San Giorgio La Molara, divieto di avvicinamento per 62enne indiziato di maltrattamenti in famiglia e rapina

San Giorgio La Molara, divieto di avvicinamento per 62enne indiziato di maltrattamenti in famiglia e rapina

CronacaDalla Provincia

All’esito dell’attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica di Benevento, Ufficiali e Agenti della Stazione CC di San Giorgio La Molara nella giornata di ieri hanno dato esecuzione all’ordinanza di applicazione della misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare con divieto di avvicinarsi alla stessa e ai luoghi abitualmente frequentati dalla persona offesa e con obbligo di mantenersi ad una distanza di 500 metri dai predetti luoghi e dalla persona offesa con la modalità di controllo del braccialetto elettronico emessa dal GIP del Tribunale di Benevento, su richiesta della Procura della Repubblica di Benevento, nei confronti di un 62enne abitante in San Giorgio La Molara e gravemente indiziato dei reati di maltrattamenti in famiglia, di lesioni aggravate e rapina nei confronti della coniuge.

Le indagini venivano avviate a seguito della querela della persona offesa: la stessa, in seguito all’ennesima lite domestica violenta, riferiva nell’occasione il grado di pressione psicologica che subiva oramai da anni in virtù delle condotte del marito che adottava un comportamento sempre più aggressivo, prepotente e  intimidatorio nei suoi confronti.

Le condotte dell’uomo, nella specie, si verificavano oramai in modo continuo e si declinavano in episodi di ingiurie quotidiane, umiliazioni, aggressioni fisiche frequenti nonché in continue ingerenze in ogni ambito della vita quotidiana della coniuge.

Peraltro, secondo quanto emerso, negli ultimi giorni prima della querela si erano susseguiti episodi sempre più gravi durante i quali l’indagato aveva aggredito fisicamente la moglie per sottrarle il telefono e impedirle di allertare i soccorsi dopo che soltanto pochi giorni prima l’aveva già aggredita fisicamente provocandole delle lesioni.

  L’attività di indagine, dunque, articolatasi principalmente nell’acquisizione delle dichiarazioni della persona offesa nonché di altri familiari a conoscenza dei fatti e soggetti vicini al nucleo familiare con svolgimento di accertamenti di polizia giudiziaria a riscontro, permetteva così di raccogliere celermente gravi indizi di reato a carico dell’indagato, e il GIP presso il Tribunale di Benevento, accogliendo la richiesta della locale Procura, emetteva il provvedimento applicativo della misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare con le prescrizioni indicate a carico dell’indagato che abitualmente costringeva la giovane donna a vivere in uno stato di vessazione e sofferenza psicologica.

La misura oggi eseguita è una misura cautelare disposta in sede di indagini preliminari, avverso cui sono ammessi mezzi di impugnazione, e il destinatario della stessa è persona sottoposta alle indagini e quindi presunta innocente fino a sentenza definitiva.

Benevento, maltrattamenti in famiglia e tentata estorsione aggravata: divieto di avvicinamento per un 23enne

Benevento, maltrattamenti in famiglia e tentata estorsione aggravata: divieto di avvicinamento per un 23enne

BeneventoCronaca

A seguito dell’attività d’indagine coordinata da questa Procura della Repubblica, la Squadra Mobile di Benevento, nel pomeriggio di ieri, ha dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare personale del divieto di avvicinamento alla persona offesa e ai luoghi abitualmente frequentati dalla stessa, con braccialetto elettronico, emessa dal GIP del locale Tribunale, nei confronti di un 23enne residente in provincia di Benevento, gravemente indiziato del delitto di maltrattamenti in famiglia e tentata estorsione aggravata.

Le indagini sono state avviate a seguito della denuncia-querela sporta il mese scorso dalle parti offese, madre e sorella dell’indagato, le quali hanno raccontato delle angherie che erano corrette a subire dal 2015, anche quando la sorella era ancora minorenne.

