GdF, Matera (FdI): “Grazie a Bua per il grande lavoro svolto e benvenuto al nuovo Comandante”

GdF, Matera (FdI): “Grazie a Bua per il grande lavoro svolto e benvenuto al nuovo Comandante”

Politica

Voglio ringraziare il colonnello Eugenio Bua, Comandante provinciale della Guardia di Finanza di Benevento negli ultimi tre anni, per aver svolto un grande lavoro in silenzio ma tangibile sul territorio. Allo stesso tempo voglio dare il benvenuto nel Sannio al nuovo Comandante, il colonnello Michelangelo Sportelli, formulando i migliori auguri di buon lavoro’.

Lo dichiara in una nota il senatore Domenico Matera, presidente provinciale di Fratelli d’Italia.

Sannio| 2,7 milioni per adeguamento sismico luoghi di culto. Matera: “Si conferma grande attenzione del Ministero per nostre aree”

Sannio| 2,7 milioni per adeguamento sismico luoghi di culto. Matera: “Si conferma grande attenzione del Ministero per nostre aree”

Politica

“Siamo a fronte di una misura alquanto preziosa nell’ottica di tutelare l’immenso patrimonio storico, architettonico e culturale che vive nelle strutture religiose del nostro territorio”.

Il Senatore di Fratelli d’Italia Domenico Matera commenta così l’emissione del decreto, il 609 del 20 Maggio, attraverso il quale il Segretariato generale del Ministero della Cultura ha assegnato le risorse, a valere su fondi Pnrr, per la messa in sicurezza dal punto di vista sismico dei luoghi di culto.

Ammontano a circa 2,7 milioni, nel dettaglio, le risorse destinate a siti ricadenti nella provincia di Benevento.

Nel dettaglio: 400.000 euro vanno alla chiesa parrocchiale di San Donato Martire di Airola; 300.000 all’Abbazia di San Fortunato di Arpaia; 490.000 al Santuario della Madonna del Taburno di Bucciano; 450.000 alla chiesa di San Giuseppe di Cerreto Sannita; 600.000 alla chiesa di Santa Lucia di Faicchio e, in ultimo, 400.000 alla chiesa di Sant’Angelo in Munculanis di Sant’Agata de’ Goti.

“Si conferma la grande sensibilità e la grande attenzione che il Ministro Sangiuliano nutre nei confronti del nostro territorio e che già mi aveva manifestato in occasione di un incontro a Roma alla presenza di vari rappresentanti istituzionali del territorio giunti in delegazione con me.

Con questi interventi che vanno a riguardare vari siti di pregio del nostro territorio non andiamo semplicemente a mettere in sicurezza le strutture dal punto di vista strutturale ma andiamo a porre in essere un investimento che è funzionale in ultimo alla promozione del territorio e delle sue peculiarità. Il nostro entroterra campano presenta motivi di indubbia attrazione nei fattori legati al patrimonio naturale, all’enogastronomia ma soprattutto alla portata storica ed al substrato tradizionale.

Conservare i nostri luoghi significa conservare la nostra millenaria vicenda scommettendo in un futuro che possa essere di sviluppo e di una prospettiva che sia sicuramente più gratificante”.

Statuto EIC, Matera: “Ho posto in essere le mie riflessioni rispetto alle criticità permanenti”

Statuto EIC, Matera: “Ho posto in essere le mie riflessioni rispetto alle criticità permanenti”

Politica

“Ho ancora una volta posto in essere le mie riflessioni rispetto alle criticità ancora permanenti nei contenuti statutari del nascente soggetto idrico campano”. Così il Senatore di Fratelli d’Italia Domenico Matera nel commentare la presentazione , all’attenzione dell’Ente idrico campano, delle personali osservazioni e proposte in seno alla procedura di consultazione pubblica propedeutica alla costituzione della società Sannio Acque Srl.

