Festività pasquali, i Carabinieri aumentano i controlli per prevenire furti e truffe

Festività pasquali, i Carabinieri aumentano i controlli per prevenire furti e truffe

CronacaProvincia

In questi giorni prossimi alle festività pasquali, in cui si registrerà l’intensificarsi degli spostamenti dei residenti e l’arrivo di numerosi visitatori, i malfattori, nel tentativo di mescolarsi nei predetti flussi, troveranno ad attenderli i Carabinieri della Compagnia di Cerreto Sannita che anche nei giorni festivi intensificheranno la loro azione di controllo del territorio con il prioritario intento di prevenire i furti in abitazione, le truffe agli anziani, lo spaccio e l’uso di sostanze stupefacenti e gli incidenti stradali.

Solo nella giornata di ieri, nel territorio dei 21 Comuni di competenza, confinanti con le province di Caserta e Campobasso, sono state dispiegate 18 pattuglie che hanno controllato complessivamente 134 veicoli e 167 soggetti, tra cui numerosi già noti alle Forze dell’Ordine.

I militari, oltre a pattugliare le aree più isolate e vulnerabili ai furti, spesso abitate da persone anziane, hanno eseguito anche svariate perquisizioni personali e veicolari alla ricerca di arnesi da scasso utilizzati per aprire i serramenti, armi e sostanze stupefacenti.   

A San Salvatore Telesino, per un uomo e due donne, gravati da numerosi precedenti di polizia, è scattato la richiesta del foglio di via obbligatorio poiché controllati in prossimità di un affollato esercizio commerciale, non fornivano idonea giustificazione della loro presenza in loco. Inoltre l’uomo è stato anche denunciato per reiterata guida senza aver mai conseguito la patente, con conseguente sequestro del veicolo.

Per la medesima violazione a Pontelandolfo è stato denunciato un uomo del posto, la vettura sottoposta a sequestro ed affidata in custodia alla proprietaria, anch’essa multata per incauto affidamento.  

A Telese Terme, un giovane della valle telesina è stato segnalato per uso personale di sostanze stupefacenti all’autorità competente, poiché, a seguito di controllo, è stato trovato in possesso di marijuana. Inoltre nella stessa cittadina termale un automobilista è stato sanzionato per mancata copertura assicurativa con conseguente sequestro del veicolo.

Nei comuni di Castelvenere e Cerreto Sannita sono stati sanzionati due automobilisti per uso del telefono cellulare alla guida e guida senza cinture di sicurezza.

Sono state elevate complessivamente 20 sanzioni al codice della strada per un totale di oltre 4.000 euro.

Continua incessante l’attività di prevenzione dei Carabinieri nella Provincia di Benevento, ma come ricordano gli stessi militari, è fondamentale la collaborazione dei cittadini nel segnalare prontamente al “112” situazioni sospette.

Picchia e minaccia la compagna: arrestato 36enne

Picchia e minaccia la compagna: arrestato 36enne

CronacaProvincia

I Carabinieri della Stazione di Cerreto Sannita, nella tarda serata di ieri, hanno tratto in arresto un 36enne del posto per maltrattamenti nei confronti della compagna.

La donna, 30enne, residente nella valle telesina, dopo l’ennesima aggressione subita, decideva di richiedere l’intervento dei Carabinieri, a cui riferiva che poco prima il compagno l’aveva insultata, picchiata e minacciata di morte alla presenza della figlia minorenne.

La condotta violenta dell’uomo si ripeteva finanche davanti ai Carabinieri che, resisi conto della vulnerabilità della donna e della bambina presente, conducevano l’uomo in caserma, dove, acquisita la denuncia della vittima e conclusi gli accertamenti e le formalità di rito, dichiaravano in arresto l’uomo che veniva tradotto alla Casa Circondariale di Benevento a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

I Carabinieri ricordano che è indispensabile richiedere il loro intervento per evitare le possibili gravi ed insanabili conseguenze di una aggressione domestica ed invitano a rivolgersi alla propria Stazione o al numero gratuito di emergenza nazionale “112”.  

