Benevento, caso scommesse: deferimenti per Letizia, Pastina, Brignola e Forte

Benevento, caso scommesse: deferimenti per Letizia, Pastina, Brignola e Forte

Benevento CalcioCalcio

La notizia era nell’aria già da aprile (QUI), dopo la chiusura delle indagini, e poco fa è stata pubblicata anche la nota ufficiale della FIGC: sono arrivati i deferimenti per Gaetano Letizia, Christian Pastina, Enrico Brignola e Francesco Forte.

I quattro, all’epoca dei fatti (i due difensori tutt’ora) tesserati del Benevento Calcio e non solo, sono stati deferiti dal Procuratore Federale al Tribunale Federale Nazionale-Sezione Disciplinare a seguito delle segnalazioni della Procura della Repubblica di Benevento “per aver effettuato, quantomeno nella stagione sportiva 2021-22 e 2022-23, scommesse, direttamente o per interposta persona…, aventi a oggetto risultati relativi a incontri ufficiali organizzati nell’ambito della FIGC…“. I calciatori, accusati di aver scommesso su partite di calcio (cosa vietata da regolamento), rischiano almeno tre anni di squalifica: il processo inizierà a giugno.

Di seguito, quindi, la nota della FIGC:

“Il procuratore federale, a seguito di segnalazione della Procura della Repubblica di Benevento, ha deferito al Tribunale Federale Nazionale–Sezione Disciplinare:

per la violazione dell’art. 4, comma 1, del Codice di Giustizia Sportiva, e per la violazione dell’articolo 24, commi 1 e 2, del Codice di Giustizia Sportiva:

  • il sig. PASTINA Christian Diegoall’epoca dei fatti, calciatore tesserato per la società Benevento Calcio S.r.l.;
  • il sig. FORTE Francesco, all’epoca dei fatti, calciatore tesserato per la società Venezia F.C. S.p.A., per la società Benevento Calcio S.r.l. e per la Società Ascoli Calcio 1898 FC S.p.A.;
  • il sig. LETIZIA Gaetano, all’epoca dei fatti, calciatore tesserato per la società Benevento Calcio S.r.l.;
  • il sig. BRIGNOLA Enrico, all’epoca dei fatti, calciatore tesserato per la società Benevento Calcio S.r.l., per la società Cosenza Calcio S.r.l. e per la U.S. Catanzaro 1929 S.r.l.;

per aver effettuato – quantomeno dalla stagione sportiva 2021/22 e nella stagione sportiva 2022/23 – scommesse – direttamente o per interposta persona sia presso soggetti autorizzati che presso soggetti, e piattaforme, non autorizzati a riceverle – aventi ad oggetto risultati relativi ad incontri ufficiali organizzati nell’ambito della FIGC e di campionati di calcio professionistici stranieri”.

Foto: Getty Images

Caso scommesse, 900mila euro su conto di un prestanome: i dettagli riferiti da “Il Mattino”

Caso scommesse, 900mila euro su conto di un prestanome: i dettagli riferiti da “Il Mattino”

Benevento CalcioCalcio

Come noto, ieri la Gazzetta dello Sport ha lanciato la notizia della chiusura delle indagini da parte della Procura Federale in merito al “caso calcioscommesse” emerso qualche mese fa.

L’avviso è stato notificato a due attuali calciatori del Benevento, i difensori Pastina e Letizia (quest’ultimo in prestito alla Feralpisalò) e agli ex attaccanti giallorossi Forte (in forza al Cosenza) e Brignola (che inizialmente non figurava nell’ordinanza della Procura di Benevento, oggi al Catanzaro). Nel caso di un altro ex invece, Coda, non sono stati disposti ulteriori accertamenti.

