S. Nicola Manfredi, la minoranza attacca: “Si passa da un illecito all’altro”

S. Nicola Manfredi, la minoranza attacca: “Si passa da un illecito all’altro”

Politica
Il gruppo Progetto per San Nicola ritorna sulla questione della sedute di Giunta svolte da remoto.

“Nei giorni scorsi abbiamo denunciato – scrivono i consiglieri di Progetto per San Nicola – l’illegittimità delle sedute di giunta comunale svolte da remoto dopo il primo aprile 2022, senza preventiva approvazione dello specifico regolamento consiliare investendo della problematica sia il Prefetto di Benevento che il Ministero degli Interni”.

“Come è noto – proseguono – , in data 31 luglio il Prefetto di Benevento ha chiesto ufficialmente al Comune di San Nicola Manfredi chiarimenti in merito, al fine di valutare la legittimità degli atti posti in essere dall’amministrazione comunale.

In data  12 agosto 2023, magicamente, viene pubblicata all’albo pretorio una delibera di giunta comunale che si sarebbe tenuta il giorno 28 luglio 2023 e con la quale l’organo esecutivo (assenti Pennucci e Tozzi) approvava un regolamento per lo svolgimento da remoto delle giunte comunali.

Stranamente, e  diversamente da tutti gli altri, questo argomento della seduta di giunta mai pubblicizzato sui vari social da parte del sindaco stesso. A pensar male è peccato, ma spesso si indovina!”

 “Si è passati da un illecito all’altro ed in continuità” commenta Angelo Capobianco, portavoce del gruppo consiliare di Progetto per San Nicola.

“I regolamenti sono di competenza consiliare, non di Giunta. Nel caso specifico anche l’ANCI recentemente ne ha confermata più volte la competenza consiliare per l’approvazione, pertanto riteniamo illegittimo l’atto di giunta n. 114 del 28 luglio 2023 , ed ancor più illegittimo nel punto in cui si vanno a sanare atti pregressi. Di male in peggio. La copia di detta delibera sarà trasmessa a chi di competenza”, conclude la nota. 

S. Nicola Manfredi, l’opposizione attacca il sindaco: “Delibere post Covid illegittime”

S. Nicola Manfredi, l’opposizione attacca il sindaco: “Delibere post Covid illegittime”

Politica

“Le Delibere di Giunta Comunale adottate dopo la cessazione dello stato di emergenza covid 19 e, precisamente dal 1 aprile 2022  dal Comune di San Nicola Manfredi sono illegittime”.

Lo sostengono i consiglieri di minoranza, Angelo Capobianco, Nico Ciampa e Pietro Iuliano, appartenenti al Gruppo Consiliare Progetto per San Nicola Manfredi.

“E’ notorio – si legge nella nota – che alcune delibere adottate dalla Giunta Comunale di San Nicola Manfredi e dal Sindaco Arturo Leone Vernillo sono state adottate con le modalità da remoto.  Addirittura, a due di queste (seduta del 05 e 07 settembre 2022) anche  la Segretaria Comunale  ha partecipato da remoto.

Le sedute di Giunta che il Gruppo Consiliare Progetto per San Nicola ritiene illegittime per l’anno 2022 sono le seguenti: Giunta del 5.9.2022:Giunta del 7.9.2022; Giunta del 29,09,2022 ;Giunta del7.12.2022;Giunta del 24.12.2022. Per l’anno 2023 le sedute di Giunta illegittime sono: Giunta del 31.01.2023; Giunta 7 febbraio 2023; Giunta del 20.02.2023;Giunta del 27 febbraio 2023;Giunta del 10,03.2023 Giunta del 14.4.2023 e Giunta 02 maggio 2023.

“La Giunta Comunale per poter operare con le modalità da remoto avrebbe dovuto dotarsi di apposito regolamento approvato dal Consiglio Comunale, cosi come previsto da diverse circolari esplicative dell’ANCI nonché dal  Testo Unico Enti Locali in materia” e così come sancito dalla nota del Prefetto di Benevento del 31.luglio 2023″.