Il parlamentare sannita ha nuovamente posto l’accento su quegli stessi elementi difettosi insistenti nella tenuta normativa dello Statuto, chiedendone contestualmente la soppressione, che il medesimo aveva evidenziato nel contesto di un precedente contributo reso nel Febbraio 2023. Nel dettaglio, il Senatore Matera ha evidenziato come, per iniziare, in contrasto con le disposizioni di Legge, nello Statuto permanga un pregiudizio alla regola della esclusività dell’oggetto sociale, nel caso di società pubblico private, aspetto che, non a caso, la corte dei Conti aveva censurato per gli indebiti vantaggi che potrebbe conseguire il socio privato.

Il Senatore ha pure ricordato come la Corte dei Conti avesse sollevato eccezioni sul contenuto dell’articolo 7 comma 8 dello Statuto Eic in fatto di mancata titolarità da parte del socio di riserve targate e sull’annesso rischio evidenziato dalla mgistratura contabile dell’apertura ad una incontrollata esposizione finanziaria del socio pubblico; Rimarcato pure dal parlamentare sannita la permanenza di previsioni nello Statuto già censurate dalla corte dei Conti circa la la composizione dell’organo amministrativo. L’attuale struttura dello Statuto dell’Ente idrico non è conforme, infatti, all’articolo 11 del Tusp che prevede che l’Organo amministrativo delle società di controllo pubblico sia costituito di norma da un amministratore unico.

Ed ancora, sempre trascurandosi quando era stato sottolineato dalla sezione di controllo della Campania della corte dei Conti, sono confermate nello schema di contratto di servizio e di Patti parasociali previsioni che erano state censurate in ordine alla attuale possibilità prevista dallo Statuto Eic di dovessi dei corrispettivi al socio privato per i lavori oggetto di ogni singolo intervento realizzato dalla società e per i compiti operativi ad esso assegnati con il contratto di servizio. Previsioni che tutelerebbero eccessivamente, appunto, il socio privato.

“Come già abbondantemente precisato – ha  ricordato Matera – la formulazione dello Statuto conferma sostanzialmente le criticità che erano state oggetto di censura da parte  della Corte dei Conti. Con il mio contributo ho voluto ricordare la permanenza di questi difetti e l’opportunità e la necessità di adeguare alla norma i vari aspetti. Sperando che la fase di consultazione pubblica non resti solo un valzer meramente formale ma un momento di ideale confronto e di democratica partecipazione”.

Ospedale Sant’Alfonso, Matera (FI): “Spero in massiccia partecipazione all’Assemblea dei Sindaci” 

Ospedale Sant’Alfonso, Matera (FI): “Spero in massiccia partecipazione all’Assemblea dei Sindaci” 

Politica

“Apprendiamo finalmente della convocazione da parte del Primo Cittadino di Benevento Clemente Mastella dell’Assemblea dei sindaci per discutere della questione del Sant’Alfonso Maria de’ Liguori, come da noi più volte chiesto. Ora ci auguriamo che vi sia una partecipazione quanto più ampia da parte dei rappresentanti istituzionali del territorio”.

Lo fa presente il Senatore di Fratelli d’Italia Domenico Matera che, nella serata di Lunedì, aveva preso parte alla seduta del Consiglio comunale tenutasi in forma aperta a Sant’Agata de’ Goti con ad oggetto il punto Ospedale. “Sarà quanto mai importante che i sindaci prendano parte all’appuntamento di Venerdì per fornire il loro contributo. L’occasione sarà utile per discutere del Sant’Alfonso Maria de’ Liguori ma anche della Sanità in provincia di Benevento, in via generale e complessiva, sia per quel che riguarda l’aspetto della Medicina programmata sia per quel che riguarda la medicina di emergenza. Pertanto, i rappresentanti del territorio che, per la loro prossimità, sono il termometro delle istanze e delle esigenze delle rispettive Comunità, sono chiamati a fornire nella sede dell’Assemblea dei sindaci quella che è la loro idea di Sanità provinciale: sarà un’occasione importante per mettere insieme le richieste di tutti, i suggerimenti di tutti, cercando di fare sintesi e di trovare una soluzione che, originando dall’ascolto, possa essere consegnata e recapitata nelle preposte sedi della Regione che sono quelle competenti, lo si ricorda, in materia.