La persona in stato di arresto, allo stato è indagata e quindi presunta innocente fino a sentenza definitiva.

Automobilisti indisciplinati: sanzioni per 11.200euro

Automobilisti indisciplinati: sanzioni per 11.200euro

CronacaProvincia
Sono 162 veicoli e 197 soggetti controllati dai Carabinieri, tra i quali alcuni già noti alle Forze dell’Ordine.

Nella giornata di ieri i Carabinieri della Compagnia di Cerreto Sannita hanno effettuato un servizio di controllo del territorio di competenza, allo scopo di prevenire i furti in abitazione e gli incidenti stradali, impiegando ben 23 pattuglie che hanno controllato complessivamente 162 veicoli e 197 soggetti, tra i quali alcuni già noti alle Forze dell’Ordine.

I militari, oltre a pattugliare le aree più isolate e vulnerabili ai furti, hanno eseguito anche svariate perquisizioni personali e veicolari alla ricerca di arnesi da scasso utilizzati per aprire i serramenti, armi e sostanze stupefacenti.   

Nei Comuni di San Lorenzello e Solopaca sono stato sanzionati i conducenti dei propri  veicoli già sottoposti a fermo fiscale, privi di revisione obbligatoria, sorpresi anche ad usare il proprio telefono cellulare durante la guida, mettendo così a repentaglio la propria e l’altrui incolumità in quanto tale comportamento è una delle principali cause di incidenti stradali gravi, con contestuale sottrazione di cinque punti dalla patente di guida.

Nei Comuni di Cerreto Sannita, Frasso Telesino e  Pontelandolfo due  automobilisti sono stati sanzionati per aver condotto le rispettive autovetture prive di revisione obbligatoria e con la patente di guida scaduta.

Ad Amorosi, Castelvenere e Faicchio sono stati sanzionati tre automobilisti intenti a condurre le proprie autovetture già sottoposte a fermo fiscale.

Nei Comuni di Telese Terme, San Salvatore Telesino, Puglianello, Cusano Mutri, Melizzano, Morcone e Guardia Sanframondi, numerosi automobilisti sono stati sanzionati per aver omesso di effettuare la prevista revisione periodica ai loro veicoli e per altre violazioni.

L’ammontare complessivo delle sanzioni elevate è di circa € 11.200.

L’attività di prevenzione perseguita dai Carabinieri è costante, ma gli stessi militari ricordano che è fondamentale la collaborazione dei cittadini nel segnalare prontamente al “112” persone e veicoli sospetti in modo da orientare e rendere fruttuosa la loro azione.

Furti in abitazioni e incidenti stradali: controlli dei Carabinieri in Valle Telesina e del Tammaro

Furti in abitazioni e incidenti stradali: controlli dei Carabinieri in Valle Telesina e del Tammaro

CronacaProvincia

Nella giornata di ieri i Carabinieri della Compagnia di Cerreto Sannita hanno effettuato un servizio di controllo del territorio in tutti i 21 comuni di competenza, allo scopo di prevenire i furti in abitazione e gli incidenti stradali. Le 22 pattuglie impiegate hanno controllato complessivamente 170 soggetti, tra cui alcuni già noti alle Forze dell’Ordine e 130 veicoli, principalmente nelle zone periferiche più esposte alle azioni criminose.

I militari hanno eseguito anche perquisizioni personali e veicolari alla ricerca di armi e di sostanze stupefacenti.  