In particolare, entrambe hanno rivelato di essere state più volte picchiate e minacciate dall’ indagato, anche con cadenza quotidiana, soprattutto nei momenti in cui questi abusava di sostanze alcoliche, ma, per amore del congiunto, avevano sempre evitato di denunziarlo.

Negli ultimi tempi, tuttavia, gli episodi violenti si erano intensificati, costringendole a chiedere aiuto gli agenti della Polizia di Stato.

In particolare, l’episodio scatenante si era verificato pochi giorni fa, quando il destinatario dell’odierna misura aveva tentato di costringere la madre a consegnargli monili in oro, dapprima stringendole con entrambe le mani il collo e poi puntandole una pistola scacciacani, del tutto simile ad un’arma vera, alla nuca.

L’attività di indagine, rapida e meticolosa, ha consentito di raccogliere gravi indizi di reato a carico dell’autore delle condotte denunziate. Infatti, a seguito di perquisizione domiciliare è stata anche rinvenuta e sequestrata la pistola in argomento. Pertanto, il GIP presso il Tribunale di Benevento, accogliendo la richiesta della locale Procura, ha emesso il provvedimento applicativo della misura cautelare del divieto di avvicinamento alle persone offese e ai luoghi abitualmente frequentati dalle stesse, con previsione di braccialetto elettronico, ritenuta necessaria per frenare le gravi condotte realizzate dall’indagato.

La misura oggi eseguita è una misura cautelare disposta in sede di indagini preliminari, avverso cui sono ammessi mezzi di impugnazione e il destinatario della stessa è persona sottoposta alle indagini e quindi presunta innocente fino a sentenza definitiva.

Calci e schiaffi alla convivente, arrestato 50enne

Calci e schiaffi alla convivente, arrestato 50enne

CronacaRegione

Carabinieri della Stazione di Altavilla Irpina, hanno arrestato un 50enne del posto, presunto responsabile di “Maltrattamenti in famiglia” e “Lesioni personali dolose”.

A seguito di una segnalazione giunta al 112, la Centrale Operativa della Compagnia Carabinieri di Avellino ha disposto l’invio di una pattuglia presso un’abitazione di Altavilla Irpina dove era stata segnalata una lite in famiglia.

Qualche minuto e i Carabinieri sono giunti sull’obiettivo indicato dove una donna era stata aggredita poco prima, con calci e schiaffi dal convivente, 50enne già noto alle Forze dell’Ordine.

La malcapitata è stata medicata da sanitari del 118 che hanno riscontrato sul viso e sulle braccia della donna, ecchimosi ed escoriazioni varie.

Il 50enne (già tratto in arresto lo scorso mese di dicembre per analoghe vicende), su disposizione dell’Autorità giudiziaria, è stato associato alla Casa Circondariale di Avellino.

Airola, allontanamento dalla casa familiare e divieto di avvicinamento per un uomo

Airola, allontanamento dalla casa familiare e divieto di avvicinamento per un uomo

CronacaProvincia

A seguito di una mirata attività d’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Benevento, nella giornata odierna, militari della Stazione Carabinieri di Airola, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare con divieto di avvicinamento alla p.o. ed ai luoghi dalla stessa frequentati nonché divieto di dimora nella provincia di Benevento, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Benevento, su richiesta della Procura della Repubblica di Benevento, nei confronti di un uomo sannita, gravemente indiziato dei delitti di maltrattamenti in famiglia e lesioni aggravate ai danni della moglie.

Le indagini venivano avviate in seguito alla trasmissione di annotazioni di servizio concernenti segnalazioni provenienti dall’uomo e da una dottoressa del pronto soccorso presso cui si era recata la vittima nonché dalla successiva querela dalla stessa sporta nella quale la donna  riferiva le condotte dall’aprile 2023 ad opera del marito e consistenti in abituali vessazioni, ingiurie, minacce e aggressioni fisiche prevalentemente motivate dalla morbosa gelosia dell’uomo

La narrazione dei fatti delittuosi subiti veniva riscontrata dall’attività investigativa espletata.

