Benevento, il 30 ottobre giornata di riflessioni sulla Pace

Benevento, il 30 ottobre giornata di riflessioni sulla Pace

AttualitàDalla Provincia

“La pace costruisce bellezza” è il tema della Giornata per la pace che si svolgerà lunedì 30 ottobre, a partire dalle ore 9, al Centro “La Pace”. L’iniziativa, oltre che dallo stesso Centro, è promossa da UNIpace e dall’Arcidiocesi di Benevento. Si tratta di un evento che conterrà tre momenti distinti, nei quali si alterneranno riflessioni, preghiera, dialogo e proposte per la costruzione di un’autentica cultura di pace. Sono 180 i conflitti attualmente in atto nel mondo e tutti ci chiediamo, alle nostre latitudini e secondo le personali risorse, cosa possiamo fare per contribuire alla riconciliazione e alla pace.

Per l’occasione saranno ricordate l’azione e l’attualità della testimonianza di don Emilio Matarazzo, fondatore del Centro “La Pace”, a 45 anni dalla sua morte e dall’annuncio della costruzione dell’importante opera oggi riferimento per la formazione e l’applicazione concreta dei concetti di pace, e gli 80 anni dai bombardamenti del secondo conflitto mondiale che devastarono la città (oltre duemila vittime civili) e nel corso dei quali venne distrutta anche la cattedrale. L’artista Giovenale inaugurerà una sua mostra dal titolo “Assenza, interpretazione, presenza” dedicata alla pace e all’azione svolta da don Emilo.

Nel dettaglio il programma prevede, alle 9, la celebrazione eucaristica presieduta da S.E. mons. Felice Accrocca; alle 10: “1978: Pace! Il grido di don Emilio” (Testimonianze, riflessioni e progetti); alle 11.30 l’inaugurazione della mostra di Giovenale “Assenza, interpretazione, presenza”; alle 13 il pranzo; alle 16.30: “La bellezza sotto attacco” (80 anni fa le bombe su Benevento, la cattedrale distrutta) con l’introduzione dell’arcivescovo Felice Accrocca e gli interventi di mons. Mario Iadanza (direttore del Museo diocesano) e dell’arch. Gennaro Leva (Soprintendente Beni architettonici, artistici e paesaggistici Caserta-Benevento).

VIDEO – Convegno “Teoria e pratica del Restauro”, Ferraro (presidente ANCE Benevento): “C’è bisogno di maestranze qualificate”

VIDEO – Convegno “Teoria e pratica del Restauro”, Ferraro (presidente ANCE Benevento): “C’è bisogno di maestranze qualificate”

AttualitàBenevento Città
Ascoltiamo di seguito le parole del presidente di ANCE Benevento, Mario Ferraro, ai microfoni di BeneventoNews24.it nell’intervista realizzata dal direttore, Gerardo De Ioanni, a margine dell’incontro di questa mattina.

Di seguito, invece, il resoconto del convegno tenutosi questa mattina al Centro La Pace.

Questa mattina, presso il Centro La Pace, con il Convegno “Teoria e Pratica del Restauro” prende il via il ciclo di cinque appuntamenti dedicati al restauro e alla valorizzazione del patrimonio artistico – culturale che parte dall’iniziativa “Cantiere scuola” avviata nel 2021 con la sottoscrizione del protocollo di riferimento.

Promotori ed organizzatori dell’iniziativa: Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Caserta e Benevento, Arcidiocesi di Benevento, ANCE Benevento, Confindustria Benevento, Ordine Architetti e il CFS (Centro Formazione e Sicurezza – ente bilaterale del settore edile) operanti nel territorio della provincia di Benevento.

“Crediamo in questo modello che abbina la teoria alla pratica”, spiega Mario Ferraro Presidente di ANCE Benevento.

“Il nostro scopo – prosegue – è quello di approfondire tecnicamente gli aspetti legati al restauro con le visite presso i cantieri che consentiranno di vedere sul campo le singole fasi e le specifiche attività che richiede un intervento di restauro. Cerchiamo di mettere in campo iniziative capaci di costruire valore per l’intera filiera che vede coinvolti professionisti, tecnici, imprese ed istituzioni affinché sia sempre più semplice mettere in atto il processo di conservazione e valorizzazione del nostro patrimonio.”

