Controlli dei Carabinieri a Cervinara e nella Valle Caudina

Controlli dei Carabinieri a Cervinara e nella Valle Caudina

CronacaRegione

Con l’effettuazione di mirati servizi, i Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino continuano a porre attenzione all’attività di perlustrazione, implementando, in linea con le direttive del Prefetto Dr.ssa Paola Spena, l’attività di controllo del territorio soprattutto in quelle aree più sensibili al fenomeno dei furti, sia con finalità di deterrenza sia per intervenire con tempestività ed efficacia quando necessario.

Nel weekend appena trascorso, decine di pattuglie della Compagnia di Avellino hanno presidiato il territorio del comune di Cervinara e della Valle Caudina.

Durante tali servizi (articolati mediante posti di blocco, posti di controllo e vigilanza dinamica sulle principali arterie stradali) i militari dell’Arma hanno proceduto al controllo degli occupanti di un centinaio di veicoli, alcuni dei quali sono stati sottoposti a perquisizione.

Nel corso dei controlli sono state elevate svariate contravvenzioni per violazioni al Codice della Strada e ritirata una patente.

Tali servizi proseguiranno anche nei prossimi giorni in tutta la provincia, senza soluzione di continuità, per garantire sicurezza e tranquillità ai cittadini.

Valle Caudina| Banditi fanno irruzione in villa e metto a segno rapina

Valle Caudina| Banditi fanno irruzione in villa e metto a segno rapina

CronacaRegione

Come riferito da Il Caudino, i banditi hanno messo a segno un colpo nella serata di ieri in via San Cosma a Cervinara. Alcuni rapinatori sono entrati all’interno di una villa. Sotto la minaccia delle armi hanno terrorizzato i proprietari.

I malviventi si sono impossessati di tutti i beni di valore e poi sono scomparsi.

I proprietari hanno dato l’allarme, anche perché era relativamente presto, ma i banditi hanno fatto perdere le loro tracce. Purtroppo è una storia che si ripete sempre uguale a stessa.

Bloccati sulla neve: due uomini salvati dai Vigili del Fuoco

Bloccati sulla neve: due uomini salvati dai Vigili del Fuoco

CronacaRegione

I Vigili del Fuoco di Avellino, dal pomeriggio di ieri 28 gennaio, allertati dai Carabinieri della stazione di Cervinara, sono stati impegnati nella ricerca di due uomini i quali con la loro autovettura si erano avventurati in un sentiero di montagna ed erano rimasti bloccati in una zona impervia ed innevata.

La squadra intervenuta con un mezzo fuoristrada, indirizzata dal personale della Protezione Civile locale, ha intrapreso le operazioni di ricerca e ha individuato l’auto in località Foce di Piano di Lauro, con le due persone rimaste bloccate intorno all’una di questa notte.

Con non poche difficoltà il veicolo è stato recuperato permettendo ai due avventurieri di poter far ritorno in paese, infreddoliti, impauriti ma in buone condizioni di salute.

VIDEO – Tenta di rubare una Mercedes, scoperto si dà alla fuga ma impatta con Tir: arrestato 34enne

VIDEO – Tenta di rubare una Mercedes, scoperto si dà alla fuga ma impatta con Tir: arrestato 34enne

CronacaRegione

Carabinieri della Stazione di San Martino Valle Caudina, coadiuvati dai colleghi della Stazione di Cervinara, hanno tratto in arresto un 34enne di Napoli, ritenuto responsabile di tentato furto di auto e resistenza a pubblico ufficiale.

Tutto è iniziato ieri mattina ad Atripalda dove il predetto, verosimilmente in compagnia di un complice, avrebbe tentato di asportare una Mercedes: l’intento criminoso non si è concretizzato per l’intervento del proprietario del veicolo che ha allertato il “112”.

Ricevuta la notizia, l’operatore di turno alla Centrale Operativa ha disposto in tempo reale le ricerche dell’auto utilizzata dal malfattore che è stata intercettata dai Carabinieri nella Valle Caudina.

Intimato l’“Alt” al conducente dell’auto sospetta, questi, per tutta risposta, si è dato a una spericolata fuga in direzione di Caianiello, creando così una situazione di pericolo anche per gli altri utenti della strada, allertati dai lampeggianti e dalla sirena della “Gazzella”.

L’inseguimento si è concluso -fortunatamente senza feriti- a Ponte (BN) allorquando, durante un sorpasso, l’auto del fuggitivo è andata a collidere con un tir.

