Valle Caudina, tre arresti nel week-end

Valle Caudina, tre arresti nel week-end

CronacaProvincia

Una vasta e diversificata operazione di controllo del territorio condotta durante il fine settimana dai carabinieri della Compagnia di Montesarchio, finalizzata al contrasto della criminalità comune, dello spaccio di sostanza stupefacente nonchè al controllo della circolazione stradale.

Il servizio ha interessato tanto le vie cittadine quanto le aree più periferiche delle varie contrade dei comuni di Montesarchio, San Leucio del Sannio, Pannarano e Apollosa. L’attività, che ha visto l’impiego di 31 equipaggi automontati composti da 62 militari dipendenti della Compagnia ha consentito di controllare 187 persone di interesse operativo e 138 veicoli, effettuare 7 perquisizioni, elevare 5 contravventori al codice della strada, effettuare 1 sequestro amm.vo, contribuendo così ad innalzare il senso di sicurezza e fiducia nelle Istituzioni da parte della cittadinanza.

Nel corso di attività info-investigativa, un quarantenne di Pannarano (BN) veniva tratto in arresto perché trovato in possesso di armi con matricole abrase e/o mancante e munizioni detenute illegalmente presso la sua abitazione e su disposizione dell’Autorità Giudiziaria veniva sottoposto al regime degli arresti domiciliari.

In questo contesto, nelle prime ore dell’alba di domenica mattina, è stato tratto in arresto un giovane beneventano ma residente a San Leucio del Sannio (BN) perché sorpreso ad effettuare un attentato incendiario alla saracinesca di un punto scommesse nel predetto comune, mettendo a rischio la pubblica e privata incolumità. L’attività investigativa consentiva di identificare senza ombra di dubbio il reo, che su disposizione dell’Autorità Giudiziaria veniva sottoposto al regime degli arresti domiciliari.

Durante il controllo del territorio nel Comune di Apollosa (BN), è stato fermato un uomo che per il suo atteggiamento ha insospettito i militari operanti i quali hanno esteso il controllo anche presso la sua abitazione, dove sono state rinvenuti un bilancino di precisione e diverse dosi di sostanza stupefacente del tipo “hashish” pronte per essere cedute. Condotto presso gli Uffici della Compagnia è stato tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e su disposizione dell’Autorità Giudiziaria sottoposto al regime degli arresti domiciliari.

In conclusione, sono stati segnalati alla Prefettura di Benevento, quali assuntori di sostanze stupefacenti, 4 persone tra i 20 ed i 32 anni. Sequestrate diverse dosi di hashish e crack.

Le misure eseguite sono misure cautelari disposte in sede di indagine preliminare, avverso cui sono ammessi mezzi di impugnazione e i destinatari delle stesse sono persone sottoposte alle indagini e quindi presunte innocenti fino a sentenza definitiva.

S. Martino Valle Caudina, uomo trovato con coltello, ascia e due martelli: denunciato

S. Martino Valle Caudina, uomo trovato con coltello, ascia e due martelli: denunciato

CronacaRegione

Questa notte, i Carabinieri della locale stazione di San Martino Valle Cauduna, nell’ambito dei propri servizi, volti alla prevenzione ed alla repressione di reati predatori allo scopo di contrastare la criminalità ed intervenire con tempestività ed efficacia laddove necessario, hanno intimato l’“Alt” ad un veicolo sospetto con a bordo un 50enne di Summonte.

Lo stesso, alla specifica richiesta da parte degli operanti, non ha fornito alcuna valida giustificazione circa la sua presenza in quel comune.

All’esito di perquisizione personale e veicolare, l’uomo, già noto alle Forze dell’Ordine, è stato trovato in possesso di un coltello a scatto, un’ascia e due martelli di cui non è stato in grado di giustificare il porto.

Quanto rinvenuto è stato sottoposto a sequestro e il 50enne deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino per “Porto abusivo di armi od oggetti atti ad offendere”.

In considerazione dell’illeceità della condotta posta in essere e dell’ingiustificata presenza nel comune di Summonte, l’uomo è stato inoltre proposto per l’emissione della misura di prevenzione del Foglio di Via Obbligatorio.