In particolare, l’escussione di due amiche della p.o., l’acquisizione di precedenti annotazioni concernenti interventi di p.g. richiesti dalla donna ed i referti medici attestati le lesioni patite consentivano di raccogliere numerosi riscontri al narrato della donna, sia in ordine alle vessazioni patite sia con riferimento alle lesioni subite.

In sede di esecuzione della misura il prevenuto non prestava il consenso all’applicazione del braccialetto elettronico ragion per cui gli veniva contestualmente applicata anche la misura cautelare del divieto di dimora nella provincia di Benevento.

Il provvedimento oggi eseguito è una misura cautelare disposta in sede di indagini preliminari, avverso cui sono ammessi mezzi di impugnazione e i destinatari della stessa sono persone sottoposte alle indagini e quindi presunte innocenti fino a sentenza definitiva.

Telese Terme, divieto di avvicinamento per un 49enne indiziato di maltrattamenti in famiglia

Telese Terme, divieto di avvicinamento per un 49enne indiziato di maltrattamenti in famiglia

CronacaProvincia

A seguito di una mirata attività d’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Benevento, nella giornata di oggi, militari della Stazione Carabinieri di Telese Terme (BN) hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare del divieto di avvicinamento alla persona offesa ed ai luoghi da questa abitualmente frequentati, mantenendo una distanza non inferiore a 500 metri, con ulteriore prescrizione del divieto di comunicazione con la parte offesa, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Benevento, su richiesta della Procura della Repubblica di Benevento, nei confronti di un quarantanovenne del posto gravemente indiziato del reato di maltrattamenti in famiglia commessi in pregiudizio della moglie 45enne, con l’aggravante di aver commesso i fatti in presenza dei figli minorenni.

Le indagini venivano avviate in seguito alla denuncia orale presentata dalla vittima al locale Comando Arma, in cui la stessa riferiva reiterati episodi di violenza e maltrattamenti posti in essere dal coniuge nei suoi confronti sin dal 2017, anche in presenza dei figli minorenni, descrivendo reiterate aggressioni fisiche e verbali, condotte violente e vessatorie in ambito domestico, generate da una gelosia ossessiva e riscontrate dalle dichiarazioni rese dalla vittima e dai testimoni, tra cui anche la figlia minore della coppia nonché dal materiale prodotto dalla p.o. concernente conversazioni con l’uomo.

La persona offesa rappresentava altresì che mesi prima di sporgere denuncia si era recata presso un centro antiviolenza da cui era stata presa in carico.

In sede di esecuzione della misura del divieto di avvicinamento, il prevenuto ha prestato il proprio consenso all’applicazione del dispositivo di controllo elettronico “braccialetto elettronico”.

Il provvedimento oggi eseguito è una misura cautelare disposta in sede di indagini preliminari, avverso cui sono ammessi mezzi di impugnazione e i destinatari della stessa sono persone sottoposte alle indagini e quindi presunte innocenti fino a sentenza definitiva.

Sannio, alunna racconta a scuola che il padre picchia la madre: 58enne accusato di maltrattamenti in famiglia

Sannio, alunna racconta a scuola che il padre picchia la madre: 58enne accusato di maltrattamenti in famiglia

CronacaProvincia

A seguito di una mirata attività d’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Benevento, nella giornata di oggi, militari della Stazione Carabinieri di Telese Terme (BN) hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare con obbligo di lasciare immediatamente l’abitazione ovvero di non farvi rientro senza autorizzazione, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Benevento, su richiesta della Procura della Repubblica di Benevento, nei confronti di un cinquantottenne del posto gravemente indiziato del reato di maltrattamenti in famiglia commessi in pregiudizio della compagna convivente, 44enne cittadina polacca, con l’aggravante di aver commesso i fatti in presenza della figlia minorenne.

Le indagini venivano avviate in seguito alla segnalazione fatta al locale Comando Arma da parte del personale docente dell’Istituto Comprensivo Scolastico di Telese Terme, circa il racconto di un’alunna che aveva riferito di assistere ad episodi di maltrattamenti e violenza domestica posti in essere dal padre nei confronti di sua madre.