Abbandonata l’auto, il l’uomo mette in atto un maldestro tentativo di fuga a piedi, venendo definitivamente bloccato dai militari dell’Arma.

D’intesa con la Procura della Repubblica di Benevento, il 34enne è stato tratto in arresto e associato alla Casa Circondariale sannita.

L’autovettura utilizzata per la fuga è stata sottoposta a sequestro unitamente a vari attrezzi da scasso rinvenuti all’interno della stessa.

Cervinara, minaccia la moglie con una scacciacani: 70enne denunciato

Cervinara, minaccia la moglie con una scacciacani: 70enne denunciato

CronacaRegione

Nella serata di ieri Agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Cervinara sono intervenuti in via Casino Bizzarro per segnalazione di colpi d’arma da fuoco in un edificio condominiale.

Sul posto, a seguito dell’escussione di testimoni, apprendevano che un uomo, in evidente stato di alterazione psicofisica, presumibilmente dovuto all’assunzione di sostanze alcoliche, aveva avuto un forte diverbio con i componenti del proprio nucleo familiare e successivamente dal balcone dell’abitazione aveva impugnato una pistola ed esploso alcuni colpi all’indirizzo della moglie scesa nel frattempo nel piazzale sottostante, in preda al panico all’atto dell’intervento della Volante.

Gli operatori di Polizia rintracciavano e identificavano nell’immediatezza il soggetto segnalato, un 70enne del luogo, nei cui confronti procedevano al sequestro dell’arma, risultata essere una scacciacani, e di una scatola contenente 16 colpi a salve. Il predetto veniva pertanto deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino per il reato di minacce aggravate.

Tentato omicidio Rotondi, al via il processo a carico dei presunti responsabili

Tentato omicidio Rotondi, al via il processo a carico dei presunti responsabili

CronacaRegione

Si è tenuta presso il Tribunale di Avellino in composizione collegiale Presidente Roberto Melone giudici a latere latere Gilda Zarrella e Vincenza Cozzino, il processo a carico di Concetta Esposito, 29 anni di Cervinara, difesa dall’avvocato Vittorio Fucci e Giuseppe Luciano, 35 anni di Bonea, difeso dall’avvocato Teresa Meccariello.

Gli imputati furono arrestati con l’accusa di tentato omicidio premeditato. In particolare nella notte tra il 2-3 giugno l’Esposito e il Luciano si recavano presso casa di alcune persone di Rotondi e una volta lì i due avrebbero accoltellato 2 dei presenti a seguito di un diverbio sorto per motivi economici.

Una persona fu colpita all’addome e l’altra fu colpita al petto da colpi quasi letali, versando in condizioni gravi per diversi giorni. Secondo i medici il colpo un cm più in là avrebbe causato la morte della presunta vittima.

Attualmente il Luciano è detenuto preso il carcere di Belizzi Irpino, mentre l’ Esposito si trova sottoposta agli arresti domiciliari nella sua abitazione La prossima udienza si terrà il 24 gennaio.

Sequestra e maltratta la convivente: 31enne arrestato dai Carabinieri

Sequestra e maltratta la convivente: 31enne arrestato dai Carabinieri

CronacaProvincia

I Carabiniere della Compagnia di Avellino, hanno tratto in arresto un 31enne di origini marocchine, già noto alle Forze dell’Ordine, ritenuto responsabile di “Violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale e Maltrattamenti in famiglia”.

L’episodio si è verificato nella tarda serata di ieri quando, a seguito di una segnalazione giunta al 112, la Centrale Operativa del Comando Provinciale dei Carabinieri di Avellino disponeva in tempo reale l’invio di due pattuglie nel comune Rotondi dove erano state segnalate delle urla provenienti da un’abitazione.

Qualche minuto e i Carabinieri – già di perlustrazione in quell’area nell’ambito della capillare attività di controllo del territorio – sono giunti sull’obiettivo indicato dove un uomo si era rinchiuso in casa impedendo ai militari di entrare ed accertarsi delle condizioni della donna fatta presumibilmente oggetto di violenze.

Quest’ultima, approfittando di un momento di distrazione del convivente, riusciva ad aprire la porta. Nella circostanza l’uomo vista la presenza dei Carabinieri si scagliava contro di loro.

È stato solo grazie alla prontezza di riflessi dei militari fatti segni dell’aggressione (che comunque uno è stato colpito, fortunatamente in modo non grave) e all’immediato intervento degli atri colleghi che l’azione non ha prodotto più gravi conseguenze. 