Nuove regole per la detenzione di armi: le indicazioni della Questura

Nuove regole per la detenzione di armi: le indicazioni della Questura

AttualitàBenevento Città

Con l’entrata in vigore del Decreto Legislativo 10 agosto 2018 n. 104, tutti i detentori di armi hanno l’obbligo di presentare ogni cinque anni, all’Ufficio di Pubblica Sicurezza o al Comando dell’Arma dei Carabinieri presso il quale hanno denunciato le armi detenute, certificazione medica di cui all’art. 35, comma 7 del TULPS attestante l’idoneità psicofisica alla detenzione.

Sono esenti da tale obbligo:

i detentori che siano anche titolari di licenza di porto d’armi in corso di validità;

i collezionisti di armi antiche;

i soggetti autorizzati dalla legge a portare armi senza licenza.

Detto certificato deve essere rilasciato dal settore medico legale delle Aziende Sanitarie Locali, o da un medico militare, della Polizia di Stato o del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, dal quale risulti che il soggetto non sia affetto da malattie mentali oppure da vizi che ne diminuiscano, anche temporaneamente, la capacità di intendere e di volere.

In caso di inottemperanza alle descritte disposizioni, il detentore verrà formalmente diffidato a presentare il certificato nei successivi sessanta giorni, trascorsi i quali, verrà avviato un procedimento amministrativo finalizzato all’emanazione di un provvedimento di divieto di detenzione armi.

Premesso quanto sopra, gli interessati sono invitati a presentare con estrema sollecitudine la prescritta certificazione medica, unitamente alla copia dell’ultima denuncia delle armi in loro possesso e copia di un documento di riconoscimento, rivolgendosi all’ufficio competente per territorio.

Detenzione di droga, armi e munizioni da guerra: in arresto 40enne

Detenzione di droga, armi e munizioni da guerra: in arresto 40enne

CronacaRegione

La lotta allo spaccio di stupefacenti in Irpinia, condotta dai Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino, sta permettendo di assicurare vari spacciatori alla Giustizia e, nel contempo, sequestrare consistenti quantitativi di droghe.

In tale contesto, un’altra attività è stata eseguita ieri sera a Serino dove i Carabinieri hanno tratto in arresto un 40enne del posto per “Detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti”, “Detenzione illegale di armi comuni e di munizioni tipo guerra” e “Detenzione di armi clandestine”.

L’uomo, fermato da una pattuglia della locale Stazione impegnata in un servizio di controllo alla circolazione stradale, all’esito di perquisizione è stato trovato in possesso di circa 50 grammi di cocaina e 460 Euro in contanti.

Durante le successive perquisizioni eseguite presso l’abitazione di residenza e in un altro immobile nella disponibilità del predetto, il fiuto di “Olli” (questo il nome del cane antidroga del Nucleo Carabinieri Cinofili di Sarno che ha partecipato all’operazione) è stato attirato dall’odore di hashish occultato in un infisso della camera da letto.

A conclusione dell’attività di polizia giudiziaria, sono stati altresì rinvenuti e sottoposti a sequestro, ulteriori 100 grammi di cocaina, un chilo e 250 grammi di hashish, 8 chili e mezzo di marijuana, due bilancini di precisione e materiale vario per il confezionamento delle dosi.

Inoltre, l’accurata perquisizione ha permesso di rinvenire, abilmente occultate, e sequestrare tre pistole (una con matricola abrasa, una originariamente a salve ma modificata e una non registrata), un fucile caricato a pallettoni, 322 munizioni di vario calibro e una bomba da fucile inerte.

Il 40enne, su disposizione della Procura della Repubblica di Avellino, è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

Detiene illegalmente due carabine e tredici cartucce calibro 9: in arresto 62enne

Detiene illegalmente due carabine e tredici cartucce calibro 9: in arresto 62enne

CronacaRegione

I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Montella hanno tratto in arresto un 62enne di Cassano Irpino per “Detenzione di arma clandestina”.

L’uomo, all’esito di perquisizione domiciliare, è stato trovato in possesso di 2 carabine e 13 cartucce calibro 9 illegalmente detenute.

Quanto rinvenuto è stato sottoposto a sequestro e il 62enne, su disposizione della Procura della Repubblica di Avellino, è stato sottoposto agli arresti domiciliari.