“Cosi purtroppo non è stato, ragion per cui, la Giunta Comunale e il Sindaco Vernillo hanno operato contra legem in quelle sedute”, si legge nella nota dei consiglieri di opposizione.

“Non entriamo (per ora)- concludono -, nel merito dei vari argomenti di Giunta trattati nelle varie sedute ritenute illegittime ma, ci preme sottolineare la precarietà e l’approssimazione oramai divenuta cronica,  che regna sovrana in questa Amministrazione Comunale anche per aver boicottato i concorsi programmati”.

San Nicola Manfredi| Opere manutenzione stradale, “Progetto per San Nicola” chiede intervento della Provincia

San Nicola Manfredi| Opere manutenzione stradale, “Progetto per San Nicola” chiede intervento della Provincia

Politica

Riceviamo e pubblichiamo la seguente nota stampa a firma dei consiglieri di minoranza, al comune di San Nicola Mafredi, Angelo Capobianco, Nico Ciampa e Pietro Iuliano.

I sottoscritti consiglieri comunali del gruppo di minoranza consiliare “Progetto per San Nicola” comunicano alle SS.LL., ciascuna per le proprie competenze, quanto segue:

– la frazione Toccanisi ricadente nel Comune di San Nicola Manfredi, da tempo ormai sta vivendo un vero e proprio incubo dovuto ai frequenti movimenti franosi o smottamenti che invadono le strade provinciali località Bivio Toppa – centro abitato Toccanisi;

– già alcuni mesi fa la Frazione Toccanisi è rimasta isolata per alcuni giorni a causa dei movimenti franosi e smottamenti verificatisi lungo detta strada e salvo il togliere o rimuovere i detriti dalla sede stradale, ad oggi non si riesce a capire se esistono provvedimenti o progetti inerenti la messa in sicurezza della strada al fine di tutelare la pubblica e privata incolumità.

– Fatto sta che anche il 16.05.2023 ancora una volta un movimento franoso ha invaso la strada bivio Toppa – Toccanisi, ostruendo quasi del tutto l’unica strada di accesso a detta frazione mettendo ancora una volta a repentaglio la pubblica e privata incolumità. Si ricorda che la sicurezza sociale viene citata nell’articolo 22 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’uomo e, identificata come un sistema di interventi pubblici finalizzati a garantire ai cittadini condizioni di vita dignitosa e a proteggere dai rischi più gravi dell’esistenza.

– Le problematiche ricadenti sulle strade provinciali del comune di San Nicola Manfredi toccano anche la strada che da San Nicola capoluogo conduce alla frazione Monterocchetta, a cui sono stati fatti ad oggi solo provvedimenti tampone ma che necessitano di soluzioni pianificate e definitive, lo stesso vale per Via Virgili strada provinciale che da Via Giardino conduce a Ponte Pastene. Problematiche note agli organi in indirizzo e che necessitano una rapida soluzione.

I sottoscritti Consiglieri comunali nel sollecitare ancora una volta un rapido intervento, chiedono l’inserimento da parte della provincia di Benevento delle opere citate nella programmazione dell’ente sia annuale che triennale.

COMUNICATO STAMPA

San Nicola Manfredi| Buoni spesa, Capobianco attacca Vernillo: “L’indecenza continua”

San Nicola Manfredi| Buoni spesa, Capobianco attacca Vernillo: “L’indecenza continua”

Politica

“Non solo ritardi nella distribuzione dei buoni spesa per gli indigenti ma anche poca chiarezza, poca trasparenza ed equilibrio nella quantificazione degli importi assegnati ai beneficiari. Questo è quello che si è verificato a San Nicola Manfredi nell’assegnazione dei buoni spesa. Il metodo Vernillo colpisce ancora, generando non poco squilibrio, confusione e malcontento tra gli indigenti (la cosiddetta guerra tra i poveri)”. Così in una nota stampa il consigliere di opposizione al comune di San Nicola Manfredi, Angelo Capobianco.

