Seminari formativi della Provincia di Benevento sul Pnrr

Seminari formativi della Provincia di Benevento sul Pnrr

Politica

«I Seminari formativi sul Pnrr costituiscono uno strumento per meglio comunicare con gli Amministratori e i tecnici dei Comuni impegnati sul programma straordinario europeo ed, in definitiva, rafforzano il dialogo  con il territorio stesso, con l’obiettivo di coordinare le iniziative degli enti locali ai fini dello sviluppo del territorio».

Lo ha dichiarato il Presidente della Provincia di Benevento Nino Lombardi aprendo, presso l’Auditorium “Gianni Vergineo” del Museo del Sannio la sessione del Seminario sul tema: “Il Ciclo di Bilancio nella Giurisprudenza e nella Direzione per Obiettivi. Principi ed Esemplificazioni. I Nuovi Paradigmi del Pnrr e del Pnc, promosso d’intesa e la collaborazione dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili e dell’Ordine degli Avvocati del Sannio.

Il Seminario, con la partecipazione di numerosi rappresentanti degli Enti territoriali ed economici non solo del Sannio, ma anche da fuori Regione, si è avvalso delle competenze scientifiche del prof. Francesco Delfino, Esperto di finanza pubblica presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze e l’Osservatorio sulla finanza e contabilità degli enti locali del Ministero dell’Interno.

L’avv. Nicola Boccalone, Dirigente del Settore Amministrativo e Finanziario della Provincia di Benevento, che ha moderato i lavori, ha introdotto la discussione affermando che la presenza del prof. Delfino consente di valutare, nel contesto di una riflessione generale sulla contabilità pubblica, il portato delle riforme in atto, anche per quanto riguarda le stesse Province.

«Rilevo, ha proseguito Boccalone, come il Seminario sul PNRR sia occasione di incontro e di confronto tra quanti operano sul tema del PNRR e sulle sue difficoltà interpretative di ordine contabile ed amministrative. La Pubblica  Amministrazione è sempre in affanno, anche perché in questi anni si  registra una grave carenza di personale: dunque si può cogliere l’occasione di questo Seminario per favorire una circuitazione positiva di esperienze che non può che fare bene al sistema nel suo complesso».

Dopo i saluti istituzionali resi dell’avv. Nazzareno Lanni, in rappresentanza del Presidente dell’Ordine degli Avvocati Stefania Pavone, e del dott. Fabrizio Russo, Presidente dell’Ordine dei Commercialisti, è intervenuto il Presidente Lombardi, sottolineando come il Sannio stia rispondendo, nel complesso e nonostante le difficoltà, alla sfida del PNRR, come è stato registrato da fonti autorevoli ad esempio sul tema dell’occupazione e del lavoro in particolare per quanto riguarda quella femminile. «Naturalmente, ha proseguito Lombardi, il PNRR costituisce per gli Amministratori ed in particolare per i funzionari una sfida rilevante ed assai impegnativa che deve essere affrontata con professionalità e rigore a ragione degli adempimenti da onorare in tempi certi e definiti». Infine Lombardi ha ricordato come la sua Amministrazione stia cogliendo gli  obiettivi iscritti nella programmazione ad esempio con l’avvio di tutti gli interventi in materia di edilizia scolastica ai fini della sua radicale ristrutturazione rinnovamento, nonché, per quanto concerne l’infrastrutturazione viaria con l’avvio della spesa di 100 milioni di Euro per le strade nelle Valli Isclero, Vitulanese e Fortore».

E’ quindi intervenuto l’on. Clemente Mastella, Sindaco di Benevento, che, nel portare il saluto dell’Amministrazione Comunale, ha ricordato come il PNRR richieda tempi certi nella realizzazione delle opere e nella loro rendicontazione agli Organismi europei. Il Sindaco ha dichiarato che il PNRR non è da considerarsi come un semplice «lenimento delle ferite causate dalla pandemia», perché esso anzi è «occasione per dimostrare che si è in grado di spendere le risorse finanziarie straordinarie concesse dall’Europa». Le Autorità di Bruxelles, ha spiegato Mastella, non saranno indulgenti nei confronti dell’Italia in caso di inadempienze o ritardi nei lavori e nelle attività amministrative di monitoraggio degli interventi finanziati. Il Sindaco ha invocato da parte delle strutture tecniche ed amministrative dei Comuni il massimo dell’impegno per onorare gli impegni assunti e per giungere all’appuntamento del 2026, alla conclusione del processo del PNRR con le carte in regola.