Nei Comuni di Telese Terme, Solopaca e Sassinoro  sono stati sanzionati i conducenti di tre veicoli sottoposti a fermo fiscale; a Morcone un automobilista è stato sanzionato per guida pericolosa con contestuale ritiro della patente; nei Comuni di Telese Terme, Castelvenere, Amorosi, San Salvatore Telesino, Faicchio, Pontelandolfo, Frasso Telesino, Melizzano, Morcone, Cusano Mutri e Cerreto Sannita numerosi automobilisti sono stati sanzionati per aver omesso di effettuare la prevista revisione periodica ai loro veicoli e per guida senza patente; nel Comune di San Lorenzello un cittadino è stato sanzionato perché sorpreso alla guida mentre era intento ad usare il proprio telefono cellulare, che è una delle principali cause degli incidenti stradali per distrazione, con contestuale sottrazione di cinque punti sulla patente di guida.

L’ammontare complessivo delle sanzioni elevate è di circa € 12.000.

Nel Comune di Telese Terme inoltre sono stati fermati due giovani del luogo trovati in possesso di quindici grammi di sostanze stupefacenti di tipo marijuana per uso personale e pertanto segnalati alla competente Autorità Amministrativa.  

E’ incessante l’azione di prevenzione dei Carabinieri in tutto il territorio, ma nel contempo si richiede anche la collaborazione di tutti i cittadini nel segnalare prontamente al “112” persone e veicoli sospetti.

Consegnati i lavori per S.P. 79 San Salvatore Telesino – Telese Terme – Cerreto Sannita

Consegnati i lavori per S.P. 79 San Salvatore Telesino – Telese Terme – Cerreto Sannita

Politica

Consegnati dal Settore Infrastrutture della Provincia di Benevento i lavori per la messa in sicurezza della Strada provinciale  n. 79 San Salvatore Telesino – Telese Terme – Cerreto Sannita.

Lo comunica il Presidente della Provincia Nino Lombardi, il quale precisa verranno spesi 200mila Euro lungo l’arteria estesa circa 7 chilometri.

Gli interventi sono stati finanziati nell’ambito di un programma del Ministero delle Infrastrutture per la sicurezza nella viabilità.

Il Settore Tecnico, in considerazione dello stato di usura del manto stradale e di altre criticità, ha predisposto un progetto che prevede: la demolizione di pavimentazione stradale; la risagomatura del piano viabile; il ripristino dello stesso mediante tappetino.

La pasticceria sociale “Dolcemente” protagonista su Tv2000

La pasticceria sociale “Dolcemente” protagonista su Tv2000

AttualitàDalla Provincia
“Firmato da te” racconta il progetto “Dolcemente” della cooperativa iCare che costruisce il futuro lavorativo di ragazzi con disabilità.

Un laboratorio di pasticceria sociale di comunità per accrescere le relazioni interpersonali e sviluppare un modello inclusivo che promuova l’impegno lavorativo delle persone con disabilità. Si chiama “Dolcemente” l’iniziativa promossa dalla cooperativa iCare della diocesi Cerreto Sannita-Telese-Sant’Agata dei Goti che è stata avviata nel 2018, in provincia di Benevento, grazie anche al contributo dei fondi dell’8xmille alla Chiesa cattolica. Un progetto concreto che coinvolge una rete di pasticceri, volontari, genitori e ragazzi con disabilità che sognano un lavoro tramite l’impegno e la formazione nella preparazione di dolci e nella realizzazione di piccoli catering.

“Abbiamo circa trenta ragazzi con tante fragilità e caratteristiche molto diverse tra loro che frequentano settimanalmente il nostro laboratorio – spiega Elia Riccio, coordinatrice progetto “Dolcemente”, a Gianni Vukaj nella nuova puntata della serie Firmato da te in onda su Tv2000 – e ci proponiamo tre obiettivi: la risocializzazione di persone adulte con disabilità, l’acquisizione di competenze lavorative e, in ultima fase, l’inserimento lavorativo”.