“Alcuni beneficiari poco social o non allineati al sindaco Vernillo – prosegue – non avvisati per il giorno di consegna, forse anche volutamente, hanno ricevuto il buono spesa dopo natale vanificando così il senso dell’aiuto.

Atto ancora più grave di quanto possa apparire è la consegna effettuata direttamente dal sindaco Vernillo che ha accentrato su di se, come al solito, il servizio che di norma è gestito dai servizi sociali a mano degli incaricati. La sua mania accentratrice continua imperterrita causando non pochi disservizi e confusione tra la collettività.

E’ da rilevare inoltre che questi buoni dovevano essere destinati unicamente all’acquisto di beni alimentari di prima necessità. Così non è stato. Difatti alcuni beneficiari poco responsabili li hanno utilizzati per l’acquisto di generi diversi anche per il mancato frazionamento dei buoni stessi”.

“Chiediamo chiarezza al sindaco Vernillo che continua nella sua politica accentratrice, poco chiara e per niente trasparente”, conclude Capobianco.

San Nicola Manfredi| Capobianco: “Il silenzio di oggi ha un significato”

San Nicola Manfredi| Capobianco: “Il silenzio di oggi ha un significato”

Politica

Attraverso una nota stampa il leader del gruppo consiliare di minoranza del Comune di San Nicola Manfredi Angelo Capobianco spiega le ragioni del comportamento assunto dal proprio team nell’ambito del Consiglio svoltosi quest’oggi:

“L’atteggiamento avuto oggi in Consiglio Comunale di San Nicola Manfredi da parte del gruppo consiliare di minoranza “Progetto per San Nicola” è stato una scelta meditata e obbligata , di protesta civile contro l’atteggiamento arrogante che da mesi tene in Consiglio il Sindaco Vernillo contro l’intero gruppo in generale e nei confronti del sottoscritto in particolare.

Il silenzio di oggi ha un significato per chi capisce. Nonostante il silenzio anche oggi vari sono stati i tentativi di provocazione fatti durante i lavori consiliari senza motivi.

I nostri voti contrari sono stati tutti di rigetto ad un modo di fare politica che non ci è mai appartenuto e non ci appartiene.

Gli argomenti di Consiglio erano tutti importanti, sono stati oggetto di valutazione come sempre da parte del nostro gruppo nell’interesse del territori e di tutti a prescindere se siano atti dovuti, come alcuni argomenti di oggi pure scelte importanti per il territorio.

Alla maggioranza spetta il diritto di scelta come ovvio, ma il diritto di critica ci appartiene e nessuno ce lo può togliere o calpestare, come non è stato mai tolto in passato a nessuno.

Argomenti importanti per la vita dell’ente come la modifica dello statuto non si fanno con scelte unilaterali, come le variazioni di bilancio sono momenti di sintesi importanti nella gestione corrente.

Il confronto nel rispetto dei ruoli è basilare per tutti e importante nella gestione del Comune e nel rispetto non solo dello Statuto e del Regolamento ma anche e soprattutto dei ruoli consiliari”.

San Nicola Manfredi| Consiglio comunale agitato, ‘Progetto per San Nicola’ abbandona l’aula

San Nicola Manfredi| Consiglio comunale agitato, ‘Progetto per San Nicola’ abbandona l’aula

Politica

“Il sapere e la ragione parlano, il torto e l’ignoranza urlano. (A. Graf )”. Esordiscono così, Angelo Capobianco e Nico Ciampa, consiglieri di minoranza al comune di San Nicola Manfredi, nella nota diffusa alla stampa.

“Mai frase più appropriata da dedicare – prosegue la nota – , ancora una volta, al sindaco Vernillo che in qualità di Presidente del Consiglio Comunale non perde occasione di trasformare le sedute consiliari in vergognose ed arroganti esternazioni personali, travalicando le norme stesse previste dal regolamento consiliare e facendo ricorso ad allusioni, falsità, urla ed intimidazioni verbali, nonché offese sul piano personale rivolte ai consiglieri di opposizione che cercano di svolgere il ruolo di vigilanza nell’interesse della cittadinanza tutta”.