Quest’oggi, sulle colonne de Il Mattino, il collega Luigi Trusio ha sviscerato i dettagli del caso. I quattro calciatori sopra citati rischiano 3 anni di squalifica nel caso venissero appurate responsabilità: qualora i giocatori negassero gli addebiti, scatterebbe il deferimento e conseguentemente il giudizio davanti al Tribunale Federale Nazionale per illecito sportivo. Ulteriori strategie difensive, da definire nei prossimi 15 giorni, sarebbero il patteggiamento, ammettendo in tal caso la responsabilità con conseguente condanna più lieve (6 mesi, plausibilmente), o la collaborazione con la Procura fornendo nuovi elementi e nomi che non siano già emersi dalle indagini.

Forte avrebbe già reso dichiarazioni volontarie alla magistratura ordinarie e a breve si presenterà anche di fronte a quella sportiva. Stesso destino dovrebbe toccare anche a Pastina, che ha sempre negato di aver scommesso sul calcio ammettendo però di aver giocato solo alle slot-machine e affermando che il suo conto era in uso anche dall’ex Letizia. Stanno proseguendo, contestualmente, anche le indagini della Procura di Benevento: tra gli elementi acquisiti a carico degli indagati sarebbe avvenuto il sequestro di 30mila euro in contanti presso l’abitazione di uno dei prestanome che effettuavano materialmente le giocate, sul cui conto corrente sarebbero transitati circa 900mila euro (riporta sempre Il Mattino).

Foto: Getty Images

Calcioscommesse Benevento, spunta l’ipotesi di frode sportiva: altri giocatori coinvolti

Calcioscommesse Benevento, spunta l’ipotesi di frode sportiva: altri giocatori coinvolti

Benevento CalcioCalcio

Continua il caso calcioscommesse: stando a quanto riporta il Corriere dello Sport tra le ipotesi di reato ci sarebbe anche la frode sportiva, con ripercussioni in ambito penale più rilevanti rispetto all’esercizio abusivo di attività di gioco o scommessa.

Su questo si sta muovendo la Procura di Benevento, dopo aver raggiunto con un mandato di perquisizione due tesserati del Benevento (il difensore Pastina e Letizia, oggi in prestito alla Feralpisalò) e due ex Strega (Coda e Forte).

Insieme ai calciatori, come noto, hanno ricevuto l’avviso di garanzia anche il telesino Pasquale Pio Corvino e il napoletano Davide Dell’Annunziata. Secondo l’accusa loro sarebbero i “collettori”, avrebbero cioè ricevuto da Letizia e Coda somme di denaro da destinare alle scommesse sportive.

L’inchiesta, però, potrebbe anche allargarsi e coinvolgere altri calciatori che si sarebbero rivolti a Corvino e Dell’Annunziata per puntare su piattaforme illegali.

Foto: Getty Images

Calcioscommesse, l’ex Forte: “Accusato di riciclaggio per aver acquistato un rolex per conto di Letizia, non ho mai scommesso”

Calcioscommesse, l’ex Forte: “Accusato di riciclaggio per aver acquistato un rolex per conto di Letizia, non ho mai scommesso”

Benevento CalcioCalcio

“Giovedì mattina si sono presentati a casa gli uomini della Guardia di Finanza, che mi hanno notificato l’avviso di garanzia“, esordisce così Francesco Forte, ex attaccante del Benevento indagato nell’ambito del caso calcioscommesse che vede al centro quattro tra tesserati ed ex calciatori della Strega.

Ovviamente sono rimasto incredulo, mai avrei pensato di rimanere coinvolto in cose che sono lontane da me anni luce”, ha proseguito lo Squalo ai microfoni di Il Quotidiano del Sud. “Non ho mai scommesso nè su siti legali nè illegali. Mai! E’ un vizio che non mi appartiene. Mi contestano scommesse sui siti, ma io non ho mai avuto un account, non ho mai scommesso, nemmeno un solo euro. Leggo di altri nomi coinvolti, uno in particolare compagno di stanza a Benevento, forse questo ha indotto la Guardia di Finanza a pensare che ci fosse un collegamento con me.