Sono quindi cominciate le Relazioni del prof. Delfino, il quale ha sottolineato come la giornata di studi intenda analizzare la situazione della contabilità pubblica con una riflessione focalizzata proprio sulla Provincia di Benevento, ma anche al territorio sannita. I Comuni, ha osservato il relatore, giustamente vedono nella stessa Provincia un ente di riferimento per la loro azione amministrativa. «Il PNRR è l’argomento principale di discussione negli ultimi anni della vita politica ed ancora di più lo sarà nel prossimo futuro allorché dovranno essere concretizzati gli obiettivi previsti. Anche in tale contesto la contabilità pubblica ha un ruolo fondamentale perché occorre monitorare e rendicontare i flussi finanziari complessivi. Ragioniamo dunque di  etica della politica e della contabilità pubblica: bisogna riflettere anche sul tema delle riforme della Pubblica Amministrazione ed in particolare sulla Dirigenza pubblica investendo sul capitale umano». Il prof. Delfino, riconoscendo che i modelli organizzativi interni degli Enti locali territoriali siano da rivedere in modo coraggioso e netto, ha quindi svolto le proprie considerazioni, anche con accenti e con rilievi critici, circa i temi della rendicontazione delle spese, del pagamento dei crediti e degli equilibri di Bilancio.

Consegnati lavori per il nuovo “Le Streghe –  Marco Polo” e per la palestra del “Galilei -Vetrone”

Consegnati lavori per il nuovo “Le Streghe – Marco Polo” e per la palestra del “Galilei -Vetrone”

Politica
Lo comunica il Presidente della Provincia di Benevento Nino Lombardi: interventi per oltre 6.6 milioni di euro complessivi.

Avviati i lavori di demolizione e ricostruzione dell’Istituto di Istruzione Superiore “Le Streghe – Marco Polo” e quelli per la costruzione di una palestra all’interno dell’area scolastica dell’Istituto Superiore “Galilei – Vetrone”.

Lo comunica il Presidente della Provincia di Benevento Nino Lombardi.

Entrambi gli interventi sono stati finanziati per complessivi 6,7 milioni di Euro circa, a valere sugli stanziamenti del PNRR, concessi alla Provincia di Benevento con due distinti Decreti Ministeriali.

I Dirigenti della Provincia Angelo Carmine Giordano e Salvatore Minicozzi, con i Responsabili dei due procedimenti, hanno supervisionato la procedura di consegna dei cantieri di lavori alle Ditte aggiudicatarie dei rispettivi appalti.

L’abbattimento e la ricostruzione per “Le Streghe – Marco Polo” costeranno Euro 5.085.953 per 836 giorni di lavoro; mentre per la costruzione della nuova palestra nell’area del “Galilei – Vetrone” saranno spesi Euro 1.582.100 in 554 giorni di lavoro.

Il Presidente Lombardi ha commentato l’avvio di questi altri due cantieri con la seguente dichiarazione: «Stiamo portando avanti il complesso ed articolato programma di riqualificazione, ricostruzione, miglioramento ed efficientamento energetico del nostro patrimonio edilizio adibito all’Istruzione Secondaria Superiore». Lombardi ha aggiunto: “Abbiamo in questo momento in agenda interventi in 16 cantieri diversi sul territorio sannita per una spesa complessiva di oltre 51 milioni di Euro. Si tratta di un rilevante impegno tecnico, progettuale, amministrativo e finanziario per gli Uffici dell’Ente: stiamo seguendo con la dovuta attenzione ed impegno la concretizzazione di un programma costruttivo così rilevante. Ricordo che lo facciamo nonostante le straordinarie difficoltà incontrate e che tuttora incontriamo a ragione del lievitare dei costi dei materiali registratosi negli ultimi mesi per le ben note cause di natura internazionale».