“Probabilmente -continuano i consiglieri – , tutelare il proprio stipendio mensile da sindaco, il primo nella storia del Comune di San Nicola Manfredi a non rinunciarvi e che alla fine del mandato elettorale potrebbe fruttare nelle tasche di Vernillo oltre 150 mila euro, è occasione troppo ghiotta da difendere con ogni mezzo e forma”.

“Abbiamo ritenuto opportuno abbandonare l’aula -spiegano Capobianco e Ciampa -, nelle fasi finali della votazione dell’ultimo punto all’ordine del giorno della seduta consiliare di Venerdì 7 ottobre 2022, esclusivamente per il gratuito, reiterato ed indecente atteggiamento da parte del sindaco incapace a svolgere un ruolo imparziale nel consiglio come gli compete da regolamento. Vernillo dovrebbe conoscere bene i distinti ruoli dell’organo politico e del personale tecnico e di gestione all’interno dell’ente comunale, anche e soprattutto in merito al pagamento delle bollette delle utenze luce, acqua e gas o quant’altro o dei debiti fuori bilancio, vale per lui oggi come valeva per altri ieri.”

“Confondere artatamente la cittadinanza è da sempre arte a lui congeniale e nota. Tanto si doveva per chiarezza di intenti”, si legge in conclusione.

San Nicola Manfredi| Problemi al servizio internet e alla rete telefonica in contrada Iannassi

San Nicola Manfredi| Problemi al servizio internet e alla rete telefonica in contrada Iannassi

AttualitàDalla Provincia

“Sono pervenuti a questo gruppo consiliare del comune di San Nicola Manfredi – scrive Angelo Capobianco, capogruppo di minoranza-, segnalazioni circa il mancato funzionamento sia del servizio Internet che di rete fissa alla Contrada Iannassi”.

“Questi disservizi – prosegue – creano notevoli difficoltà non solo ai servizi pubblici come le scuole ma anche e soprattutto alle numerose attività commerciali esistenti in zona e alle famiglie per le proprie esigenze scolastiche e non”.

“Si segnala a tutti gli organi in indirizzo (Telecom, Prefettura, e Ufficio Manutentivo) ognuno per la propria competenza affinché si attivi immediatamente per il ripristino dei servizi”, conclude.

San Nicola Manfredi| Progetto per S. Nicola: “Dalla messinscena di via Giardino alle omissioni sulle politiche sociali: Vernillo sempre peggio”

San Nicola Manfredi| Progetto per S. Nicola: “Dalla messinscena di via Giardino alle omissioni sulle politiche sociali: Vernillo sempre peggio”

Politica

SAN NICOLA MANFREDI. “Le deludenti performance dell’esecutivo di Arturo Vernillo continuano a susseguirsi senza soluzione di continuità. Dalla messinscena alle omissioni amministrative il passo è breve e in entrambi i casi si sfiora il limite della decenza istituzionale. Con la recita di via Giardino il sindaco ha provocato l’ilarità di tutta la provincia di Benevento. Il sindaco si è messo in strada con un ombrello e ha invitato per qualche minuto le auto a moderare la velocità con gesti plateali.

Il problema del rispetto delle norme del Codice della Strada in alcuni punti del territorio comunale è serio. Ma a via Giardino il sindaco ha fatto soltanto esibizionismo, per il resto da un punto di vista amministrativo quel suo teatrino è il nulla assoluto. E’ vero che il Sindaco è una autorità di pubblica sicurezza, ma certo non può sostituirsi a suo piacimento al Comandante della Polizia municipale, nè esercitate poteri sostitutivi quando, dove e come gli pare. Né il Sindaco può intervenire sul traffico stradale, in abiti borghesi, senza che nulla lo distingua da un passante o da un attore di teatro.