L’architetto Gennaro Leva, Soprintendente della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Caserta e Benevento, si è detto, particolarmente soddisfatto del risultato ottenuto, frutto di un lavoro di diversi mesi messo in campo per rispondere all’esigenza concreta  “del fare”.

Sempre per Gennaro Leva bisogna formare una nuova classe di operatori in questo importante segmento collegato al restauro del patrimonio di pregio per evitare di perdere alcune importanti professioni.

L’Arcidiocesi di Benevento è tra i sottoscrittori del protocollo alla base del percorso avviato e,  per Monsignor Felice Accrocca Arcivescovo metropolita di Benevento la priorità è quella di preservare la bellezza del patrimonio di pregio artistico e architettonico in considerazione del fatto che la maggiore consistenza del patrimonio artistico è rappresentato da quello ecclesiastico.

I prossimi appuntamenti sono previsti per il 14, 15, 21 e 28 giugno occasioni per illustrare tutto ciò che gravita intorno alla materia del restauro analizzando numerose problematiche in materia di conservazione, valorizzazione del patrimonio culturale, nonché delle tecniche e dei materiali innovativi che conservano la caratteristica della reversibilità.

Le giornate saranno anche l’occasione di organizzare visite guidate presso cantieri di edifici restaurati o in corso di restauro (rispettivamente Santuario di San Ciriaco di Torre le Nocelle (AV) – Teatro Romano di Benevento – Museo Diocesano/Cattedrale di Benevento), per prendere visione e toccare con mano interventi di recupero e restauro di beni ed immobili di grande valore.

Il 7 Giugno avvio ciclo di seminari Cantiere scuola restauro

Il 7 Giugno avvio ciclo di seminari Cantiere scuola restauro

AttualitàBenevento Città

Il prossimo 7 giugno ore 9.30 presso il Centro La Pace, prenderà il via il progetto del “Cantiere Scuola” indirizzato alla formazione di maestranze qualificate per il restauro architettonico.

L’iniziativa è stata organizzata da Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Caserta e Benevento, Arcidiocesi di Benevento, ANCE Benevento, Confindustria Benevento, Ordine Architetti e il CFS (Centro Formazione e Sicurezza – ente bilaterale del settore edile) operanti nel territorio della provincia di Benevento.

Il percorso, infatti, nasce a seguito della sottoscrizione, lo scorso 18 marzo 2021, da parte degli stessi soggetti, coinvolti a vario titolo, del Protocollo di Intesa  che diede avvio all’ambizioso progetto.

Approfondire la tematica del restauro architettonico è indispensabile in un territorio dotato di beni storico – culturali e patrimonio di pregio e farlo con i maggiori interlocutori significa costruire in maniera serie le basi per affrontare questo tema.

Il ciclo di incontri si articola attraverso 5 giornate con inizio il 7 giugno in ognuna delle quali il tema della conservazione del patrimonio culturale viene approfondito sotto diverse angolazioni.

Le singole giornate saranno dedicate alle imprese del settore, ai tecnici e alle persone interessate ad un settore, quello del Restauro, altamente qualificato e che incide in maniera importante sul ricco e variegato patrimonio artistico culturale del nostro bel paese.

Il progetto, che vede una grande partecipazione di relatori ed esponenti dei soggetti promotori dell’iniziativa, è stato apprezzato e promosso anche dalla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Caserta e Benevento, con il contributo dell’architetto Gennaro Leva, nuovo Soprintendente da febbraio 2023, che ha ritenuto l’iniziativa di grande valore e capace di avviare un confronto altamente qualificato  su tematiche riguardanti il recupero di beni archeologici, storici, monumentali, ed artistici e soprattutto della qualità del progetto di restauro dell’architettura.

L’obiettivo dei soggetti coinvolti nel progetto resta la formazione  di maestranze qualificate per il restauro architettonico capaci di misurarsi con i manufatti del patrimonio storico, artistico e architettonico.