Fatti e circostanze riconducibili a reiterate condotte violente e vessatorie in ambito domestico, riscontrati dalle dichiarazioni rese dalle insegnanti di classe, dall’audizione protetta della minore e dalle dichiarazioni rese dalla parte offesa. Inoltre, nel corso delle indagini veniva accertato che già nel 2022 la p.o. aveva denunciato violenze subite da parte del compagno ed all’epoca era stata collocata in una struttura protetta, salvo poi tornare a convivere con l’indagato. Per tale condotta l’indagato, risultava già destinatario dell’ammonimento del Questore ex art. 3 D.L.38/2013.

In sede di esecuzione della misura dell’allontanamento dalla casa familiare, il prevenuto ha prestato il proprio consenso all’applicazione del dispositivo di controllo elettronico “braccialetto elettronico” ragion per cui è stata attivata la procedura di attivazione.

Il provvedimento oggi eseguito è una misura cautelare disposta in sede di indagini preliminari, avverso cui sono ammessi mezzi di impugnazione e i destinatari della stessa sono persone sottoposte alle indagini e quindi presunte innocenti fino a sentenza definitiva.

Minacce all’ex moglie, nei guai 51enne sannita

Minacce all’ex moglie, nei guai 51enne sannita

CronacaProvincia

A seguito di una mirata attività d’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Benevento, nella giornata di ieri, militari della Compagnia Carabinieri di Cerreto Sannita (BN) hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare con prescrizione di mantenere una distanza di almeno 500 metri dalla casa familiare e dalla casa dei genitori della persona offesa e del divieto di dimora nel Comune di Guardia Sanframondi, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Benevento, su richiesta della Procura della Repubblica di Benevento, nei confronti di un cinquantunenne del posto gravemente indiziato del reato di minacce gravi reiterate nei confronti della ex moglie – ancora convivente.  

Le indagini venivano avviate in seguito alla presentazione della querela da parte della persona offesa che riferiva le condotte subite dall’indagato, le quali venivano riscontrate mediante l’assunzione di informazioni da parte del figlio della coppia nonché mediante l’acquisizione dell’annotazione di servizio della p.g. intervenuta in occasione di una delle minacce patite.  

L’indagato, peraltro, risultava già destinatario dell’ammonimento questorile ex art. 3 D.L.38/2013.In sede di esecuzione della misura dell’allontanamento dalla casa familiare con prescrizione di mantenere una distanza di almeno 500 metri dalla casa familiare e dalla casa dei genitori della persona offesa con applicazione di braccialetto elettronico il prevenuto non prestava il consenso all’installazione del dispositivo, ragion per cui veniva applicata, unitamente alla citata misura, la più grave misura del divieto di dimora in Guardia Sanframondi.

Benevento| Aggredisce e minaccia la madre per farsi consegnare soldi: nei guai 43enne

Benevento| Aggredisce e minaccia la madre per farsi consegnare soldi: nei guai 43enne

BeneventoCronaca

All’esito dell’attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica di Benevento,  Ufficiali e Agenti della Stazione CC di Benevento nella giornata odierna hanno dato esecuzione all’ordinanza di applicazione della misura cautelare del divieto di avvicinamento alle persone offese e ai luoghi abitualmente frequentati dalle stesse con obbligo di mantenersi ad una distanza di 500 mt dalle persone offese e dall’abitazione familiare e con la modalità di controllo del braccialetto elettronico emessa dal GIP del Tribunale di Benevento, su richiesta della Procura della Repubblica di Benevento, nei confronti di un 43enne abitante in Benevento e gravemente indiziato dei reati di maltrattamenti in famiglia nei confronti dei genitori ed estorsione aggravata nei confronti della madre.

Le indagini venivano avviate a seguito della querela della madre dell’indagato: la stessa unitamente al coniuge, riferiva nell’occasione il grado di pressione psicologica che subiva oramai da mesi l’intero nucleo familiare in virtù delle condotte del figlio che adottava un comportamento sempre più oppressivo, aggressivo e intimidatorio nei loro confronti.  