Il progetto nasce da un’attenta lettura del territorio che ha fatto emergere la necessità di dare risposta a una richiesta legata all’impiego di persone adulte con handicap che si trovano fuori dai circuiti della formazione o dai contesti socio-riabilitativi. “La Chiesa diocesana ha rappresentato il motore della realizzazione del progetto – prosegue la coordinatricee grazie anche ai fondi 8xmille alla Chiesa cattolica siamo riusciti nell’intento di soddisfare un bisogno fondamentale della nostra comunità”. E i genitori hanno da subito potuto apprezzare le qualità dell’equipe coinvolta e anche l’importanza di un luogo in grado di rifondere fiducia nei loro figli: “Sapere che ci sono persone che hanno una particolare predisposizione all’accoglienza e all’inclusione, a farli sentire sicuri, a restituire quella dignità di cui hanno realmente bisogno, per noi genitori è una conquista e un traguardo”.

A distanza di anni dall’avvio del progetto, il laboratorio sociale è ormai un’esperienza quotidiana, consolidata, che combina la concretezza del lavoro con la crescita personale nell’ottica di prevenire forme di disagio o di emarginazione e di promuovere una cultura dell’integrazione socio-lavorativa di persone svantaggiate. Concetti che si declinano nella narrazione diffusa dei canali social di iCare che illustra con immagini significative la creatività dei prodotti realizzati e venduti dalla pasticceria che abbinano, ad esempio, i disegni sulla ricchezza e l’unicità della persona come la Love Box di dolciumi preparata per San Valentino. “Ho sposato l’idea sin dal primo momento, cioè da quando abbiamo scavato le fondamenta di questo luogo – racconta Marco Federico Lavorgna, responsabile di produzione “Dolcemente”-  Stare qui per me significa impegnarmi ogni giorno per provare a fare qualcosa di nuovo e più bello. Bisogna capire che lavorare nel nostro laboratorio è un’esperienza unica ed è importante viverla per comprendere questa differenza.” 

Un progetto che partendo dal presente intende edificare il futuro dei tanti ragazzi impegnati che hanno intrapreso un cammino formativo col preciso proposito di poter poi affrontare le sfide della vita. “Quando penso al domani – sottolinea il responsabileio immagino i giovani ormai autonomi, magari collocati in un punto vendita o dietro il bancone di un bar a mettere in pratica quello che hanno imparato ed è questa volontà che ci spinge a impegnare sempre maggiori energie tra queste mura”. Una speranza ispessita dalla responsabilità dell’impegno, conclude Elia Riccio: “Penso ai ragazzi e alle loro famiglie, non possiamo permetterci di deluderli”.

Le testimonianze di Elia, Marco, dei genitori e dei ragazzi sono al centro di un nuovo filmato della serie Firmato da te, che racconta, attraverso la voce dei protagonisti, cosa si fa concretamente con l’8xmille destinato alla Chiesa cattolica e segue le ricadute di un piccolo gesto nel vissuto di persone e luoghi. Un racconto in prima persona, senza filtri, con un montaggio serrato e cinematografico, che coinvolge lo spettatore nelle pieghe delle tante esperienze sostenute dalla carità cristiana.

Il programma, realizzato in collaborazione con il Servizio per la promozione del sostegno economico alla Chiesa cattolica, mette in luce il valore della gratuità, tocca la carne viva di ferite che spesso non si vogliono vedere, comprende gli sforzi di una chiesa in uscita, che si prende cura dei più deboli. I video della serie tv mettono in luce i mille intrecci che la Chiesa cattolica è in grado di creare, donando possibilità e speranza, intervenendo con discrezione e rispetto, operando con creatività e positività nel presente dell’Italia che arranca.

Ogni anno, grazie alle firme dei contribuenti, si realizzano, in Italia e nei Paesi più poveri del mondo, migliaia di progetti che vedono impegnati sacerdoti, suore e i tantissimi operatori e volontari che quotidianamente rendono migliore un Paese reale, fatto di belle azioni, di belle notizie.