Le date programmate per il ciclo di incontri sono il 7, 14, 15, 21 e 28  e garantiranno momenti di confronto e di approfondimento sul tema della conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale e sulle tecniche ed i materiali innovativi utilizzati.

Le giornate saranno anche l’occasione di organizzare visite guidate presso cantieri di edifici restaurati o in corso di restauro.

Arcidiocesi di Benevento, convegno su aree interne dal 29 al 31 maggio

Arcidiocesi di Benevento, convegno su aree interne dal 29 al 31 maggio

Eventi

“Cittadini del mondo, motore di comunità” è il tema del quarto forum delle aree interne che si terrà dal 29 al 31 maggio prossimi al Centro “La Pace” di Benevento.

Stavolta l’obiettivo è costruire un’Agenda Giovani ‘24-‘26 con progetti mirati e convergenti da consegnare al territorio e al futuro delle nuove generazioni di fronte alle sfide globali e locali, e con particolare attenzione alle frontiere educative.

Studenti, docenti e operatori in alcuni settori strategici, in particolare nei campi dell’innovazione e della cooperazione, avvieranno nel corso del Forum sei cantieri dai quali emergeranno progetti ancorati al territorio e alle attese reali delle giovani generazioni. Una sorta di PNRR junior in grado di invertire la tendenza a programmare senza visione. Quanti delle migliaia di progetti fotocopie proposti per il piano di rilancio e resilienza infatti sono stati formulati ascoltando i giovani? Quanti contengono concretamente ricadute per il loro futuro e per la crescita equilibrata delle società locali? E così via altri interrogativi sulla capacità di cogliere le opportunità al di là dei singoli interessi e degli egoismi settoriali.

I sei cantieri di lavoro riguarderanno questi temi: Partecipazione, diritti e sinergie istituzionali; Cooperazione, mercato e sviluppo; Controesodo e sfide progettuali; Sussidiarietà e cura alle persone; Beni culturali-paesaggistici, salvaguardia e valorizzazione turistica; Bellezza, tecnologie e nuovi linguaggi.

Gli istituti scolastici protagonisti del Forum sono: Istituto “Alberti”; Istituto professionale “Le Streghe”; liceo “Guacci”; Liceo “de La Salle”; Liceo scientifico “Fermi”; Istituto Tecnico Industriale “Bosco Lucarelli”; Liceo classico “Giannone”; Liceo “Virgilio”. Lo scopo è consentire una reale e convinta partecipazione perché alle attese globali si risponda con responsabili soluzioni locali. All’insegna del coraggio, del dialogo e della reciprocità. Tra gli ospiti del Forum anche il consigliere economico di SVIMEZ Delio Miotti e l’ambasciatore italiano in Zambia e Malawi Enrico de Agostini.

Benevento, al Centro La Pace un convegno sull’Ecosistema della Sanità Digitale

Benevento, al Centro La Pace un convegno sull’Ecosistema della Sanità Digitale

AttualitàBenevento Città

L’Ecosistema della Sanità Digitale, in tutti i suoi aspetti applicativi e normativi, è stato il tema dell’interessante convegno organizzato dalla GIMIAN APS-ETS a nome del dott. Michele Ceniccola, coordinatore dello stesso Provider di Formazione in Sanità accreditato Agenas.

L’incontro si è tenuto a Benevento, presso la sala convegni del ‘Centro La Pace’.

Numerosa la presenza di personale sanitario e amministrativo interessato all’attualità dell’argomento, la cui conoscenza è indispensabile sia per l’applicazione in ambito lavorativo che per l’aggiornamento professionale richiesto.

Il dott. Nunzio Castaldi, informatico professionista, ha presentato e relazionato riscuotendo enorme consenso e ponendo le basi per la crescita professionale presente e futura, sempre più richiesta nell’era del digitale 4.0: rendere ‘le strutture italiane più moderne, digitali e inclusive’, una prospettiva che l’emergenza sanitaria ha evidenziato come necessaria e non più procrastinabile.