Lombardi ha concluso: “Le opere di edilizia scolastica costituiscono un elemento essenziale e prioritario delle nostre politiche di sviluppo perché siamo convinti che sia necessario mettere a disposizione dei giovani, dei docenti, delle Istituzioni, dei cittadini strutture scolastiche adeguate, sicure, funzionali, confortevoli quali componenti essenziali della qualità della vita nel Sannio».  

Benevento, a Pasquetta la Rete Museale resterà aperta ai visitatori

Benevento, a Pasquetta la Rete Museale resterà aperta ai visitatori

AttualitàBenevento Città

Il 1° aprile 2024, Lunedì dell’Angelo, la Rete Museale della Provincia di Benevento resta aperta ai Visitatori.

Sarà aperta al pubblico anche la Rocca dei Rettori con la sua Sezione Museale e le Sale espositive.

Lo comunica il Presidente della Provincia di Benevento Nino Lombardi che ha voluto confermare l’accesso libero alla Rocca dei Rettori anche per l’apertura eccezionale per il giorno di Pasquetta grazie ad un programma appositamente predisposto.

Arcos, venerdì l’inaugurazione della mostra di Raffaele Bova

Arcos, venerdì l’inaugurazione della mostra di Raffaele Bova

Eventi
Antologica 1972-2022, curata da Ferdinando Creta e Massimo Bignardi, promossa dalla Provincia di Benevento in collaborazione con il Museo-FRaC Baronissi.

Sarà inaugurata presso il Museo ARCOS di Benevento venerdì 1 marzo, alle ore 11,00 la mostra RAFFAELE BOVA. Antologica 1972-2022, curata da Ferdinando Creta e Massimo Bignardi, promossa dalla Provincia di Benevento in collaborazione con il Museo-FRaC Baronissi.

In esposizione oltre quaranta opere che tracciano un percorso artistico che copre cinquanta anni: dalle tele dei primi anni Settanta all’ampia documentazione delle azioni e delle performance realizzate da Bova negli anni Settanta e Ottanta, ai cicli pittorici naturalistici, quali “il pioppo sposa la vite”, di recente presentato nella trasmissione televisiva di RAI3, alle opere dei “codici a barre”, a quelli recenti come “Presenze”.

Inoltre tre grandi installazioni, tra queste quella dedicata a Enrico Crispolti, realizzata all’indomani della morte del celebre storico e critico d’arte contemporanea.

Una mostra che è stata organizzata e promossa nella primavera del 2022 dal Museo FRaC Baronissi. L’ironia, rileva Ferdinando Creta nel testo al catalogo che accompagna la mostra, è la “ traccia indelebile che, prontamente, Enrico Crispolti seppe, di lì a pochi anni, nel 1976, documentare in occasione del Padiglione italiano “Ambiente come sociale” della Biennale veneziana del 1976, unitamente ad altre esperienze casertane e campane: in tal senso penso a quelle del Gruppo Salerno75, dell’A/social Group, sulla cui scia troveremo successivamente la significativa attività estetica e politica del Collettivo Lineacontinua Terra di Lavoro. […]

La presenza di una ironia pungente, priva di corrosive metafore ma sempre pronta a declinare con leggerezza calviniana il confronto, senza vena polemica, resta la cifra nella sua pittura e questo a partire dalle prove più significative degli anni Ottanta e, successivamente dai cicli che hanno segnato le esperienze dal decennio Novanta ad oggi: dai lirici paesaggi, ai “codici a barra”, ai “reperti non archeologici” ai “pan-demos” una ricca serie di piccoli e grandi dipinti realizzati nei due anni della tragedia segnata dal COVID19.

Il termine ‘ironia’ ci suggerisce anche il recupero della memoria, ad un’altra grande stagione espositiva che ha attraversato l’area casertana all’indomani del Sessantotto: le mostre “Perché la pittura?” (1970), “Perché l’ironia?” (1972), “Ricognizione Settantuno” (1971) e l’indimenticabile “Arte-impegno ‘74” allestita al palazzo del Liceo a Caserta.

