademia di Santa Sofia insieme a Università degli Studi del Sannio e Conservatorio di Benevento, sempre con la direzione artistica di Marcella Parziale e Filippo Zigante, e la consulenza scientifica di Marcello Rotili, Massimo Squillante e Aglaia McClintock.

L’Arcivescovo di Benevento, Felice Accrocca, nato il 2 dicembre 1959 a Cori, in provincia di Latina, dopo la maturità scientifica ha frequentato i corsi teologici presso il Pontificio Collegio Leoniano di Anagni. Successivamente ha conseguito la Laurea in Lettere all’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” e il Dottorato in Storia Ecclesiastica presso la Pontificia Università Gregoriana. Numerose e importanti le cariche ricoperte in tutta Italia.

Nominato arcivescovo metropolita di Benevento il 18 febbraio 2016 da Papa Francesco, il 12 giugno ha preso possesso dell’arcidiocesi di Benevento.

Docente di Storia della Chiesa medievale presso la Pontificia Università Gregoriana e docente all’Istituto Teologico di Assisi, è tra i più grandi studiosi di San Francesco, esperto di storia medievale e profondo conoscitore del santo di Assisi.

Riconosciuto come uno dei massimi esperti mondiali sulla vita di Francesco, partecipa come relatore a molti convegni sul Francescanesimo, in Italia e all’Estero. Numerose anche le pubblicazioni: libri, articoli e saggi, tra cui il volume “Chi me lo fa fare? La lotta nello sviluppo umano e spirituale di Francesco d’Assisi” scritto con padre Enzo Fortunato.

Collabora da anni con la rivista San Francesco e il sito sanfrancesco.org.

Francesco d’Assisi è vissuto 44 anni, dall’inverno 1181/82 fino al crepuscolo del sabato 3 ottobre 1226. Viene battezzato con il nome Giovanni, ma il padre, Pietro di Bernardone, pendolare tra I’ Italia e la Francia, per commerciare “panni franceschi”, lo chiama Francesco. Religioso e poeta italiano, fondatore dell’ordine che da lui prese il nome, è venerato come santo dalla Chiesa cattolica e dalla Comunione anglicana; proclamato, assieme a Santa Caterina da Siena, Patrono d’Italia, il 18 giugno 1939 da papa Pio XII, il 4 ottobre ne viene celebrata la memoria liturgica in tutta la Chiesa cattolica.

Profondamente ascetico, è ricordato come “il poverello d’Assisi” per via della sua scelta di spogliarsi di ogni bene materiale e condurre una vita minimale, in totale armonia con la natura e tutto il “creato”. Oltre che per l’opera spirituale, Francesco, grazie al Cantico delle creature, è riconosciuto come uno dei padri della tradizione letteraria italiana.

Ricordiamo che l’ingresso è libero.

Cervinara, sarà don Francesco Vetrone il nuovo parroco

Cervinara, sarà don Francesco Vetrone il nuovo parroco

AttualitàDalla Regione
Cervinara avrà un nuovo parroco che sostituirà don Luca Cennerazzo, che nel contempo prenderà in carico la parrocchia di Montemiletto.

Sua Eccellenza l’Arcivescovo di Benevento mons. Felice Accrocca, in data odierna, 10 giugno 2023, ha nominato:

 –         il rev.do sacerdote don Luca Cennerazzo, Parroco di “Maria Santissima Addolorata in Sant’Anna” in Montemiletto (AV);

–         il rev.do sacerdote don Francesco Vetrone, Vicario parrocchiale delle Parrocchie di San Gennaro Vescovo e Martire, San Marciano, San Potito Martire, San Nicola Vescovo, Sant’Adiutore Vescovo, e di Santa Maria della Valle in Cervinara (AV), costituite in Unità Pastorale.

Le date per la presa di possesso canonico del neo Parroco di Montemiletto e per l’inizio del ministero del nuovo Vicario parrocchiale di Cervinara saranno stabilite di comune accordo con l’Arcivescovo. 

Alluvione Emilia-Romagna, Accrocca: “Chiedo di indire una raccolta fondi”

Alluvione Emilia-Romagna, Accrocca: “Chiedo di indire una raccolta fondi”

AttualitàBenevento Città

“Carissimi,

la tragedia che ha colpito l’Emilia Romagna è sotto gli occhi di tutti e non ho bisogno di sprecare parole: noi stessi, quasi otto anni fa, fummo colpiti allo stesso modo, per fortuna senza che vi fossero vittime; possiamo ben capire, quindi, le difficoltà che decine di migliaia di sfollati stanno affrontando in questi momenti. Come cristiani non possiamo accettare che tutto si risolva in parole, poiché il Vangelo dev’essere sempre al centro di ogni nostra idea o progetto, il criterio ispiratore delle nostre azioni.