Nello specifico, il convegno ha offerto una panoramica sulle azioni di intervento e sulle principali soluzioni finalizzate a migliorare i servizi sanitari (Fascicolo Sanitario Elettronico, Centro unico di prenotazione, Telemedicina), secondo le direttive e le linee guida dettate dalla Strategia per la crescita digitale e dal Piano Triennale per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione, e integrate nel Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR).

Benevento| Celebrata Santa Messa in onore della “Virgo Fidelis”, patrona dell’Arma dei Carabinieri

Benevento| Celebrata Santa Messa in onore della “Virgo Fidelis”, patrona dell’Arma dei Carabinieri

AttualitàBenevento Città

Nella mattinata odierna, presso la Cappella del Centro “La Pace” del capoluogo sannita, l’Arcivescovo Metropolita di Benevento, S.E. Mons. Felice Accrocca, ha celebrato la Santa Messa in onore della “Virgo Fidelis”, patrona dell’Arma dei Carabinieri, alla presenza del Prefetto e delle massime Autorità civili e militari, nonché di una rappresentanza di militari del Comando Provinciale di Benevento, dell’Associazione Nazionale Carabinieri e dell’Associazione Nazionale Forestali.

Hanno partecipato alla cerimonia anche i familiari dei militari caduti in servizio, decorati al Valor Militare e Civile e vittime del dovere.

Al termine della funzione religiosa, il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Benevento si è soffermato sul significato della cerimonia, ricordando che la celebrazione della “Virgo Fidelis” risale all’8 dicembre 1949, quando Papa Pio XII promulgò il Breve Apostolico per proclamare ufficialmente la “Virgo Fidelis, Patrona dei Carabinieri”, fissando la data della ricorrenza al 21 novembre, in concomitanza della presentazione di Maria Vergine al Tempio di Gerusalemme e della Battaglia di Culqualber.

La scelta della celeste Patrona dell’Arma è ispirata alla fedeltà propria di ogni carabiniere che serve la Patria, caratteristica dell’Arma dei Carabinieri dalla fondazione sino ai giorni nostri e sintetizzata nel motto “Nei secoli fedele”, proprio come quella del 1° Battaglione Mobilitato Carabinieri e Zaptiè che, il 21 novembre 1941, si sacrificò a Culqualber in una delle ultime cruente battaglie nell’Africa Orientale. A seguito di tale fatto d’arme, fu conferita alla Bandiera dell’Arma la seconda Medaglia d’oro al valor militare con la seguente motivazione:

“Glorioso veterano di cruenti cimenti bellici, destinato a rinforzare un caposaldo di vitale importanza, vi diventava artefice di epica resistenza. Apprestato saldamente a difesa d’impervio settore affidatogli, per tre mesi affrontava con indomito valore la violenta aggressività di preponderanti agguerrite forze, che conteneva e rintuzzava con audaci atti controffensivi, contribuendo decisamente alla vigorosa resistenza dell’intero caposaldo, ed infine, dopo aspre giornate di alterne vicende, a segnare, per l’ultima volta in terra d’Africa, la vittoria delle nostre armi. Delineatasi la crisi, deciso al sacrificio supremo, si saldava graniticamente agli spalti difensivi e li contendeva al soverchiante avversario in sanguinosa, impari lotta corpo a corpo, nella quale comandante e carabinieri, fusi in un sol eroico blocco, simbolo delle virtù italiche, immolavano la vita perpetuando le gloriose tradizioni dell’Arma. Culqualber Africa Orientale agosto – novembre 1941”.

Il Comandante Provinciale ha poi ricordato l’esempio e la dedizione al servizio in favore della collettività espressi da tutti i Carabinieri, in particolare da quelli che hanno offerto la loro vita nell’adempimento del dovere, come l’App. Sc. M.O.V.M. Tiziano DELLA RATTA e l’App. M.O.V.C. Vittorio VACCARELLA, i cui familiari erano presenti alla celebrazione.

In concomitanza con la “Virgo Fidelis” si è celebrata anche la “Giornata dell’Orfano”. Al riguardo, è stata evidenziata la preziosa attività svolta quotidianamente dall’Opera Nazionale di Assistenza agli Orfani dei Militari dell’Arma dei Carabinieri (ONAOMAC) per la vicinanza e il sostegno morale alle famiglie e, soprattutto, agli orfani dei Carabinieri caduti in servizio.

