Pietrelcina e Pesco Sannita, Carabinieri nelle scuole per la cultura della legalità

Pietrelcina e Pesco Sannita, Carabinieri nelle scuole per la cultura della legalità

AttualitàDalla Provincia

Un “fronte” caldo quello della legalità nelle scuole che i Carabinieri del Comando Provinciale di Benevento, grazie alla sinergia con i dirigenti scolastici e il corpo docente, stanno affrontando attraverso una forte opera di sensibilizzazione tra gli studenti. In tale ambito, i Carabinieri della Compagnia di Benevento hanno tenuto una “lezione” di legalità ai circa 120 ragazzi dell’Istituto Comprensivo Statale “San Pio” da Pietrelcina sia nella sede principale che nel plesso scolastico di Pesco Sannita.  

Le lezioni hanno coinvolto gli studenti dell’intero ciclo di studi delle classi secondarie di primo grado e dell’ultimo anno della scuola primaria, guidati dal Dirigente scolastico Prof.ssa Maria Gabriella FEDELE, dalla responsabile dei due plessi prof.ssa Rosella Belinda  e dagli insegnanti. Agli incontri ha presenziato il Capitano Emanuele Grio, Comandante della Compagnia di Benevento insieme ai Comandanti delle Stazioni di Pietrelcina e Pesco Sannita Luogotenente Enrico Maurizio Vernillo e Mar. Orazio Nardone.

Un confronto che ha tenuto alta l’attenzione degli alunni, interessati dalle tematiche affrontate, dal cyberbullismo, alla nomofobia (dipendenza da smartphone), passando poi ai pericoli derivanti dall’uso dei social network, alla ludopatia (gaming online), fino ad arrivare alle forme più vili di violenza ovvero quelle nell’ambito familiare. Il dialogo tra l’Arma dei Carabinieri e gli alunni è stato sicuramente proficuo sotto ogni aspetto, concludendosi con un arricchimento personale da entrambe le parti e rafforzando quel sentimento di vicinanza tra l’Arma ed i giovani.

Da molti anni, infatti, l’Arma dei Carabinieri è sensibile all’educazione alla legalità da parte di giovani e giovanissimi, per diffondere i valori del rispetto delle regole, con il fine precipuo di salvaguardare il bene degli studenti

Pugno all’ex compagna, 30enne agli arresti domiciliari

Pugno all’ex compagna, 30enne agli arresti domiciliari

CronacaProvincia
L’uomo è ritenuto responsabile anche della violazione del divieto di avvicinamento all’ex convivente.

All’esito di indagini preliminari, coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Benevento, militari della Compagnia Carabinieri di Benevento hanno dato esecuzione alla misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di un 30enne di Pesco Sannita, attesa la violazione della misura del divieto di avvicinamento alla ex convivente.

Nello specifico l’uomo, precedentemente sottoposto all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria ed al divieto di avvicinamento alla ex convivente, ignorando le prescrizioni imposte dal Giudice aveva seguito a piedi la vittima fino alla sua abitazione e, dopo averla minacciata, la colpiva con un pugno sferrato all’altezza del volto.

Il pronto intervento dei militari dell’Arma aveva consentito di interrompere l’azione criminosa dell’aggressore che veniva immediatamente tratto in arresto.

Il G.I.P. presso il Tribunale di Benevento, a seguito dei reiterati comportamenti violenti nei confronti della ex convivente, accoglieva la richiesta della Procura di inasprimento della misura in atto con quella degli arresti domiciliari.

Il provvedimento eseguito è misura cautelare disposta in sede di indagini preliminari, avverso cui sono ammessi mezzi di impugnazione e il destinatario della stessa è persona sottoposta alle indagini e quindi presunte innocente fino a sentenza definitiva.

Pesco Sannita, sanzione di 35.000€ a struttura per anziani

Pesco Sannita, sanzione di 35.000€ a struttura per anziani

CronacaProvincia

A seguito di verifiche eseguite presso una struttura per anziani di Pesco Sannita, nell’ambito dei controlli congiunti eseguiti con personale del Nas di Salerno e del nucleo ispettorato del lavoro di Benevento, venivano deferite all’autorità giudiziaria due persone, entrambe presidenti del consiglio di amministrazione delle società di gestione, per gravi irregolarità o assenza nei rispettivi documenti di valutazione rischio, omessa visita medica di un lavoratore e mancata formazione sulla sicurezza dei dipendenti.

Scoperta altresì la presenza di un lavoratore in nero, nonché ulteriori difformità fra le quali spicca la presenza di un numero di ospiti superiore a quello previsto. contestate nella circostanza ammende e sanzioni amministrative per un ammontare complessivo di circa 35.000 euro.