Destinare l’8xmille alla Chiesa cattolica equivale, quindi, ad assicurare conforto, assistenza e carità grazie ad una firma che si traduce in servizio al prossimo. La Chiesa cattolica si affida alla libertà e alla corresponsabilità dei fedeli e dei contribuenti italiani per rinnovarla, a sostegno della sua missione.

Sono tanti i progetti documentati nella serie in onda su Tv2000 e disponibili online sul canale YouTube 8xmille.

Il video può essere condiviso al seguente link: https://www.youtube.com/watch?v=a3qiVUD1lkM

Servizio Civile, due i progetti della cooperativa sociale di comunità iCare

Servizio Civile, due i progetti della cooperativa sociale di comunità iCare

AttualitàDalla Provincia

La cooperativa sociale di comunità iCare continua ad essere tra gli organismi presso i quali è possibile svolgere il Servizio Civile Universale. Due i progetti presenti, per un totale di n. 6 posti disponibili per tutti i giovani dai 18 ai 28 anni (28 anni e 364 giorni compiuti). Uno riguarda l’area dell’assistenza per persone con disabilità e s’intitola “Insieme è possibile”.

Il numero dei volontari richiesti è di n. 4 e l’obiettivo è quello di migliorare complessivamente la qualità della vita delle persone con disabilità, riducendo le limitazioni e le barriere di tipo fisico, sociale e culturale. Sede di lavoro, “Casa Santa Rita” (sede di iCare) a Cerreto Sannita. Il secondo progetto, sempre riguardante l’area dell’assistenza, intitolato “Libere di essere noi”, avrà come obiettivo quello di accogliere, informare, orientare e sostenere le donne vittime di violenza, attraverso il sostegno psicologico, legale e relazionale, e avrà come sede di lavoro “Casa delle Donne”.

Il servizio per questa progettualità è riservato solo a n. 2 volontari di sesso femminile, essendo “Casa delle Donne”, com’è noto, una casa-rifugio per donne vittime di violenza che, proprio per la tipologia di struttura di accoglienza e di orientamento, prevede appunto, al suo interno, la presenza solo di personale e volontarie femminili.

E’ possibile compilare la domanda cliccando sul sito domandaonline.serviziocivile.it entro il prossimo giovedì 15 febbraio.

Il Servizio Civile Universale, una significativa esperienza educativa e formativa, è una importante occasione di crescita personale e professionale, un’opportunità di educazione alla cittadinanza attiva e al volontariato per contribuire alla costruzione di una comunità più giusta, un prezioso strumento per aiutare le fasce più deboli della società e un’esperienza che cambia la vita.

Controlli dei Carabinieri in Valle Telesina e Alto Tammaro

Controlli dei Carabinieri in Valle Telesina e Alto Tammaro

CronacaProvincia

Durante lo scorso fine settimana i Carabinieri della Compagnia di Cerreto Sannita, nei 21 comuni di competenza, hanno presidiato la valle telesina e dell’alto Tammaro mettendo in campo 30 Pattuglie per controllare tutto il territorio ed in particolare le principali vie di comunicazione tra le province di Benevento, Campobasso e Caserta.

Il fine è quello di tutelare la cittadinanza, prevenendo i furti in abitazione, agli esercizi commerciali, ai cantieri della T.A.C., contrastare lo spaccio e l’uso di sostanze stupefacenti e prevenire gli incidenti stradali, spesso gravi o mortali che vedono coinvolti i giovani guidatori.

Sono state controllate complessivamente 262 persone, tra cui diversi pregiudicati e 193 veicoli.

Nel Comune di Cerreto Sannita ad un giovane automobilista è stata ritirata la patente di guida poiché sorpreso a guidare una potente autovettura nonostante avesse conseguito l’abilitazione alla guida da meno di un anno; a Telese Terme ed a Frasso Telesino due uomini sono stati segnalati alla Prefettura per uso di sostanze stupefacenti; a Pontelandolfo sono stati sanzionati due automobilisti che circolavano con la patente di guida scaduta; a Cusano Mutri ed a Frasso Telesino sono state sequestrate due autovetture non coperte da assicurazione obbligatoria; a Telese Terme, a San Salvatore Telesino ed a Solopaca è stata interdetta la circolazione a tre veicoli sprovvisti di revisione obbligatoria e sanzionati i rispettivi proprietari.