Ho acquistato un rolex per conto di Letizia da un gioielliere di Venezia mio amico. Tutto tracciabile. Poi non so perché la restituzione della cifra spesa mi è arrivata da Pastina e non da Letizia. Per questo movimento mi hanno accusato di riciclaggio. Pazzesco! In settimana partirò per Benevento, ho chiesto al PM di essere ascoltato. Voglio chiarire subito la mia posizione di assoluta estraneità. Purtroppo la notizia ha già fatto il giro d’Italia, chi mi ripagherà del danno di immagine ormai fatto, una volta dimostrata la mia innocenza?“.

Le parole di Forte hanno fatto seguito alle dichiarazioni del legale dell’attaccante attualmente in forza al Cosenza, che aveva affermato l’assoluta estraneità ai fatti dell’ex 88 giallorosso.

Foto: Screen OttoChannel

Calcioscommesse, il Benevento ferma Pastina in via cautelativa

Calcioscommesse, il Benevento ferma Pastina in via cautelativa

Benevento CalcioCalcio

Nonostante abbia scontato la squalifica nel match di lunedì contro il Monterosi Tuscia, il difensore giallorosso Christian Pastina non prenderà parte al derby di domani contro la Juve Stabia.

Il Benevento infatti, stando a quanto riporta Il Mattino, avrebbe deciso di non convocare il centrale di Battipaglia per la sfida del Menti di domani pomeriggio in via cautelativa, alla luce del suo coinvolgimento nel caso calcioscommesse che, in queste ore, vede protagonisti quattro tra tesserati ed ex Strega.

Diversi invece, almeno al momento, gli orientamenti delle altre società coinvolte. Forte e Coda, anche loro indagati, sono stati convocati rispettivamente da Cosenza e Cremonese per le partite contro Ternana e Pisa.

La Feralpisalò, invece, non ha dovuto prendere una decisione nell’immediato in virtù della squalifica per tre giornate di Letizia a seguito dell’espulsione rimediata contro il Como nell’ultimo turno.

Calcioscommesse, il DS della Cremonese sull’ex Coda: “Ci aveva avvisati e rassicurati”

Calcioscommesse, il DS della Cremonese sull’ex Coda: “Ci aveva avvisati e rassicurati”

Benevento CalcioCalcio

Questa mattina Il Mattino ha reso noto un filone delle indagini sul calcioscommesse che riguarda anche il Benevento o, per meglio dire, il difensore giallorosso Pastina e gli ex Letizia, Coda e Forte (QUI).

In merito ai fatti contestati, che risalirebbero alla scorsa stagione culminata con la retrocessione in Serie C della Strega, è intervenuto Simone Giacchetta, Direttore Sportivo della Cremonese in cui attualmente milita Massimo Coda.

“Massimo ci ha avvisati per tempo che erano in corso delle verifiche e ci ha anche rassicurati sulla sua posizione” ha affermato il DS grigiorosso, come riportato da CremonaSport.it. “In questo momento si sta allenando e sarà a disposizione del mister per la gara con il Pisa”.

Dalla Lombardia, dunque, filtra serenità in merito all’indagine in corso. Il Benevento in ogni caso, come società, non rischia nulla.

Foto: Getty Images

Calcioscommesse, perquisizione in casa di Pastina: indagati anche gli ex Letizia, Coda e Forte

Calcioscommesse, perquisizione in casa di Pastina: indagati anche gli ex Letizia, Coda e Forte

Benevento CalcioCalcio

L’onda lunga del calcioscommesse arriva anche a Benevento: questa mattina – stando a quanto riportato da Il Mattino – la Guardia di Finanza ha effettuato una perquisizione nell’abitazione beneventana del difensore Christian Pastina.

Ma nel mirino delle delle Fiamme Gialle ci sarebbero anche tre ex giallorossi: si tratta di Gaetano Letizia, Massimo Coda e Francesco Forte.

I quattro avrebbero ricevuto un avviso di garanzia per violazione dell’articolo 4 della legge 401 del 1989 che norma l’esercizio abusivo di attività di giuoco o di scommessa.