Quello che Vernillo ha fatto a via Giardino non c’entra col Tuel, né con il Codice della Strada, ma al massimo con qualche commedia all’italiana di serie B. Il tema della viabilità è serio e non può essere affrontato né con le recite, né con divieti di sosta minacciati o piazzati a casaccio di cui presto l’opposizione gli renderà conto ufficialmente.  Le messinscene sono il suo forte, gli atti amministrativi invece no. Per l’ennesima volta ricordiamo ai cittadini che non sono stati erogati i buoni per agevolazioni Tari, spesa alimentare, sgravi sulle utenze e sui fitti immobiliari.

Non ha trovato il tempo, impegnato in viaggi di piacere e altre amenità, di produrre nessun atto amministrativo nonostante le risorse del Governo siano stanziate e disponibili da mesi. E’ questa è una omissione politico-amministrativa che riteniamo gravissima”, così in una nota il gruppo Progetto per San Nicola Manfredi.  

S. Nicola Manfredi. Tari e canoni locazioni, l’opposizione: “Assurdo che Vernillo non abbia stanziato fondi per fasce fragili”

S. Nicola Manfredi. Tari e canoni locazioni, l’opposizione: “Assurdo che Vernillo non abbia stanziato fondi per fasce fragili”

Politica

SAN NICOLA MANFREDI. Riteniamo surreale nonché assurdo che l’amministrazione Vernillo non abbia ancora stanziato i fondi governativi destinati alle fasce fragili della popolazione per il sostegno al pagamento dei canoni di locazione e delle utenze, nonché per le agevolazioni Tari. Nonostante il Sindaco sdottoreggi su tutto, su questo importante argomento c’è una strana opacità, c’è assenza di trasparenza e c’è anche un rumoroso silenzio. Non c’è un documento, né un atto amministrativo da cui si possa dedurre chi siano i beneficiari e quando e come siano stati stanziati fondi che il Governo ha destinato agli indigenti”, così in una nota il gruppo Progetto per San Nicola.

“Nonostante sul tema siano stati prodotti interrogazioni e segnalazioni, nessun segnale dall’amministrazione. E’ diritto dei cittadini sannicolesi conoscere le modalità d’erogazione di quei fondi e la platea dei beneficiari, tenuto conto che il bando è scaduto il 30.09.2021. Questa è trasparenza amministrativa, non certo riempire il sito istituzionale del Comune di contenuti bizzarri e di nessun interesse pubblico. Il sindaco Vernillo fornisca risposte esaurienti sul tema dei fondi alle fasce svantaggiate della popolazione. In altri Comuni sono state già distribuite le risorse residue di quel fondo, per far fronte al grave momento di crisi finanziaria che le famiglie stanno vivendo. E tutto è stato comunicato e pubblicato in ossequio ai principi della trasparenza degli atti amministrativi. Su questo e altri temi continueremo a marcare stretto l’amministrazione Vernillo“, conclude Progetto per San Nicola.

ATO, Progetto per San Nicola: “Incredibile piroetta trasformistica di Vernillo”

ATO, Progetto per San Nicola: “Incredibile piroetta trasformistica di Vernillo”

Politica

SAN NICOLA MANFREDI.Comincia con una incredibile piroetta trasformistica la carriera extra comunale del sindaco Vernillo. Aveva sbandierato per abbindolare gli ingenui che a lui non interessavano strapuntini extra-comunali. Invece a pochi mesi dall’elezione, si dedica anche ai “rifiuti” entrando nel consiglio ATO. Prima aveva firmato e sottoscritto, contattato da amministratori del Pd, una lista. In 24 ore si è catapultato in quella opposta, da firmatario da una parte a candidato dall’altra”. Cosi in una nota il gruppo Progetto per San Nicola.

“Con questi presupposti -prosegue la nota- siamo convinti che presto impareranno a conoscere il personaggio anche fuori dai confini sannicolesi”. “Registriamo poi che sta collezionando incarichi accentrando tutto su di sé: Azienda consortile per le politiche sociali, Ato, Cst, oltre che Sindaco e presidente de facto del Consiglio comunale. Fa tutto lui e finora con scarsi risultati, se non vituperare volgarmente chi ha amministrato in precedenza. La sua maggioranza e la sua Giunta invece si limitano alla presenza. E assistono silenti. Per ora“.