Lunedì 5 febbraio via ai lavori per la realizzazione della rotatoria sulla Statale 7

Lunedì 5 febbraio via ai lavori per la realizzazione della rotatoria sulla Statale 7

AttualitàBenevento Città

 Il sindaco Clemente Mastella e l’assessore alle Opere pubbliche Mario Pasquariello rendono noto che avranno inizio lunedì, 5 febbraio 2024, i lavori di realizzazione della rotatoria sulla Statale 7, all’altezza dello svincolo con la Provinciale 150 (direzione Castelpoto).

“Lo scorso 15 gennaio avevamo approvato in Giunta il progetto esecutivo redatto da Ente Autonomo Volturno, con il quale abbiamo stipulato dieci giorni dopo un’apposita convenzione.

L’intervento sarà realizzato a totale carico dell’Eav, sotto la supervisione dell’Ufficio tecnico comunale.

Il progetto prevede la realizzazione di una rotatoria, in contrada Pontecorvo che consentirà di decongestionare il traffico veicolare e ridurre i tempi di percorrenza, per automobilisti e mezzi di trasporto pubblico, su una tratta stradale fondamentale per garantire il collegamento con la Valle Caudina e l’asse che conduce verso Caserta e Napoli”, concludono il Sindaco e l’Assessore.  

Castelpoto, inaugurata la Strada Provinciale 151 “Portelle”

Castelpoto, inaugurata la Strada Provinciale 151 “Portelle”

AttualitàDalla Provincia

Taglio del nastro sulla Strada provinciale n. 151 in località Portelle collegante il centro di Castelpoto alla Fondo Valle Vitulanese e quindi al vicino capoluogo di Benevento e agli altri Comuni della VCallata.

Erano presenti all’evento: il Presidente della Provincia di Benevento Nino Lombardi, il Sindaco di Castelpoto Vito Fusco e i Sindaci dei Comuni della Vallata Vitulanese ed altre Autorità.

La nuova arteria, benedetta dall’Arcivescovo di Benevento mons. Felice Accrocca, è frutto di una significativa sinergia tra Regione Campania, Provincia di Benevento e Comune di Castelpoto con l’utilizzo delle risorse finanziarie del Fondo Sviluppo e Coesione pari a circa 3 milioni di Euro.

L’arteria consente di superare le forti criticità di accesso alla viabilità principale da parte dei cittadini di Castelpoto ed avrà importanti e positivi effetti per tutte le attività produttive del territorio.

L’opera d’arte più importante sulla Sp. n. 151, e cioè il ponte sul fiume Calore lungo circa 130 metri, è stato intitolato, per decisione del Sindaco di Castelpoto, a Manfredi di Svevia Hohenstaufen, figlio di Federico II, caduto nel 1266 nella battaglia, cantata da Dante nel Canto III della “Divina Commedia”, proprio nella piana del Calore, contro il francese Carlo d’Angiò.

Castelpoto, il 10 novembre l’inaugurazione del tratto di strada “Portelle” e del nuovo ponte

Castelpoto, il 10 novembre l’inaugurazione del tratto di strada “Portelle” e del nuovo ponte

AttualitàDalla Provincia

Sarà una giornata storica per la comunità di Castelpoto. Il comune compirà un deciso passo in avanti nella modernizzazione della sua viabilità migliorando le interconnessioni con i principali assi di collegamento interregionali, mediante l’inaugurazione del nuovo tratto di strada “Portelle” e del ponte che sostituirà quello aperto nel 1956.

Nel corso dei lavori sono state già apportate significative modifiche al tracciato con il sensibile ampliamento della carreggiata del tratto superiore, il rifacimento del manto stradale e della relativa segnaletica orizzontale.

Sono stati aperti i nuovi svincoli da Benevento a Castelpoto e per Foglianise in entrambe le direzioni, ponendo fine ad una condizione di chiusura e marginalità.

Il nuovo ponte è stato realizzato secondo procedure conformi ai più elevati standard di sicurezza e aggiornate alle vigenti normative antisismiche. Il nuovo tracciato consentirà di viaggiare con maggiore sicurezza, riducendo i tempi di percorrenza verso la città capoluogo e i comuni della Valle Vitulanese.

L’opera è stata realizzata in un periodo storico di forte criticità e di instabilità internazionale, attraversando la pandemia e il caro materiali conseguenza della guerra russo-ucraina. Alla fine ce l’abbiamo fatta e grazie ad un tenace e costante lavoro di squadra e ad una forte sinergia istituzionale, consegniamo definitivamente ai cittadini un’infrastruttura moderna, sicura, strategica e attenta alla salvaguardia ambientale.