Numerose sono state le altre sanzioni al Codice della Strada erogate, tra le quali, il mancato possesso dei documenti di circolazione e l’omesso utilizzo delle cinture di sicurezza,  per un importo complessivo di circa € 5.000.  

Cerreto Sannita, tre imprenditori edili denunciati per mancanza di sicurezza sul cantiere: attività sospesa

Cerreto Sannita, tre imprenditori edili denunciati per mancanza di sicurezza sul cantiere: attività sospesa

CronacaProvincia

Nel corso dei controlli finalizzati alla verifica del rispetto delle norme a tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, nonché al contrasto del lavoro irregolare, i Carabinieri della Stazione di Cerreto Sannita e del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Benevento, nella giornata di ieri, hanno deferito all’Autorità Giudiziaria tre imprenditori edili per violazione della normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.

I militari, al termine dell’ispezione al cantiere allestito per la ristrutturazione di un edificio privato nel centro cittadino, hanno riscontrato diverse irregolarità per: mancata predisposizione per i lavori in quota di adeguate impalcature o ponteggi, atte ad evitare la caduta dei lavoratori; non aver dotato di idoneo parapetto le scale in cemento; non aver predisposto idonei passaggi di veicoli e lavoratori per l’accesso alle varie aree del cantiere e mancato uso dei dispositivi di protezione individuali, con conseguente sospensione dell’attività.

Un imprenditore è stato anche denunciato e sanzionato per aver occupato al lavoro un cittadino extracomunitario privo di idoneo permesso di soggiorno.

Sono quindi state erogate ammende per complessivi Euro 31.609,26 e sanzioni amministrative per Euro 12.820,00.

Prosegue incessante l’attività di vigilanza e controllo dei Carabinieri anche nel settore dell’edilizia pubblica e privata.

Le persone coinvolte sono da ritenersi sottoposte alle indagini e pertanto presunte innocenti fino a sentenza definitiva.

Minacce all’ex moglie, nei guai 51enne sannita

Minacce all’ex moglie, nei guai 51enne sannita

CronacaProvincia

A seguito di una mirata attività d’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Benevento, nella giornata di ieri, militari della Compagnia Carabinieri di Cerreto Sannita (BN) hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare con prescrizione di mantenere una distanza di almeno 500 metri dalla casa familiare e dalla casa dei genitori della persona offesa e del divieto di dimora nel Comune di Guardia Sanframondi, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Benevento, su richiesta della Procura della Repubblica di Benevento, nei confronti di un cinquantunenne del posto gravemente indiziato del reato di minacce gravi reiterate nei confronti della ex moglie – ancora convivente.  

Le indagini venivano avviate in seguito alla presentazione della querela da parte della persona offesa che riferiva le condotte subite dall’indagato, le quali venivano riscontrate mediante l’assunzione di informazioni da parte del figlio della coppia nonché mediante l’acquisizione dell’annotazione di servizio della p.g. intervenuta in occasione di una delle minacce patite.  

L’indagato, peraltro, risultava già destinatario dell’ammonimento questorile ex art. 3 D.L.38/2013.In sede di esecuzione della misura dell’allontanamento dalla casa familiare con prescrizione di mantenere una distanza di almeno 500 metri dalla casa familiare e dalla casa dei genitori della persona offesa con applicazione di braccialetto elettronico il prevenuto non prestava il consenso all’installazione del dispositivo, ragion per cui veniva applicata, unitamente alla citata misura, la più grave misura del divieto di dimora in Guardia Sanframondi.