Una volta bloccato in un contesto di piena sicurezza e scongiurata dunque la possibilità di gesti inconsulti, l’esagitato è stato condotto in Caserma.

D’intesa con la Procura della Repubblica di Avellino, il 31enne è stato arrestato e associato alla Casa Circondariale di Bellizzi Irpino.

La donna veniva trasportata da personale del 118, presso l’ospedale Rummo di Benevento, per le cure del caso.

Fu arrestato con 1 kg e mezzo circa di droga: scarcerato 40enne

Fu arrestato con 1 kg e mezzo circa di droga: scarcerato 40enne

CronacaRegione

Il Gup Dott. Vinetti, accogliendo l’istanza dell’ avvocato Vittorio Fucci e dell’avvocato Cosimo Servodio, ha scarcerato A. L., 40 anni di Cervinara.

L’uomo fu arrestato a seguito di un rocambolesco inseguimento finito ad Arpaia. Il 40enne non fermatosi al posto di blocco dei Carabinieri del Comando di Montesarchio fu inseguito fin quando non perse il controllo dell’ auto. I carabinieri poi rinvenirono un 1 kg e 100 grammi di droga del tipo cocaina e hashish, gettati dal finestrino dell’auto durante l’ inseguimento.

Il Tribunale del Riesame di Napoli aveva sottolineato che le quantità e le modalità di consumazione del reato fossero sintomatiche del fatto che il Lanni appartenesse a circuiti criminali di ampio raggio.

Il Gup Dott. Vinetti oggi, accogliendo l’istanza dell’ avvocato Vittorio Fucci e dell’avvocato Cosimo Servodio, ha scarcerato l’uomo, revocandogli gli arresti domiciliari.

Maltrattamenti in famiglia, arrestato 44enne di Cervinara

Maltrattamenti in famiglia, arrestato 44enne di Cervinara

CronacaRegione
Denunciati anche due stranieri, un 22enne ed 23enne, beccati in possesso di un coltello con lama in acciaio di 10cm.

Personale del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Cervinara ha dato esecuzione all’ordinanza di revoca della misura del divieto di avvicinamento alla persona offesa ed applicazione degli arresti domiciliari emessa dal Giudice presso il Tribunale di Avellino, nei confronti di un 44enne di Cervinara in quanto responsabile di maltrattamenti in famiglia. 

L’uomo, a seguito di denuncia sporta dall’ex coniuge difesa dall’avv.Giovanna Coppola. era stato, nell’agosto del c.a., sottoposto alla misura cautelare del divieto di avvicinamento nonché all’obbligo di mantenere una distanza dalla persona offesa non inferiore a 500 metri.

Lo stesso, incurante delle prescrizioni impostegli aveva continuato nella sua condotta persecutoria sfociata anche in minacce dirette ai figli minori. Di seguito a tali comportamenti e a conclusione delle indagini svolte dal personale della Polizia di Stato e coordinate dalla Procura della Repubblica di Avellino, al 44enne è stata pertanto applicata la misura cautelare degli arresti domiciliari.

Medesimo personale ha altresì denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino due giovani di nazionalità straniera, un 22enne ed 23enne, indagati per il reato di possesso di strumenti atti ad offendere.

I due, alla vista degli Agenti di Polizia, nei pressi della locale villa comunale, avevano tentato di occultare in un cestino porta rifiuti, un coltello con lama in acciaio di 10cm, successivamente rinvenuto dai Poliziotti, accortisi dell’atteggiamento e del comportamento furtivo dei due giovani. Condotti in Commissariato, a seguito degli accertamenti di rito, sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria.

Investito dall’auto mentre era in bici, morto 18enne

Investito dall’auto mentre era in bici, morto 18enne

CronacaRegione

E’ un ragazzo del Burkina Faso, di 18 anni, la vittima dell’incidente mortale avvenuto questa mattina lungo la via Appia, nel territorio di Rotondi.

Erano le 5.40 quando il ragazzo, mentre stava andando al lavoro in bicicletta, è stato investito e travolto da un’auto ed è morto.

Stano alle prime indiscrezioni, l’investitore non si sarebbe fermato per prestare soccorso alla vittima, che sarebbe stata investita, già a terra, da un’altra auto sopraggiunta.

Quando sono giunti sul posto i sanitari del 118, purtroppo, per il giovane non c’era più nulla da fare. Sull’accaduto stanno indagando i Carabinieri di Montesarchio, per ricostruire l’esatta dinamica della tragedia.

Foto: Il Caudino