Montesarchio, atto intimidatorio contro attività commerciale

Montesarchio, atto intimidatorio contro attività commerciale

CronacaProvincia

Potrebbe avere una matrice dolosa, l’incendio sviluppatosi questa notte all’esterno di una macelleria di Montesarchio.

Erano le 3.45 circa quando i Vigili del Fuoco di Bonea hanno ricevuto una richiesta di intervento. 

Vittima dell’atto che si presume intimidatorio è una macelleria di via Borghetelle. Le fiamme si sono sviluppate all’esterno dell’attività commerciale. 

Stando alle prime ricostruzioni, qualcuno avrebbe tentato di mettere fuoco il locale con del liquido infiammabile. 

Registrati danni solo alla porta d’ingresso, rotta dall’autore del gesto per entrare e gettare il liquido all’interno, e annerita poi dalle fiamme.

Macellazione abusiva, sequestri a San Giorgio la Molara, Circello e Calvi

Macellazione abusiva, sequestri a San Giorgio la Molara, Circello e Calvi

CronacaProvincia
I Carabinieri hanno posto sotto sequestro un macello, tre aziende zootecniche e una macelleria: gli indagati sono accusati a vario titolo di macellazione clandestina e ricettazione di specialità medicinali. Le procedure di abbattimento utilizzate sottoponevano, talvolta, gli animali a inutili sofferenze.

Nella mattinata di ieri mercoledì 16 febbraio, all’esito di intensa e complessa attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Benevento, i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale di Benevento e del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità di Salerno, collaborati dalle Stazioni CC Forestali della Provincia di Benevento hanno sequestrato un macello, tre aziende zootecniche e una macelleria ubicati nei Comuni di San Giorgio la Molara (BN), Circello (BN) e Calvi (BN). Il provvedimento di sequestro preventivo è stato emesso dall’Ufficio G.I.P. del Tribunale di Benevento, su conforme richiesta della locale Procura della Repubblica, allo scopo di distrarre la disponibilità dei beni ai titolari indagati – a vario titolo – di diversi reati, tra cui macellazione clandestina, ricettazione di specialità medicinali veterinarie e falsificazione dei modelli di movimentazione degli animali.

Il provvedimento è scaturito da un’attività avviata nel 2019 dai carabinieri del Gruppo Forestale di Benevento e San Marco dei Cavoti e da riscontri investigativi emersi a seguito di verifiche igienico-sanitarie svolte dai carabinieri del N.A.S. di Salerno. In particolare le indagini hanno consentito di raccogliere elementi in ordine alla macellazione clandestina di diversi capi di bestiame – prevalentemente ovini, ma anche di specie suina – che avveniva in luoghi diversi dagli stabilimenti riconosciuti e, talvolta, nelle stesse aziende zootecniche, sottoponendo gli animali a inutili sofferenze durante le procedure di abbattimento; inoltre alcuni capi ovini adulti erano non tracciabili in quanto  privi di marche auricolari e dei boli endoruminali; mentre presso una delle aziende erano detenute specialità medicinali in assenza della prescrizione veterinaria; inoltre duranti altri controlli precedenti erano state sequestrate carcasse di animali prive di dati identificativi in quanto  sprovviste di indicazioni in grado di dimostrarne la legittima provenienza e  della documentazione della tracciabilità dei capi originari; in altre occasioni erano stati riscontrati la presenza di capi ovini macellati privi di bolo identificativo e venivano poste in vendita in altre occasioni carni considerate non genuine in quanto mancanti di indicazioni sulla tracciabilità, lavorazione e trasformazione.

Il quadro investigativo delineato e le prospettazioni della procura della repubblica sono stati ritenuti sufficienti per la emissione del sequestro preventivo e idonei a ritenere sussistenti le esigenze cautelari correlate al provvedimento di sequestro preventivo dei beni.      

I capi di bestiame rinvenuti durante l’esecuzione del provvedimento e i restanti beni – del valore complessivo stimato in oltre due milioni di euro – sono stati sequestrati e affidati ad un amministratore giudiziario. 