Pagine che segnalano la vivacità di un territorio. “La traccia sulla quale si muove questa mostra antologica, ricostruttiva di poco più di cinquant’anni di operatività creativa – avverte Bignardi nel saggio che introduce la monografia apparsa di recente e pubblicata per i tipi della Gutenberg Edizioni –, si articola su linee parallele: da una parte, l’attività performativa, le azioni, gli interventi per il sociale, realizzati anche all’interno dell’attività del Collettivo Lineacontinua Terra di Lavoro, che segnano principalmente gli anni settanta; dall’altra, la passione per il medium della pittura, la sua tradizione che, dalla prima metà degli ottanta, con maggiore maturità, scorre fino ai nostri giorni. Voglio dire che le azioni, le performances, unitamente ai dipinti eseguiti, all’indomani dell’invito alla mostra “Il tempo del Museo Venezia.

Tema cronografico per architetti e artisti”, primo progetto speciale della Biennale di Venezia, del 1980, sono facce di un’unica medaglia.

Cioè, specchiano una riflessione che tiene insieme sia l’interrogare la natura dell’arte – chiedendosi: “Cos’è arte?” – sia l’esperienza della pittura, in quanto, accogliendo il pensiero di Kosuth, “tipo d’arte” suo operare, indirizzato, più tardi, alla lettura di tracce, spesso ancestrali, quali le simbologie legate al mondo della fornace, oppure della iattura”.

L’inaugurazione, alla presenza del Presidente della Provincia Nino Lombardi, dell’artista e dei curatori, sarà arricchita da Flussi musicali eseguiti dal maestro Vanni Miele al contrabasso e live electronics. La mostra resterà aperta fino a domenica 14 aprile.

Mirra (FI): “Partito sempre più consolidato: obiettivo è liberare la Provincia dalla  politica parentale e del servilismo”

Mirra (FI): “Partito sempre più consolidato: obiettivo è liberare la Provincia dalla politica parentale e del servilismo”

Politica

“Si è concluso da qualche giorno il Congresso Nazionale di Forza Italia, al quale – scrive l’avv. Mario Mirra, coordinatore FI del medio calore e Responsabile dei dipartimenti provinciali di Benevento – ho partecipato come delegato insieme ad altri rappresentanti provinciali ed al nostro parlamentare On. le Rubano, ed il dato che è venuto fuori è incontrovertibile: il partito è sempre più forte, consolidato, e proiettato ad una esponenziale crescita continua”.

“Contrariamente – prosegue – ad ogni ostile auspicio, non solo a livello nazionale ma soprattutto in ambito provinciale dove constatiamo, con soddisfazione, una sempre più crescente volontà di adesione al nostro gruppo politico. E ciò è certamente merito dell’intera squadra, sempre più coesa e motivata, ma soprattutto è frutto della grande capacità di organizzazione e motivazione del nostro coordinatore provinciale On. le Francesco Rubano”.

“Il risultato del Congresso – continua Mirra – non poteva essere differente. Antonio Tajani leader indiscusso della grande famiglia di Forza Italia, eletto per acclamazione per la ovvia mancanza di candidati concorrenti alla guida del partito. Nel corso del dibattito sono stati affrontati argomenti dei contenuti tutt’altro che scontati: Europa ed esteri, riforme come veicolo dell’economia, ambiente ed energia con il nucleare, agricoltura, giustizia con la separazione delle carriere, welfare e sanità e riformismo”.

“L’obiettivo nazionale – conclude – è raggiungere il dieci per cento, quello nella provincia di Benevento è di continuare nel processo di crescita già avviato da tempo e di liberare la Provincia di Benevento dalla politica parentale e del servilismo degli ultimi anni, per improntarla a quella dell’uguaglianza e della meritocrazia.

Provincia, convocato il consiglio provinciale per il 12 marzo

Provincia, convocato il consiglio provinciale per il 12 marzo

Politica

Di seguito i punti all’ordine del giorno.