“Partiamo dal discorso del Sant’Alfonso Maria de’ Liguori, quindi, per poter arrivare ad un’idea di Sanità e di relativa assistenza nel territorio provinciale nella sua interezza.
Per questo, sarà molto importante che si possa avere una diffusa presenza così come sarebbe anche auspicabile che Azienda San Pio e, soprattutto, Regione, che sono le interfaccia principe nella vicenda, possano fare altrettanto al fine di poter dare riscontro a dubbi e richieste così velocizzando e semplificando il dibattito”.

Ospedale De’ Liguori, Matera (FdI) “Evitata la chiusura del Pronto Soccorso ma attenzione resti alta”

Ospedale De’ Liguori, Matera (FdI) “Evitata la chiusura del Pronto Soccorso ma attenzione resti alta”

Politica

“Desidero ringraziare la dottoressa Morgante, Direttore generale dell’Azienda ospedaliera San Pio, poiché grazie al suo interessamento abbiamo scongiurato la chiusura negli orari notturni del Pronto Soccorso dell’Ospedale Sant’Alfonso Maria de’ Liguori di Sant’Agata dei Goti”.

Lo fa sapere con una nota alla stampa il senatore di Fratelli d’Italia Domenico Matera. “Così come da notizie recentemente emerse, infatti, avevamo un rischio concreto di chiusura del presidio santagatese negli orari notturni che avrebbe arrecato disagi e criticità per un’area già sofferente dal punto di vista sanitario.

Per questi motivi, ho incontrato e sentito in più occasioni la Dirigente Morgante per sottoporle la questione, chiedendo di produrre il massimo sforzo per evitare la chiusura. 

Ebbene, la dottoressa Morgante ha ottenuto la disponibilità delle professionalità mediche riuscendo a raccogliere l’obiettivo di garantire il servizio in questione anche nella fascia notturna per tutto il mese di Aprile. Questo risultato – aggiunge Matera – si incastra poi con la conclusione della procedura concorsuale che è stata bandita dalla Regione per la individuazione di medici di emergenza, 13 unità delle quali toccheranno anche all’Azienda San Pio e dunque anche all’ospedale di Sant’Agata de’ Goti. 

L’entrata in servizio dei nuovi assunti è prevista immediatamente dopo la pubblicazione della graduatoria concorsuale programmata per il 26 Aprile: in tal modo vi sarebbe una continuità delle prestazioni sempre garantita.

Come più volte ribadito – prosegue Matera – il vero successo si avrà solo nel momento in cui la politica regionale deciderà di dare seguito alle previsioni del decreto del Commissario ad acta 41 del 2019. Fino ad allora siamo consapevoli di essere in bilico: intanto, però, siamo felici di intravedere un esito positivo per quel che riguarda la vicenda del Pronto Soccorso e di tanto, ripeto, dò atto alla Dirigente generale del San Pio anche per avere in più circostanze tollerato la mia insistenza. Si mantenga alta l’attenzione collettiva da parte delle Istituzioni e, a tal proposito – conclude il parlamentare sannita – Accolgo con favore pure la notizia della convocazione di un Consiglio comunale aperto sulla questione ospedale da parte dell’Amministrazione comunale di Sant’Agata de’ Goti. 

Appare evidente come solo attraverso uno sforzo trasversale di tutte le parti coinvolte e, anche grazie alle sollecitazioni dei comitati civici, si possa approdare ad una conclusione che possa essere quanto più positiva della vicenda”.

Coordinamento provinciale FdI, auguri e riflessioni politiche col senatore Matera

Coordinamento provinciale FdI, auguri e riflessioni politiche col senatore Matera

Politica

Scambio di auguri pasquali presso la sede del Coordinamento provinciale di Fratelli d’Italia di Benevento. Questo pomeriggio il Senatore Domenico Matera, infatti, ha incontrato tesserati e amministratori per il tradizionale momento cogliendo allo stesso tempo anche l’occasione per alcuni approfondimenti di carattere politico. A margine del momento, per l’appunto, il parlamentare si è intrattenuto in una riunione incentrata sul prossimo voto europeo e su quello amministrativo che vedrà coinvolti diversi Centri del Sannio. 