Le Istituzioni locali contrarie al Parco Eolico di Maitine tra Pietrelcina e Pesco Sannita

Le Istituzioni locali contrarie al Parco Eolico di Maitine tra Pietrelcina e Pesco Sannita

Politica

Il Presidente della Provincia di Benevento ha incontrato gli amministratori dei Comuni di Benevento, Pesco Sannita e Pietrelcina in merito ad un programma di un Parco eolico in località Difesa e Maitine del Comune di Pietrelcina con opere connesse ricadenti nei territori del capoluogo e di Pesco Sannita.

A conclusione dell’incontro è stata espressa forte contrarietà e preoccupazione per l’ennesimo insediamento di aerogeneratori sul territorio sannita che questa volta consta di 9 “pale eoliche” ciascuna alta 200 metri e ciascuna della potenza nominale di 6,69 MW per una potenza complessiva nominale pari a 60,00 MW.

I numeri di questo nuovo Parco eolico, per il quale è stata pubblicata la relativa istanza sul sito del Ministero della Transizione Ecologica, sono eloquenti: se approvato il programma, osservano le Istituzioni locali di Benevento, Pesco Sannita e Pietrelcina, oltre ad un aggiuntivo consumo del suolo, si avrà un impatto rilevante e negativo sull’ambiente, sul paesaggio, su insediamenti produttivi e servizi (alcuni di natura particolare) nel territorio, ed anche sul turismo religioso.

E’ appena il caso di notare, infatti, che il Parco, come ha osservato il Sindaco di Pietrelcina Salvatore Mazzone, è programmato, di fatto, nell’area dei Luoghi di Padre Pio, cioè nell’area di una testimonianza forte di quella cultura contadina che fu la culla del Santo e che oggi è visitata quotidianamente da rilevanti flussi di fedeli e di turisti.

Più, precisamente, come hanno a loro volta osservato il Sindaco di Pesco Sannita, Nicola Gentile, ed il suo Vice, Michele Antonio, gli aerogeneratori verranno installati in località Maitine a ridosso cioè della principale via di comunicazione di Pesco Sannita con la stessa Pietrelcina ed il capoluogo e peraltro a breve distanza dalla Statale Fortorina e dalla ferrovia storica Benevento – Pietrelcina – Campobasso. Nell’area Maitine, in ragione di tanto, sono da tempo insediati importanti ed avviate attività produttive e servizi, tra le quali si annovera lo Zoo delle Maitine. Tale ultimo polo, che accoglie preziosa biodiversità animale e vegetale ed offre servizi per la Didattica e la Ricerca scientifica, è ogni anno visitato, in quanto tale, da decine di migliaia di studenti delle Scuole di ogni ordine e grado, da ricercatori, da semplici turisti.

Il Presidente della Provincia Lombardi, nel prendere atto delle considerazioni espresse dagli amministratori locali, ha sottolineato come il territorio delle aree interne sannite si trova ad ospitare già la quota più rilevante degli aerogeneratori presenti in tutta la Campania e che, pertanto, ulteriori insediamenti, appaiono in contrasto con le esigenze della tutela del suolo, del paesaggio e dell’ambiente.

Pesco Sannita | Contributo di 500 euro per i bimbi nati nel 2021

Pesco Sannita | Contributo di 500 euro per i bimbi nati nel 2021

AttualitàDalla Provincia

Con una delibera di Giunta a firma del sindaco Nicola Gentile, il Comune di Pesco Sannita ha riconfermato lo scorso 1° settembre il suo impegno per le famiglie attraverso un contributo denominato “Benvenuto ai nuovi nati“, di 500 euro.

Si tratta di una misura in vigore già da tempo nel Comune richiamato, essendo stato, il primo provvedimento, in tal senso, deliberato in data 3 agosto 2001 ed istituito allo scopo di limitare il processo di desertificazione che minaccia il territorio sannita ed in particolari le aree rurali interne.

Pertanto, al chiaro scopo di incentivare lo sviluppo demografico del piccolo centro fortorino, il supporto economico in oggetto è destinato, nello specifico, ai bimbi nati nel 2021, in nuclei familiari o monogenitoriali già residenti nel Comune di Pesco Sannita, a condizione, però, che i minori siano iscritti all’anagrafe della popolazione residente (APR) di Pesco Sannita.