A tal proposito, quindi, chiedo a tutte le comunità d’indire, nei giorni di sabato e domenica 27-28 maggio, Solennità della Pentecoste, una raccolta di fondi a favore di quelle popolazioni (le offerte vanno quanto prima versate, causale “Alluvione Emilia Romagna”, a Caritas-Arcidiocesi di Benevento, Banca Etica, IT89Q0501803400000011602885, che provvederà a farle pervenire alla Delegazione Regionale di Caritas Emilia Romagna): il Signore benedirà la nostra generosità, perché è vero che alla fine ci resterà solo quel che avremo donato e il bene fatto sarà l’unica cosa che potremo portare con noi.

Contando sulla generosità di tutti, tutti saluto e benedico di cuore”.

Felice Accrocca – arcivescovo metropolita di Benevento

La lettera di Pentecoste di Mons. Felice Accrocca

La lettera di Pentecoste di Mons. Felice Accrocca

AttualitàBenevento Città

Riceviamo e pubblichiamo la lettera dell’arcivescovo, Felice Accrocca, per la Pentecoste 2023.

Carissimi,

sta per concludersi il Tempo Pasquale, tempo di grande esultanza. Come si legge infatti nel Messale Romano, “i cinquanta giorni che si succedono dalla domenica di Risurrezione alla domenica di Pentecoste si celebrano nell’esultanza e nella gioia come un solo giorno di festa, anzi come «la grande domenica»”.

Nella Chiesa antica tutto ciò era vissuto con straordinaria partecipazione. Vogliamo, almeno in parte, ripetere quest’esperienza, pregando insieme, come Maria e gli Apostoli, in attesa del dono dell’effusione dello Spirito. Per questo v’invito tutti a Benevento, in Cattedrale, sabato 27 maggio ore 21, per celebrare la Veglia di Pentecoste. In particolar modo, amerei partecipassero i giovani che si preparano alla Cresima, o l’hanno già celebrata nel corso di quest’anno. Dopo la preghiera, condivideremo un’agape fraterna all’interno del Palazzo Episcopale (le condizioni climatiche sconsigliano di ripeterla, come negli anni scorsi, presso l’Oratorio “Giardini Angela Merici”).

Vi aspetto! A tutti voi, il mio saluto più cordiale e sincero.

Quaresima 2023: il programma nel messaggio dell’Arcivescovo di Benevento mons. Felice Accrocca

Quaresima 2023: il programma nel messaggio dell’Arcivescovo di Benevento mons. Felice Accrocca

AttualitàBenevento Città

In occasione della Quaresima 2023, l’Arcivescovo di Benevento mons. Felice Accrocca, attraverso un messaggio epistolare ricorda gli appuntamenti e le ricorrenze che si succederanno durante il suddetto periodo:

Carissimi, si apre oggi il tempo santo di Quaresima: un tempo di grazia che il Signore ci dona perché ognuno di noi possa intraprendere un vero cammino di conversione e mostrare con le opere la propria fede, in quanto senza le opere la fede è morta (Gc 2,26): senza carità, quindi, non si va in paradiso.

Occasioni non mancheranno. Vi comunico infatti, sin da ora, che il 26 marzo, domenica V del Tempo di Quaresima, è indetta una Colletta nazionale in favore delle popolazioni colpite dal terremoto in Turchia e in Siria: non possiamo far mancare la nostra solidarietà verso quelle popolazioni che hanno perso i propri cari, la casa e ogni altro avere, perché non venga loro meno la speranza.

Vi ricordo pure che venerdì 10 marzo ogni parrocchia è invitata a celebrare una Messa per le vittime della guerra in Ucraina e la pace in quel Paese.

Sin da ora, annuncio poi a tutti che ricorre quest’anno il 300° anniversario dell’incoronazione della Madonna delle Grazie, compiuta dal Cardinale Vincenzo M. Orsini il 3 aprile 1723 nella Cattedrale di Benevento: un secolo fa il Centenario fu solennemente festeggiato per volontà del Cardinale Alessio Ascalesi.

Vogliamo perciò sottolineare questa ricorrenza: nell’occasione, la Madonna delle Grazie si recherà pellegrina in tutte le zone pastorali della nostra Arcidiocesi.

Verrà quanto prima diffuso un programma più dettagliato di questa “missione”, che si aprirà il 21 aprile e si concluderà il 1° maggio 2023.

Sarà l’occasione per vivere il Tempo Pasquale insieme con Maria e insieme con Lei e con gli Apostoli sostare, perseveranti e concordi nella preghiera (At 1,14), in attesa della pienezza del dono dello Spirito.

Vi ringrazio di cuore, e di cuore vi benedico. Buon cammino di Quaresima“.