“È stato uno dei tanti appuntamenti che – spiega Matera – ho voluto programmare al fine di tenere viva la dialettica ed il confronto con gli iscritti al partito e con i rappresentanti istituzionali, tutti prezioso tramite delle istanze che vengono dal territorio.

Importanti momenti ci attendono a breve sia su scala locale sia a livello di Europee, occasioni cui arriviamo preparati e coesi grazie alla attività costante che viene quotidianamente condotta. 

Intanto – la conclusione del Senatore Matera – voglio estendere ai sanniti l’augurio di una serena festività pasquale che possa essere occasione di incontro e pace con i propri cari”.

Senatore Matera “Agricoltura ottenga giusta attenzione in Europa”

Senatore Matera “Agricoltura ottenga giusta attenzione in Europa”

Politica

I vari scenari critici in essere nello scenario internazionale ed il tema agricoltura – con gli effetti diretti che i primi vanno a riversare sulla seconda – sono stati oggetto di un intervento posto in essere nella giornata di ieri, in Aula di Palazzo Madama, dal Senatore di Fratelli d’Italia Domenico Matera nel contesto della discussione generale sulle comunicazioni del Presidente del Consiglio in vista del Consiglio europeo del 21 e 22 Marzo.

Soffermandosi sulla questione della crisi in Medio Oriente, Matera ha evidenziato come il Parlamento abbia impegnato il Governo a “perseguire ogni sforzo per il raggiungimento, in prospettiva, di una soluzione di pace basata sulla formula dei ‘due Stati’, che vivano uno accanto all’altro in pace e in reciproca sicurezza” e come, in questo momento, l’Italia, che ha la Presidenza del G7, possa e debba insistere in tale ruolo di mediazione. Come prima accennato, però, la connessione è stretta con il tema agricoltura.

Non a caso, proprio tale punto è stato inserito, dopo molto tempo, all’ordine del giorno del Consiglio europeo proprio grazie alle istanze dell’Italia. 

La chiusura parziale degli approvvigionamenti dal canale di Suez sono tutti tasselli di una situazione drammatica che si riverbera direttamente sulle nostre produzioni – ha osservato Matera che, sempre con riferimento alla medesima questione, ha fatto ampio riferimento anche alla questione russo-ucraina – È importante quindi che l’Europa torni a parlare di Agricoltura, come prevedono i trattati europei, poiché è una politica centrale per lo sviluppo economico della nostra Europa tesa alla sicurezza alimentare”

Abbiamo impegnato il Governo – ha concluso Matera – ad agire affinché l’agricoltura, che rappresenta una risorsa strategica per il nostro Paese, ottenga a livello europeo la giusta attenzione in termini di riduzione degli oneri che gravano sul settore, di rafforzamento dell’efficacia della Politica agricola comune e di una più efficiente risposta europea ai fenomeni di concorrenza sleale da parte di Paesi terzi”.

Il senatore Matera nella commissione bicamerale Orlandi-Gregori

Il senatore Matera nella commissione bicamerale Orlandi-Gregori

Politica

Il Senatore di Fratelli d’Italia Domenico Matera nella Commissione bicamerale Orlandi-Gregori. Il parlamentare sannita, infatti, su indicazione del partito d’appartenenza, è stato chiamato a fare parte dell’Organismo d’inchiesta Senato-Camera che è stato costituito – per volontà del Parlamento – al fine di fare luce su quelli che sono due tra i principali casi irrisolti della storia recente italiana.

Emanuela Orlandi era una ragazzina di 15 anni, cittadina vaticana, che sparì il 22 Giugno 1983; Una vicenda collegata nel tempo a più possibili matrici ma che è restata allo stato irrisolta e che è stata messa in relazione – per la comunanza di vari aspetti – alla quasi contemporanea sparizione di un’altra adolescente romana, Mirella Gregori, che si era avuta appena un mese e mezzo prima.