Pesco Sannita, accolta la proposta del gruppo politico “Presente e Futuro” sulla cittadinanza onoraria a Gragnaniello

Pesco Sannita, accolta la proposta del gruppo politico “Presente e Futuro” sulla cittadinanza onoraria a Gragnaniello

Politica

I consiglieri comunali Mariano Iadanza, Alfonso Ialeggio e tutto il gruppo politico “Presente e Futuro” di Pesco Sannita, recepiscono con profonda soddisfazione l’accoglimento della propria proposta sul conferimento della cittadinanza onoraria al noto cantautore Enzo Gragnaniello, da parte dell’Amministrazione Comunale.

L’idea è stata lanciata in campagna elettorale (comunali 2021) dal candidato Angelo Vetere e poi successivamente messa nero su bianco e protocollata dai consiglieri comunali Iadanza e Ialeggio in data 20/12/2021.

La proposta di candidatura alla cittadinanza onoraria nasce, come riconoscimento simbolico al noto artista, per il forte legame che egli ha stabilito con il territorio sannita.

Difatti, il cantante da quasi un quarto di secolo si rifugia frequentemente nella tranquillità della sua villetta di campagna in Pesco Sannita, ove trae spesso ispirazione per le sue canzoni.

“Ritengo che l’attribuzione della cittadinanza onoraria, si concretizzi nell’interpretazione dei sentimenti dell’intera collettività, dovuti anche alle relazioni personali e umane che il cantante ha stabilito con alcuni dei nostri concittadini”. Così il consigliere di minoranza Mariano Iadanza.

“Ama passare molto tempo nel nostro paese in diversi periodi dell’anno, è solito invitare amici anche molto noti, e credo per questo che la cittadinanza e la sua permanenza a Pesco, possa contribuire a promuovere una migliore conoscenza e dare maggiore notorietà al nostro paese. Così il consigliere di minoranza Alfonso Ialeggio.

Tutto il gruppo politico “Pesco Sannita – Presente e Futuro” vuole dare il benvenuto “quale parte integrante della comunità” al cantautore Enzo Gragnaniello, il quale durante le festività di S. Reparata 2022 riceverà la cittadinanza onoraria di Pesco Sannita.

FOTO – Violento incidente lungo la Fortorina: due feriti

FOTO – Violento incidente lungo la Fortorina: due feriti

CronacaProvincia

Grave incidente sulla strada statale 212 “Fortorina”, dove nei pressi dell’incrocio tra Pietrelcina e Pesco Sannita si sono scontrate una Nissan e una BMW.

Due i feriti: non desta particolari preoccupazioni il conducente della BMW, che ha riportato ferite superficiali. Più grave la situazione per quanto concerne l’uomo che era alla guida della Nissan, il quale ha riportato ferite più gravi.

Entrambi i conducenti sono stati trasportati, dai sanitari del 118 giunti sul posto, al pronto soccorso del San Pio di Benevento.

Sul posto anche i Vigili del Fuoco, il personale dell’Anas, la ditta Flli. Boscia per la rimozione dei veicoli.

Ora toccherà alle Forze dell’Ordine, all’esito dei rilievi del caso, individuare elementi al fine di accertare l’esatta dinamica del sinistro.

Incidente mortale sulla Telesina: rinvio a giudizio per un 59enne e 61enne accusati di omicidio stradale

Incidente mortale sulla Telesina: rinvio a giudizio per un 59enne e 61enne accusati di omicidio stradale

CronacaProvincia

Il gip di Benevento Loredana Camerlengo ha accolto la richiesta del pm Francesco Sansobrino, sostenuta anche dalle parti offese, e rinviato a giudizio M. R. D. C, una sessantunenne di San Lorenzello (Benevento), e L. M., 59 anni, camionista di Maddaloni (Caserta) per il reato di omicidio stradale contestato dopo il grave incidente avvenuto il 2 gennaio 2019 sulla Statale 372, nella periferia del capoluogo sannita, costato la vita al 56enne di Pesco Sannita Carminuccio Tuccino Polvere e il ferimento della madre. Lo rende noto, in un comunicato, lo Studio3A, al quale si sono affidati i familiari della vittima.

    La Procura li ritiene responsabili di aver “causato in cooperazione colposa tra loro, con negligenza, imprudenza e imperizia, nonché in violazione delle norme che disciplinano la circolazione stradale“.

    Tuccino venne travolto mentre era fermo a bordo strada col suo furgone dopo un precedente tamponamento. L’automobilista e l’autotrasportatore, che non hanno chiesto riti alternativi, dovranno comparire per la prima udienza del processo il 19 settembre 2022 avanti il giudice monocratico Simonetta Rotili.
    (ANSA).