Benevento| “Virgo Fidelis”  e Giornata dell’orfano: lunedì Santa Messa al Centro la Pace

Benevento| “Virgo Fidelis” e Giornata dell’orfano: lunedì Santa Messa al Centro la Pace

AttualitàBenevento Città

Il giorno 21/11/2022, alle ore 10.30 in Benevento alla via A. Cifaldi presso la cappella del Centro “La Pace”, sarà celebrata una Santa Messa in occasione della commemorazione della “Virgo Fidelis”, dell’81° anniversario della “battaglia di Culqualbert” e della “Giornata dell’orfano”.

La cerimonia religiosa sarà officiata dall’Arcivescovo Metropolita di Benevento, S.E. Mons. Felice Accrocca e dal Parroco, don Teodoro Rapuano ed interverranno numerose Autorità Locali.

Forum aree interne: PNRR, transizioni digitale ed ecologica prospettive di sviluppo sulle piste dell’Unesco

Forum aree interne: PNRR, transizioni digitale ed ecologica prospettive di sviluppo sulle piste dell’Unesco

Eventi

Le strategie per “riabitare” l’Italia, in particolare le aree maggiormente desertificate e meno tutelate dalle politiche nazionali, comprendono anche lo sfruttamento delle risorse culturali e ambientali legate ai percorsi dettati dai beni riconosciuti Unesco.

Al terzo Forum delle aree interne “Mobilità veloce e suolo lento. Un ponte per le aree interne”, che si terrà al centro “La Pace” di Benevento dal 26 al 28 maggio prossimi, e che vedrà, tra gli altri, la partecipazione dei ministri Enrico Giovannini (infrastrutture e mobilità sostenibile) e Mara Carfagna (Sud e coesione territoriale), si affronterà in maniera operativa anche il tema del coinvolgimento attivo delle numerose comunità di diverse province interessate alla candidatura dell’Appia Antica a patrimonio dell’umanità. Vi sarà un villaggio tematico specifico ma più in generale si concentrerà l’attenzione su programmi trasversali e condivisi che riguardano la concreta valorizzazione dei borghi e dei beni culturali.

Il Forum è rivolto ad amministratori, operatori socio-politici, tecnici e imprenditori.

È possibile iscriversi entro e non oltre 15 maggio e fino ad un massimo di 250 partecipanti al seguente link www.faare.org

Si precisa inoltre che è possibile partecipare ai lavori solo se iscritti e che per accedere alla tre giorni il pass sarà rilasciato dalla segreteria solo il primo giorno esclusivamente a coloro che risultano iscritti.

IL PROGRAMMA DEL FORUM

Giovedì 26 maggio

16.00: Territori emarginati e fertilità delle differenze

Sabrina Lucatelli, coordinatrice di “Riabitare l’Italia” e partner di progetto del Forum Disuguaglianze e Diversità

17.00: Dibattito

18.00: Presentazione villaggi tematici

Ermete Realacci, presidente SYMBOLA;

Fabrizio Antolini, presidente SISTUR;

Francesco Monaco, Capo Dipartimento Supporto ai Comuni e Studi politiche europee – IFEL;

Annalisa Mandorino, segretaria CITTADINANZA ATTIVA

20.15: Cena

Venerdì 27 maggio

9.30: Introduzione lavori

10.00: PNRR, riduttore di distanze

Enrico Giovannini, ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibile

11.15: Coffee break

11.30: Aree interne, investimento per la crescita del Paese

Mara Carfagna, ministro per il Sud e la coesione territoriale

13.00: Pranzo

15.00: Progetto e competenza, motori per una velocità sostenibile

Linee operative per attraversare responsabilmente la nuova fase sociale

Villaggi tematici: Qualità, innovazione e transizione culturale; Borghi, aree interne e restanza dei giovani: attrattività possibili; Transizione e nuovi strumenti di coesione; Diritti, solidarietà e formazione alla partecipazione civile.