“In primo luogo – ha commentato il Senatore Matera – desidero ringraziare il partito che mi ha indicato quale componente di questo importante Organismo. Darò il mio contributo in termini di puntualità ed impegno al fine di cercare di mettersi ordine in due vicende irrisolte che pretendono, da parte dei familiari e degli italiani, uno sforzo in termini di chiarezza e verità”.

Pnrr. Matera (FdI): “Il Governo ha saputo adattarlo alle esigenze italiane”

Pnrr. Matera (FdI): “Il Governo ha saputo adattarlo alle esigenze italiane”

Politica

“Il 2026 è una data rigida per permettere la realizzazione di tutti gli impegni previsti nel Pnrr, dunque è stato serio da parte del governo Meloni riconsiderare alcuni progetti. La rimodulazione è stata necessaria ed i motivi anche geopolitici sono noti a tutti, anche perché in mancanza di un tempestivo intervento di tipo correttivo, si sarebbe prodotta l’inevitabile conseguenza di non ottenere da parte dell’Unione europea il trasferimento delle risorse collegate al raggiungimento delle milestone e dei target del Pnrr”.

È quanto dichiarato in Aula del Senato, nella discussione generale a seguito delle comunicazioni del ministro Raffaele Fitto sullo stato di attuazione del Pnrr, il Senatore di Fratelli d’Italia Domenico Matera.

“L’intensa e complessa attività di negoziato con la Commissione europea per la revisione del Piano – ha proseguito Matera – ha consentito di garantire, da un lato, la destinazione delle risorse agli interventi più utili per il Paese e, dall’altro, di assicurare la realizzazione dei progetti nei tempi previsti”.

Per il parlamentare di FdI “il Governo ha saputo dimostrare che il Pnrr non è una strada rigida e immutabile, ma piuttosto un percorso che poteva e doveva essere adattato alle reali esigenze e priorità del nostro Paese”.

“Questo – la conclusione del Senatore – è un segno di saggezza e lungimiranza, e ciò che è stato realizzato fino ad ora merita il nostro plauso e il nostro sostegno”.

Cacciano a Matera: “Capisco le ragioni di partito ma con autonomia Governo tradisce Sud”

Cacciano a Matera: “Capisco le ragioni di partito ma con autonomia Governo tradisce Sud”

Politica

“Il Senatore Matera mi chiama in causa in merito alla manifestazione di Roma sull’autonomia differenziata. (leggi QUI)

Prima di entrare nel merito, mi preme ringraziarlo per la solidarietà che mi rivolge nella sua nota rispetto alle gratuite offese del Coordinamento di Forza Italia. Apprezzo la correttezza e la sensibilità visto anche il particolare contesto. 

Quanto alla manifestazione: la strada tracciata dal Governatore De Luca è non solo corretta ma doverosa. 

È obbligo di cittadino difendere il Sud dagli attacchi di un Governo che lo sta svendendo con un progetto scellerato, una truffa a tutti gli effetti dei cittadini meridionali.

Matera, che prima di essere Senatore è stato a lungo un apprezzato sindaco nella sua comunità, conosce benissimo la situazione: sa bene che quella legge, se passasse così com’è, sarebbe una definitiva sentenza di condanna per i nostri territori. La cruda e tragica verità è questa, il resto è contorno e tentativi di deviare dalla realtà. 

Al Senatore Matera perciò dico: c’è ancora tempo per ammettere che quel disegno di legge, che non finanzia i livelli essenziali di prestazioni e trattiene al nord l’enorme mole di risorse del residuo fiscale, di fatto annienta il Sud. Da uomo di partito non posso che comprendere la ‘ragion di partito’, ma c’è qualcosa che conta di più: il proprio territorio, la comunità che ti ha votato… con l’autonomia differenziata e il blocco dei fondi Fsc il Governo di Destra-Centro li sta tradendo e mortificando”. 

Lo dichiara il segretario provinciale del Pd, Giovanni Cacciano.