Si rappresenta che i predetti provvedimenti sono soggetti ad impugnazione ed emessi nella fase delle indagini preliminari mentre gli indagati sino a sentenza definitiva di condanna sono da considerarsi  innocenti .

Benevento, droga nel reparto macelleria di un noto supermercato: arrestato 50enne

Benevento, droga nel reparto macelleria di un noto supermercato: arrestato 50enne

BeneventoCronaca

 Dopo il brillante successo investigativo conclusosi nella tarda serata del 19 novembre u.s. con l’arresto in flagranza di reato di un pregiudicato del posto per spaccio di cocaina, nella mattinata odierna la Squadra Mobile di Benevento, coordinata sul posto dal Vice Questore Flavio Tranquillo, nel corso di mirati servizi finalizzati alla prevenzione e repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti ha effettuato una perquisizione di iniziativa all’interno della macelleria di un noto supermercato di Benevento.

Nel corso della stessa, eseguita nel retro bottega, i poliziotti si sono trovati difronte ad un vero e proprio laboratorio dove si presume venisse tagliata e confezionata marjuana ed hascisc per la successiva vendita.

In totale, è stato rinvenuto sotto il bancone della macelleria, che a seguito di mirate attività investigative si è accertato essere in uso ad un cinquantunenne del posto, circa mezzo chilo tra hashish e marjuana suddiviso in varie confezioni, nonché materiale da taglio ed un bilancino di precisione e nella successiva perquisizione domiciliare è stata ritrovata la somma in contanti di circa 1.600 € in banconote da, 50, 20 e 10, ritenuto provento della fiorente attività illecita, il tutto posto sotto sequestro.

L’uomo, pertanto, all’esito delle attività coordinate dalla Procura della Repubblica di Benevento, è stato tratto in arresto in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio della sostanza stupefacente, nonché deferito per un pregresso e documentato episodio di spaccio di stupefacenti avvenuto all’interno dello stesso supermercato ove lavora. 

Dopo le incombenze di rito, su disposizione del Pubblico Ministero di turno lo stesso è stato posto agli arresti domiciliari a disposizione della competente Autorità Giudiziaria, in attesa dell’udienza di convalida che sarà fissata innanzi al Tribunale del capoluogo sannita.

Benevento, droga nel reparto macelleria di un noto supermercato: arrestato 50enne

Benevento, droga nel reparto macelleria di un noto supermercato: arrestato 50enne

BeneventoCronaca

 Dopo il brillante successo investigativo conclusosi nella tarda serata del 19 novembre u.s. con l’arresto in flagranza di reato di un pregiudicato del posto per spaccio di cocaina, nella mattinata odierna la Squadra Mobile di Benevento, coordinata sul posto dal Vice Questore Flavio Tranquillo, nel corso di mirati servizi finalizzati alla prevenzione e repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti ha effettuato una perquisizione di iniziativa all’interno della macelleria di un noto supermercato di Benevento.

Nel corso della stessa, eseguita nel retro bottega, i poliziotti si sono trovati difronte ad un vero e proprio laboratorio dove si presume venisse tagliata e confezionata marjuana ed hascisc per la successiva vendita.

In totale, è stato rinvenuto sotto il bancone della macelleria, che a seguito di mirate attività investigative si è accertato essere in uso ad un cinquantunenne del posto, circa mezzo chilo tra hashish e marjuana suddiviso in varie confezioni, nonché materiale da taglio ed un bilancino di precisione e nella successiva perquisizione domiciliare è stata ritrovata la somma in contanti di circa 1.600 € in banconote da, 50, 20 e 10, ritenuto provento della fiorente attività illecita, il tutto posto sotto sequestro.

L’uomo, pertanto, all’esito delle attività coordinate dalla Procura della Repubblica di Benevento, è stato tratto in arresto in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio della sostanza stupefacente, nonché deferito per un pregresso e documentato episodio di spaccio di stupefacenti avvenuto all’interno dello stesso supermercato ove lavora. 

Dopo le incombenze di rito, su disposizione del Pubblico Ministero di turno lo stesso è stato posto agli arresti domiciliari a disposizione della competente Autorità Giudiziaria, in attesa dell’udienza di convalida che sarà fissata innanzi al Tribunale del capoluogo sannita.