Il Presidente della Provincia di Benevento Nino Lombardi ha convocato il Consiglio Provinciale in seduta straordinaria, in prima convocazione per il giorno 11.3.2024, alle ore 11,00, ed in seconda convocazione per il giorno 12.3.2024, alle ore 12,00,  presso la Sala Consiliare della Rocca dei Rettori in Benevento per la trattazione del seguente Ordine del giorno

1)        LETTURA ED APPROVAZIONE VERBALI SEDUTA PRECDENTE.

2)        NOMINA DEI MEMBRI DELLE DUE COMMISSIONI CONSILIARI PERMANENTI.

3)        COMMISSIONE ELETTORALE CIRCONDARIALE DI BENEVENTO. DESIGNAZIONE DI N. 3 COMPONENTI EFFETTIVI E N. 3 COMPONENTI SUPPLENTI.

4)        1^ SOTTOCOMMISSIONE ELETTORALE CIRCONDARIALE DI BENEVENTO. DESIGNAZIONE DI N. 3 COMPONENTI EFFETTIVI E N. 3 COMPONENTI SUPPLENTI.

5)        2^ SOTTOCOMMISSIONE ELETTORALE CIRCONDARIALE DI BENEVENTO. DESIGNAZIONE DI N. 3 COMPONENTI EFFETTIVI E N. 3 COMPONENTI SUPPLENTI.

6)        3^ SOTTOCOMMISSIONE ELETTORALE CIRCONDARIALE DI BENEVENTO. DESIGNAZIONE DI N. 3 COMPONENTI EFFETTIVI E N. 3 COMPONENTI SUPPLENTI.

7)        SOTTOCOMMISSIONE ELETTORALE CIRCONDARIALE DI AIROLA. DESIGNAZIONE DI N. 3 COMPONENTI EFFETTIVI E N. 3 COMPONENTI SUPPLENTI.

8)        SOTTOCOMMISSIONE ELETTORALE CIRCONDARIALE DI GUARDIA SANFRAMONDI DESIGNAZIONE DI N. 3 COMPONENTI EFFETTIVI E N. 3 COMPONENTI SUPPLENTI.

9)        SOTTOCOMMISSIONE ELETTORALE CIRCONDARIALE DI MONTESARCHIO. DESIGNAZIONE DI N. 3 COMPONENTI EFFETTIVI E N. 3 COMPONENTI SUPPLENTI.

10)    SOTTOCOMMISSIONE ELETTORALE CIRCONDARIALE DI SAN GIORGIO DEL SANNIO. DESIGNAZIONE DI N. 3 COMPONENTI EFFETTIVI E N. 3 COMPONENTI SUPPLENTI.

11)    SOTTOCOMMISSIONE ELETTORALE CIRCONDARIALE DI SOLOPACA. DESIGNAZIONE DI N. 3 COMPONENTI EFFETTIVI E N. 3 COMPONENTI SUPPLENTI.

12)    COMUNICAZIONE DEL PRESIDENTE. DECRETO N. 7/2024 NOMINA VICE PRESIDENTE. DECRETO N. 13/2024 ATTRIBUZIONE DELEGHE AI CONSIGLIERI. DECRETO N. 19/2024 NOMINA COMPONENTE CDA ASEA.

Fondovalle Vitulanese, verso la risoluzione del contenzioso tra Provincia e Comune di Vitulano

Fondovalle Vitulanese, verso la risoluzione del contenzioso tra Provincia e Comune di Vitulano

Politica

E’ in via di superamento il contenzioso che oppone da tempo Provincia di Benevento e Comune di Vitulano circa il tracciato della costruenda strada a scorrimento veloce Fondo  Valle Vitulanese.

Lo comunica il Presidente della Provincia Nino Lombardi all’esito dei lavori del Tavolo del contenzioso di questo tronco stradale, che si è svolto presso la Regione Campania, sotto la presidenza del Consigliere regionale delegato alla mobilità Luca Cascone, cui hanno partecipato, oltre alla Provincia, il Comune di Vitulano, l’AcaMIR (Società per la mobilità della Regione), l’Impresa appaltatrice Consorzio Stabile Artemide.