I fatti contestati risalirebbero al campionato scorso, terminato per il Benevento con la retrocessione dalla B alla C.

Benevento, l’ex Forte dal campo al tribunale: prima udienza da praticante avvocato

Benevento, l’ex Forte dal campo al tribunale: prima udienza da praticante avvocato

Benevento CalcioCalcio

“Esordio” da praticante avvocato per l’ex attaccante del Benevento, ora in forza al Cosenza dopo aver iniziato il campionato di Serie B 2023-24 con la maglia dell’Ascoli. Sono 10 le presenze stagionali per lo Squalo tra bianconeri e rossoblù, condite da 3 gol (1 con il Picchio in Coppa Italia e due con i Lupi contro il Lecco lo scorso 7 ottobre).

Francesco Forte è nato in una famiglia di avvocati e si è laureato in Giurisprudenza nel febbraio 2021 presso l’Università Degli Studi di Roma Niccolò Cusano, quando ancora vestiva la maglia del Venezia. Ieri poi l’ex numero 88 della Strega, che in giallorosso ha collezionato 40 gettoni arricchiti da 10 reti e 2 assist tra gennaio 2022 e gennaio 2023, ha presenziato alla sua prima udienza da praticante avvocato al Tribunale di Cosenza tra lo stupore e la curiosità dei presenti.

Serviranno 18 mesi di tirocinio, che Forte ha iniziato una quindicina di giorni fa presso lo studio dell’amico di famiglia Avv. Gregorio Barba, prima di sostenere l’esame per l’abilitazione forense: poi potremmo chiamarlo Avvocato Francesco Forte.

Debutto al Tribunale di Cosenza nel (nuovo) ruolo di praticante avvocato per il nostro Squalo Francesco Forte. Dimostrazione di come si possa eccellere nel calcio e negli studi“, queste le congratulazioni del Cosenza sui propri canali social.

Foto: Profilo Facebook Cosenza Calcio

Bari, il DS Polito: “Acampora era un mio pallino, ma Vigorito rifiutava tutte le offerte”

Bari, il DS Polito: “Acampora era un mio pallino, ma Vigorito rifiutava tutte le offerte”

Benevento CalcioCalcio

Il Direttore Sportivo del Bari, nel corso della conferenza stampa di fine mercato tenutasi questo pomeriggio, ha avuto modo di analizzare tutte le operazioni biancorosse.

Tra queste, ovviamente, c’è stato anche l’arrivo dal Benevento, in prestito con diritto di riscatto, di Gennaro Acampora.

Volevo fare Acampora, era il mio pallino da inizio mercato e lo volevo prendere subito”, ha rivelato Ciro Polito. “Il presidente del Benevento ha rifiutato non so quante offerte, ma con la mia perseveranza ci siamo riusciti. Mignani, poi, voleva alzare un po’ Edjouma, per dargli meno esigenze tattiche“.

Nel mirino dei Galletti, però, era finito anche un altro ex giocatore della Strega, Francesco Forte, ai tempi all’Ascoli e oggi in forza al Cosenza. “Mi ero incontrato con l’Ascoli e con l’agente di Forte per cercare un accordo. Tutto questo era collegato all’addio di Scheidler, la cui questione si è complicata perché il Cosenza non l’ha più preso”.

Benevento, l’Ascoli riscatta Forte: ecco quanto incasserà la Strega

Benevento, l’Ascoli riscatta Forte: ecco quanto incasserà la Strega

Benevento CalcioCalcio

Francesco Forte è diventato a tutti gli effetti un nuovo giocatore dell’Ascoli.

Per la società bianconera, infatti, è scattato l’obbligo di riscatto del centravanti romano, che si era trasferito nelle Marche a gennaio in prestito con obbligo di riscatto al raggiungimento di 5 presenze. Il classe ’93 dovrebbe legarsi al Picchio con un contratto di tre anni.

Nelle casse del Benevento entrerà una cifra vicino a 1 milione di euro.

Foto: PicenoTime