Un’opera che, nella sua complessità, innoverà profondamente la nostra mobilità aprendo nuovi orizzonti e nuove sfide per il futuro dei nostri territori.

COMUNICATO STAMPA

Valle Vitulanese, guasto su rete idrica: possibile irregolarità nel servizio

Valle Vitulanese, guasto su rete idrica: possibile irregolarità nel servizio

AttualitàDalla Provincia

Comunichiamo – scrive Gesesa – che a causa dei lavori di completamento del guasto improvviso riscontrato ieri sulla rete, questa mattina si potranno verificare irregolarità nel servizio idrico, quali bassa pressione o mancanza d’acqua nei seguenti comuni: Foglianise, Castelpoto, Paupisi, Vitulano e Torrecuso.

I tecnici sono già a lavoro. Seguiranno aggiornamenti.

Ricordiamo – si legge nella nota – che per segnalare Emergenze e Guasti è sempre attivo il numero verde gratuito sia da cellulare che da telefono fisso 800511717.

Valle Vitulanese, guasto improvviso al pozzo di Solopaca a causa del forte temporale di questa notte

Valle Vitulanese, guasto improvviso al pozzo di Solopaca a causa del forte temporale di questa notte

AttualitàDalla Provincia

Comunichiamo -scrive Gesesa- che dalle verifiche effettuate al pozzo di Solopaca il motore della pompa risulta in corto circuito. Si sta procedendo ad organizzare la sostituzione dello stesso che prevede un tempo di circa due giorni e mezzo.

Si potranno verificare, come già detto del comunicato precedente, irregolarità nel servizio idrico, quali fenomeni di bassa pressione o interruzione dell’erogazione.

Queste le zone interessate: Comune di Castelpoto, Foglianise, Paupisi, Tocco Caudio, Torrecuso, Vitulano e Campoli del Monte Taburno.

Riverberi, domani via alla tre giorni di Castelpoto

Riverberi, domani via alla tre giorni di Castelpoto

AttualitàDalla ProvinciaEventi

Dopo un lungo peregrinare Riverberi si ferma per ben tre giorni a Castelpoto con un weekend denso di appuntamenti. Nel Comune capofila la rassegna ideata e diretta da Luca Aquino s’intreccia con la programmazione di “S(t)uoni” per dar vita a concerti, mostre, allestimenti, installazioni, incontri con autori, aperitivi e degustazioni: l’offerta è completa e variegata e la cittadina pronta ad accogliere la carovana di appassionati al seguito.

Domani si parte alle 21.00 con la presentazione del progetto di riqualificazione del borgo antico di Castelpoto finanziato dal Ministero della Cultura a valere su fondi del PNRR, nell’ambito di una tavola rotonda, cui interverranno il sindaco della cittadina Vito Fusco, il preside dell’Istituto “Padre Isaia Columbro” Angelo Mellillo, il consulente nazionale dell’UNPLI per il Turismo Itinerante Ivan Perriera, il docente di Economia presso l’Università “Federico II” di Napoli Paolo Ricci, il consigliere regionale della Campania Erasmo Mortaruolo e il presidente della Provincia di Benevento Nino Lombardi. Modera il giornalista Luigi Trusio: si discuterà di “Rigenerazione Culturale e Sociale del Piccoli Borghi del Sud”, con riflessioni profonde sul futuro dei piccoli comuni, sul contrasto allo spopolamento e sulle soluzioni da adottare per far uscire le aree interne dall’isolamento.

A seguire, alle 22.00, spazio alla musica con il concerto di Daniele Sepe che si esibirà sulle note dell’album “Sepè Le Mokò”, che lo stesso artista partenopeo ha definito un debito di riconoscenza ad Antonio De Curtis, che mi ha salvato innumerevoli volte nelle giornate difficili, restituendomi il buon umore. E non è poca cosa”.

Un album sulle musiche dei film di Totò che non sono reperibili. Un progetto unico nel suo genere che riporta alla luce le dadaiste avventure di Totò e i suoi comprimari, Peppino De FilippoVittorio GassmanNino TarantoAldo Fabrizi, talmente intense e veloci che il più delle volte prestiamo poco orecchio a quello che avviene al di sotto, alle strepitose partiture che sottolineano la comicità tragicomica delle sceneggiature, e così perdiamo di vista un elemento prezioso.

Compositori della levatura di Piero PiccioniArmando TrovajoliLelio LuttazziCarlo RustichelliAlessandro CicogniniPiero Unliliani, tutti compositori con una possente preparazione jazzistica alle spalle. 