La vertenza esaminata al Tavolo regionale in sostanza è nata a suo tempo dai rilievi formulati dal Comune di Vitulano contro il tracciato originariamente perché questo non avrebbe salvaguardato un’area rurale nella quale è impiantato il vitigno “Bue Apis”.

Per la strada denominata “SS.7 Appia 3º Lotto (ex 4º Lotto) e bretella di collegamento alla SS.7 Appia – 1° stralcio funzionale”, sono mobilitate risorse finanziate per oltre 30 milioni di Euro, messi a disposizione con la Delibera del Cipe n. 54/2016, e si realizza d’intesa tra Provincia di Benevento e Regione Campania.
Superato nei mesi scorsi anche un altro contenzioso circa i prezzi fissati per realizzare l’opera, il Tavolo presso la Regione, come auspicato dal Consigliere Cascone, aveva lo scopo di formalizzare, dopo i sopralluoghi effettuati nei mesi scorsi, una soluzione sostenibile capace di superare i rilievi del Comune di Vitulano.

A tale proposito, il Dirigente del Settore Infrastrutture e Responsabile del Procedimento per la Provincia, lng. Angelo Carmine Giordano, ha illustrato l’esito dei sopralluoghi effettuati in presenza dei rappresentanti dell’Amministrazione Comunale di Vitulano e con l’Impresa appaltatrice e i suoi progettisti.

Nel corso di tali sopralluoghi, alla luce delle conclusioni raggiunte in alcuni precedenti incontri presso la stessa AcaMIR, il Dirigente della Provincia ha sottoposto all’attenzione del Tavolo una planimetria dell’intervento a farsi che «riporta una puntuale e contenuta ottimizzazione planimetrica del tracciato, comunque ricompresa nel “corridoio” di ubicazione dell’asse viario in questione, per far si che non vengano a modificarsi le soluzioni progettuali sulle quali il competente Ministero per i Beni Culturali ed Ambiente ebbe ad esprimere il favorevole assenso.

La predetta rettifica, introdotta a recepimento di specifica richiesta del Comune di Vitulano, resta sviluppata tra le prog. Km 1+750 e km 2+350 (…) e finalizza la salvaguardia, nell’ambito dell’indicato contesto territoriale, del vitigno “Bue Apis” ivi rinveniente. Il medesimo Ing. Giordano garantisce che, per quanto riguarda i raccordi delle strade di servizio, in gergo “contro-strade”, previsti dal progetto approvato, questi saranno puntualmente attenzionati in fase progettuale esecutiva, ottimizzando, ove necessario, gli attuali asset della viabilità locale interferita».

Il Sindaco di Vitulano, avv. Raffaele Scarinzi, che ha seguito in prima persona l’evolversi della vicenda progettuale, ha dichiarato a Verbale che «ritiene di aver raggiunto gli obiettivi principali che avevano portato al contenzioso e comunque quelli possibili allo stato delle cose e si riserva di acquisire l’autorizzazione alla transazione da parte della Giunta comunale».

L’Impresa aggiudicataria dei lavori, unitamente ai progettisti, hanno preso atto delle proposte illustrare dal Responsabile del procedimento ed hanno dichiarato di accettarle e «di recepirle all’interno del progetto esecutivo post-affidamento».

Anche l’ACaMIR, con i suoi quadri tecnici hanno preso atto «delle migliorie derivanti dalla soluzione concordemente individuata da Comune e Provincia e, per quanto di loro competenza, ne riconoscono la funzione definitivamente risolutiva del contenzioso in essere».