Le condotte dell’uomo, nella specie, si verificavano oramai con cadenza giornaliera costringendo i genitori a vivere quotidianamente nell’angoscia e nella paura delle azioni e delle reazioni del figlio.   

Peraltro, secondo quanto emerso, da ultimo l’uomo aveva altresì aggredito verbalmente la madre con minacce molto gravi sfogando la sua rabbia sulle suppellettili domestiche per costringerla a consegnargli anche alcune somme di denaro, così alimentando ancora di più la prostrazione psicologica della donna.

  L’attività di indagine, dunque, articolatasi principalmente nell’acquisizione delle dichiarazioni delle persone offese nonché di altri familiari a conoscenza dei fatti e nello svolgimento di accertamenti di polizia giudiziaria a riscontro, permetteva così di raccogliere celermente gravi indizi di reato a carico dell’indagato, e il GIP presso il Tribunale di Benevento, accogliendo la richiesta della locale Procura, emetteva il provvedimento applicativo della misura cautelare del divieto di avvicinamento alle persone offese a carico dell’indagato che abitualmente costringeva l’intera famiglia a vivere in uno stato di soggezione quotidiana.

La misura oggi eseguita è una misura cautelare disposta in sede di indagini preliminari, avverso cui sono ammessi mezzi di impugnazione, e il destinatario della stessa è persona sottoposta alle indagini e quindi presunta innocente fino a sentenza definitiva.

Minacce e percosse alla convivente e alla figlia: arrestato 65enne

Minacce e percosse alla convivente e alla figlia: arrestato 65enne

CronacaRegione

Ieri pomeriggio a Grottaminarda i Carabinieri della locale Stazione, hanno arrestato un 65enne del posto presunto responsabile di “Maltrattamenti in famiglia”.

A seguito di una segnalazione giunta al 112, la Centrale Operativa della Compagnia Carabinieri di Ariano Irpino disponeva l’invio di una pattuglia presso un’abitazione di Grottaminarda dove era stata segnalata una lite in famiglia.

Qualche minuto e i Carabinieri sono giunti sull’obiettivo indicato dove un uomo, all’apice dell’ennesimo litigio verbale avvenuto tra le mura domestiche, con forte ira aveva aggredito fisicamente la donna e la figlia, quest’ultima intervenuta per dividere la coppia.

Con non poca fatica i militari operanti sono riusciti a calmare l’esagitato che, in un contesto di piena sicurezza, è stato condotto in Caserma.

Secondo quanto riferito dalla vittima ai militari, gli episodi di violenza, anche psicologica, da parte dell’uomo nei confronti della moglie, duravano ormai da diverso tempo.

L’uomo, fatta salva la presunzione di innocenza fino a sentenza definitiva, al termine delle formalità di rito, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato condotto presso un’altra abitazione in regime di arresti domiciliari

Maltrattamenti in famiglia e resistenza a pubblico ufficiale: arrestato 50enne

Maltrattamenti in famiglia e resistenza a pubblico ufficiale: arrestato 50enne

CronacaRegione

Nella serata di ieri, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Avellino, hanno tratto in arresto un 50enne di Altavilla Irpina, per maltrattamenti in famiglia, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale.

Il provvedimento è scaturito a seguito dell’intervento dei militari della Sezione Radiomobile Carabinieri presso l’abitazione dell’arrestato, resosi responsabile, ancora una volta, di una lite con la sua compagna, arrivando a malmenarla, minacciarla e ferirla con un coltello da cucina.

La tempestiva ed efficace azione dei militari dell’Arma ha scongiurato ulteriori conseguenze alla donna mentre l’uomo, vistosi bloccato, ha iniziato a scagliarsi contro i militari intervenuti.

Al termine delle formalità di rito, l’arrestato è stato associato alla Casa Circondariale di Avellino.

Il risultato operativo è strettamente collegato alla particolare attività quotidianamente svolta dai Carabinieri, rivolta alla prevenzione e repressione dei reati di genere.