Libera Benevento, venerdì un evento in memoria di Antonio Esposito Ferraioli

Libera Benevento, venerdì un evento in memoria di Antonio Esposito Ferraioli

Eventi
Chiamato affettuosamente Tonino, Antonio Esposito Ferraioli pagò con la vita, per mano della camorra, il non essersi girato dall’altra parte e per aver denunciato quanto visto.

Si svolgerà venerdì 12 Aprile alle ore 17:00, nel salone “Di Vittorio” presso la Camera del Lavoro della CGIL di Benevento, un evento in memoria di Antonio Esposito Ferraioli, vittima innocente della camorra. Affettuosamente chiamato Tonino.

L’iniziativa è promossa in modo sinergico e congiunto dalla CGIL di Benevento, dall’Agesci – Zona Samnium e dal coordinamento provinciale di Libera Benevento.

Antonio Esposito Ferraioli, lavoratore, attivista – militante sindacalista e scout, pagò con la vita per non essersi girato dall’altra parte e per aver denunciato quanto visto. Un esempio di cittadino responsabile, sindacalista coerente e fedele alla promessa scout.

L’evento del 12 Aprile continua sulla scia del 21 Marzo, giornata Nazionale della Memoria e dell’Impegno in ricordo di tutte le vittime innocenti delle mafie: il pomeriggio inizierà con i saluti del segretario provinciale della CGIL di Benevento, Luciano Valle; di Michele Martino referente provinciale di Libera a Benevento e del responsabile regionale del settore legalità CGIL Campania, Fabio Giuliani.

I partecipanti avranno l’opportunità di ascoltare le testimonianze di Anna Garofalo e Mario Esposito Ferraioli, rispettivamente amica e fratello di Tonino.

In seguito, Giovanni Russo racconterà l’esperienza di gestore di un bene confiscato alla criminalità organizzata, dedicato alla memoria di Ferraioli.

Sarà proiettato anche un cortometraggio che ripercorrerà le fasi salienti delle scelte di Tonino.

L’incontro sarà moderato dalle Scolte, le ragazze scout, che fanno parte dei Clan/Fuoco di Benevento.

La memoria si esprime anche con la forza dei simboli contro i simboli della forza, da qui la scelta di piantare un albero in memoria di Tonino, perché da profonde radici di memoria nascono frutti d’impegno.

La cittadinanza tutta è invitata a partecipare.

Shoah: gli studenti del “Palmieri-Rampone-Polo” ospiti della Cgil

Shoah: gli studenti del “Palmieri-Rampone-Polo” ospiti della Cgil

AttualitàBenevento Città

“Una giornata piena di emozioni e contenuti, quella svoltasi presso la Cgil di Benevento che ha ospitato, le classi 4^ MAT A e 5^ IAMI del “Palmieri”, 4^ B Informatica del “Rampone”, accompagnate dalle docenti Monica Tecce, Carla Zollo ed Anna Festa.

Una celebrazione della giornata della memoria che ha coinvolto gli studenti, attraverso la lettura di testi di Anna Frank ed un confronto con il nutrito tavolo dei relatori.

Estremamente forte emotivamente la chiusura con la canzone di Bob Dylan, “Blowin’ in the wind”, un testo, ha sottolineato la docente Tecce,  più che mai attuale, nonostante sia stato scritto negli anni ’60 durante la guerra nel Vietnam. Domande che continuano a soffiare nel vento, senza avere risposte.

Ne è seguito un interessante confronto che ha coinvolto gli studenti, sollecitati dalla prof. Tecce ad essere protagonisti del futuro, visto come speranza per un mondo migliore libero dalle guerre e dai soprusi”.

Dal Congresso Pensionati della Cgil proposte per la sanità e i trasporti nel Sannio

Dal Congresso Pensionati della Cgil proposte per la sanità e i trasporti nel Sannio

Politica
Il segretario Iodice: “Velocizziamo il passaggio della Valle Caudina allo Stato”.

Dalla riflessione sulle tematiche nazionali alle proposte per lo sviluppo del territorio. Il Sindacato Pensionati della Cgil di Benevento ha tenuto il suo congresso nei giorni scorsi riconfermando alla segreteria Giuseppe Iodice. La discussione è partita dall’ analisi della difficile situazione sociale ed economica, dalla necessità di difendere il lavoro e combattere la precarietà, di mettere in campo politiche di sviluppo ed investimenti pubblici, senza risparmiare critiche alla sinistra, spesso incapace di rappresentare i lavoratori. Per lo Spi la stella polare è la Costituzione Italiana, incardinata sulla democrazia, la libertà, la dignità, i diritti.

I pensionati raccolgono il “Grido della Pace” del Presidente Mattarella e chiedono una svolta nelle politiche per gli anziani. La loro attenzione  è rivolta in particolare alla Sanità campana, che attende ancora un vero rilancio. “Abbiamo assistito -ha osservato Iodice- al depauperamento delle strutture pubbliche  e delle professionalità, al depotenziamento di Centri di eccellenza, come, ad esempio, a cardiologia,  senologia, chirurgia oncologica e neurochirurgia, nell’Ospedale San Pio. Il Polo Oncologico di Sant’Agata dei Goti non è mai decollato. Per non parlare delle  lunghe file d’attesa per le visite specialistiche. Si spera che si realizzino presto le Case di Comunità e la medicina territoriale. Occorre un cambio di passo decisivo e poderoso”.

Uno dei temi che più sta a cuore al sindacato dei pensionati è quello dei trasporti. Lo Spi riconosce il valore delle grandi opere come la Napoli- Bari, che dovrebbe spezzare l’isolamento del Sannio e favorire  l’economia locale, fondata in gran parte sul settore Agroalimentare, ma chiede che non si perdano di vista problemi da tempo irrisolti, come quello in cui si dibatte da anni la Ferrovia Valle Caudina, chiusa dal  marzo 2021, e che, dopo i lavori di messa in sicurezza dei binari, dovrebbe riaprire nell’ottobre del 2023.

“Per la Benevento Napoli -ha sottolineato Iodice- continueremo a raccogliere le firme per ottenere il passaggio alla Rete Ferroviaria Italiana. Vogliamo sapere con chiarezza quando ci sarà? Ci vogliono i fatti. Sappiamo che è previsto un finanziamento di 109 milioni di euro nel Pnrr, approvato dal Parlamento. Ci auguriamo che la Regione Campania agevoli questo passaggio il prima possibile. Così come  chiediamo interventi sui collegamenti stradali con Benevento, che si trovano in uno stato vergognoso di abbandono”.

Benevento, distrutto striscione della Pace esposto nei pressi della sede CGIL: “Pericoloso atto di vandalismo”

Benevento, distrutto striscione della Pace esposto nei pressi della sede CGIL: “Pericoloso atto di vandalismo”

AttualitàBenevento Città

Distrutto lo striscione che inneggiava alla Pace, collocato vicino all’entrata della sede provinciale della CGIL di Benevento, via Bianchi. “Questa mattina abbiamo trovato distrutto lo striscione per la Pace collocato sul muro della nostra sede di via Bianchi. Un atto che, stante quanto lo striscione esprimeva, non può essere considerato ‘goliardico’. Così scrive il segretario generale della CGIL  Luciano Valle. “Profondamente addolorati per l’inqualificabile atto, ma senza timore, continueremo le nostri azioni per la fine della guerra e in solidarietà al popolo ucraino che difende se stesso e la propria terra dall’invasione russa. Non un passo indietro!