20.15: Cena

21.00: Visita alla città

Sabato 28 maggio

9.00: Villaggi tematici, relazioni conclusive

11.00: Sviluppo e riequilibrio territoriale, buone prassi e progetti innovativi

Maurizio Bianchi: “Power engineering” (Tecnologia e gestione dell’energia)

Antonio Stasi: “Vazapp” (Scenari in agricoltura)

Alfonso Santoriello: “Ancient Appia Landscapes” (Transizione archeologica)

12.00: Conclusioni

Sul sito www.faare.org è possibile reperire le note tecniche per la partecipazione al forum e tutte le informazioni e il materiale del percorso effettuato fino ad oggi.

Al via le iscrizioni per il 3° forum amministratori aree interne

Al via le iscrizioni per il 3° forum amministratori aree interne

Eventi

A partire da oggi e fino all’8 maggio, sul sito www.faare.org sono aperte le iscrizioni al terzo Forum delle aree interne sul tema “Mobilità veloce e suolo lento. Un ponte per le aree interne”, che si terrà al centro “La Pace” di Benevento dal 26 al 28 maggio prossimi e vedrà, tra gli altri, la partecipazione dei ministri Enrico Giovannini (infrastrutture e mobilità sostenibile) e Mara Carfagna (Sud e coesione territoriale).

Il Forum, che ha preso il via con la sua prima edizione nel 2019, sotto la spinta propulsiva del documento dei vescovi “Mezzanotte del mezzogiorno”, è rivolto ad amministratori, operatori socio-politici, tecnici e imprenditori dei territori più fragili, storicamente svantaggiati sul piano sociale ed economico ma ricchi di potenzialità. Nell’edizione 2022 saranno centrali l’attenzione alle problematiche dello sviluppo connesse alla svolta del PNRR nazionale e soprattutto il coinvolgimento concreto nelle modalità progettuali. Sarà un Forum caratterizzato da una consapevole sfida, quella delle competenze, le sole capaci di evitare che una generosa visione di sviluppo e di cambiamento possa infrangersi contro gli scogli della superficialità, della pigrizia e della scarsa formazione tecnica e politica.

IL PROGRAMMA DEL FORUM

Giovedì 26 maggio

16.00: Territori emarginati e fertilità delle differenze

Sabrina Lucatelli, coordinatrice di “Riabitare l’Italia” e partner di progetto del Forum Disuguaglianze e Diversità

17.00: Dibattito

18.00: Presentazione villaggi tematici

Ermete Realacci, presidente SYMBOLA;

Fabrizio Antolini, presidente SISTUR;

Francesco Monaco, Capo Dipartimento Supporto ai Comuni e Studi politiche europee – IFEL;

Annalisa Mandorino, segretaria CITTADINANZA ATTIVA

20.15: Cena

Venerdì 27 maggio

9.30: Introduzione lavori

10.00: PNRR, riduttore di distanze

Enrico Giovannini, ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibile

11.15: Coffee break

11.30: Aree interne, investimento per la crescita del Paese

Mara Carfagna, ministro per il Sud e la coesione territoriale

13.00: Pranzo

15.00: Progetto e competenza, motori per una velocità sostenibile

Linee operative per attraversare responsabilmente la nuova fase sociale

Villaggi tematici: Qualità, innovazione e transizione culturale; Borghi, aree interne e restanza dei giovani: attrattività possibili; Transizione e nuovi strumenti di coesione; Diritti, solidarietà e formazione alla partecipazione civile.

20.15: Cena

21.00: Visita alla città

Sabato 28 maggio

9.00: Villaggi tematici, relazioni conclusive

11.00: Sviluppo e riequilibrio territoriale, buone prassi e progetti innovativi

Maurizio Bianchi: “Power engineering” (Tecnologia e gestione dell’energia)

Antonio Stasi: “Vazapp” (Scenari in agricoltura)

Alfonso Santoriello: “Ancient Appia Landscapes” (Transizione archeologica)

12.00: Conclusioni

Sul sito www.faare.org è possibile reperire le note tecniche per la partecipazione al forum e tutte le informazioni e il materiale del percorso effettuato fino ad oggi.

COMUNICATO STAMPA