E quello che meraviglia, ascoltando la sola colonna sonora, è la qualità degli interventi degli interpreti che si susseguono negli assolo, perché molta musica è puro e semplice be-bop, spesso declinato nella sua variante West Coast, ed è sorprendente riconoscere figure del calibro diChet BakerGerry Mulligan dialogare con i personaggi dei film.“Sepè le Mokò” vuole restituire la genialità e la profonda italianità di questo swing sanguigno e ironico, che è un vero e proprio patrimonio, poco esplorato, della nostra tradizione jazzistica.

Un sentito omaggio a quei registi, attori, sceneggiatori e musicisti che ci hanno regalato e ci regalano buonumore, mica poco, e spesso uno sguardo più profondo di tanti film “seriosi” dell’epoca sulla società italiana degli anni ’60.Sepe (sax, clarinetto e flauti) sarà accompagnato da Mario Nappi al pianoforte e al Rhodes, Davide Costagliola al basso e al contrabbasso, Paolo Forlini alla batteria. Le musiche sono tratte da Totò, Peppino e la Dolce Vita,  Letto a Tre Piazze, Totò Sexy, Totò Diabolicus, Totò, Peppino e i Fuorilegge, Totò e Peppino Divisi a Berlino, La Banda degli Onesti, Gli Onorevoli, Risate di Gioia, Rita, la Figlia Americana, I Soliti Ignoti.

Il festival “Riverberi” è finanziato con risorse del POC Campania 2014/20 linea strategica “Rigenerazione urbana, politiche per turismo e cultura” destinate alla definizione del “Programma Unitario di Percorsi Turistici di tipo culturale, naturalistico ed enogastronomico di portata nazionale e internazionale” di cui alla DGR n. 298/2021 e all’Avviso Pubblico approvato con decreto dirigenziale n. 410/2021.

La vicepresidente del Parlamento Europeo, Pina Picierno, a Castelpoto 

La vicepresidente del Parlamento Europeo, Pina Picierno, a Castelpoto 

Politica

La vicepresidente del Parlamento Europeo, Pina Picierno a Castelpoto per discutere di emergenza ucraina e politiche di accoglienza. A riceverla il sindaco Vito Fusco e l’amministrazione comunale. Il SAI di Castelpoto, aderente alla Rete dei Piccoli Comuni del Welcome, è attivo sin dal 2017, rappresentando un modello virtuoso di accoglienza diffusa intrecciata a dinamiche di sviluppo locale.

Un comune che ha fatto della multiculturalità uno dei suoi elementi caratterizzanti, con una scuola in cui ben il 15% degli alunni, perfettamente integrati, è costituito da bimbi di nazionalità diversa da quella italiana.

Saranno ascoltate le testimonianze delle cittadine ucraine accolte a Castelpoto e di altri beneficiari SAI che hanno deciso di restare a Castelpoto anche dopo l’uscita del progetto.

Un excursus di 5 anni di esperienza che offrirà anche l’occasione per parlare del futuro delle piccole comunità del Mezzogiorno alla luce del Next Generation EU e della Programmazione Europea 2021 -2027.

Castelpoto, nuovi nati: il manifesto contro lo spopolamento

Castelpoto, nuovi nati: il manifesto contro lo spopolamento

AttualitàDalla Provincia

CASTELPOTO. “La gioia di un bambino è la gioia più grande della vita: così è il Natale”.

Questa è la frase con cui l’amministrazione comunale di Castelpoto ha voluto lanciare un messaggio di auguri e speranza, in vista delle festività, a tutti i concittadini.

La particolarità è che sul manifesto, comparso tra le strade del piccolo centro sannita, sono stati pubblicati i nomi di tutti i bambini nati nel 2021.

«In questo tempo di incertezza e di sfiducia – scrive l’amministrazione guidata dal primo cittadino Vito Fusco – il Natale è un faro che fa rinascere dentro e per questo vogliamo accendere per Castelpoto una luce di speranza: una nascita è una vita che sboccia ed è per questo che per ogni nuovo nato pianteremo un albero. Nel corso degli ultimi dodici mesi ai mille abitanti di Castelpoto si sono aggiunti altri otto piccoli concittadini.

L’iniziativa dedicata ai neonati è stata ideata proprio per lanciare un messaggio di speranza per il futuro e per contrastare, almeno simbolicamente, il fenomeno dello spopolamento.

“Abbiamo pensato di festeggiare così i nuovi nati in quanto – spiega il sindaco di Castelpoto Vito Fusco – rappresentano la nostra comunità che si ripopola ed è un bel segnale. Quest’anno abbiamo voluto inviare un messaggio beneaugurante e a breve per ogni nuovo nato pianteremo un albero. Inoltre, questa iniziativa si inserisce nel progetto che stiamo attuando contro lo spopolamento”.