Il Presidente della Provincia Lombardi, ha preso atto delle conclusioni del Tavolo, ed ha dichiarato: «Sono lieto che sia stata individuata, nell’ambito della cooperazione tra Istituzione da me sempre perseguita, una soluzione tecnica e progettuale in grado di rendere il meno impattante possibile la realizzazione della nuova strada. La salvaguardia delle eccellenze locali è sempre stata di primario interesse per la Provincia: e possiamo oggi dire che è possibile finalmente dare il via libera il realizzazione ad una infrastruttura destinata non solo a superare le condizioni di isolamento in cui versala Valle Vitulanese, ma anche a creare quella sinergia con gli altri comprensori territoriali del Sannio che, con tutta evidenza, saranno decisivi per garantire nuove condizioni di sviluppo. Volentieri ringrazio il Presidente Cascone per l’opera da lui portata avanti con l’Acamir e altrettanto volentieri do atto all’Amministrazione Comunale dello spirito costruttivo che l’ha animata nel corso di queste riunioni del Tavolo tecnico a favore della collettività. Per quanto riguarda la Provincia viene confermato anche con questa vicenda della Fondo Valle Vitulanese che questa Amministrazione lavora per realizzare opere e conseguire concreti risultati di sviluppo»

Provincia, Fuschini e Iachetta (FI): “Si annulli convenzione con il Comune di Cautano: è uno sperpero di denaro pubblico”

Provincia, Fuschini e Iachetta (FI): “Si annulli convenzione con il Comune di Cautano: è uno sperpero di denaro pubblico”

Politica

“Abbiamo preso atto che la Provincia di Benevento con la Deliberazione del Consiglio Provinciale del 04/12/2023 ha approvato il nuovo schema per la Convenzione di segreteria fra la Provincia di Benevento ed il Comune di Cautano (BN) fino al 31.05.2024, che prevede la partecipazione dell’amministrazione provinciale dell’80% e del Comune di Cautano per il 20% agli oneri finanziari del segretario che ricopre sedi di segreteria convenzionate al quale compete una retribuzione mensile aggiuntiva di importo pari alla maggiorazione del 25% della retribuzione complessiva”.

Così in una nota congiunta Vincenzo Fuschini e Anna Iachetta, Consiglieri provinciali di Forza Italia.

“Se la Provincia avesse il segretario a tempo pieno – proseguono – pagherebbe il 100% della retribuzione del segretario unico;  a seguito della stipula della convenzione di segreteria con il Comune di Cautano, l’amministrazione provinciale corrisponde lo stesso importo del 100% della retribuzione del segretario (pari al 20% del 125%) disponendo del segretario a tempo parziale dell’80%, anticipando peraltro la somma come indicato nella convenzione; abbiamo proposto una interrogazione scritta affinché venga data opportuna risposta sull’opportunità relativamente alla stipula di tale convenzione di segreteria stipulata con il Comune di Cautano, considerato che la stessa si presenta manifestatamente non conveniente per l’amministrazione provinciale, generando sperpero di risorse pubbliche in quanto consente di utilizzare il segretario provinciale a tempo parziale allo stesso costo dello stesso segretario a tempo pieno, nei termini su richiamati”.

“Chiediamo sin da subito l’immediato annullamento della convenzione, anche alla luce dell’interrogazione proposta”, così conclude la nota di Fuschini e Iachetta.

Distretti commerciali, Fuschini (FI): “Lombardi accecato dalla politica del ‘caminetto’: convoca solo amministratori allineati”

Distretti commerciali, Fuschini (FI): “Lombardi accecato dalla politica del ‘caminetto’: convoca solo amministratori allineati”

Politica

“Neanche il tempo di comunicare, il giorno dell’insediamento in Consiglio provinciale, che non avremmo gradito politiche di parte che il Presidente della Provincia Nino Lombardi presta il fianco alle critiche per una grave mancanza di bon ton istituzionale. Con un atteggiamento politico e non super partes, volutamente dimentica di convocare nella riunione dei distretti commerciali quello con Telese Terme capofila che guarda caso, benché interprovinciale, prende il nome di “Valle Telesina”.

Distretto costituito da 5 comuni sanniti e 4 casertani che si sono messi assieme per omogeneità territoriale socio-economica e, peraltro, forse il primo come attività commerciali presenti all’interno dei rispettivi confini amministrativi. Insomma con atteggiamento strabico il Presidente ha inteso convocare quelli, evidentemente, politicamente allineati alla sua parte politica.

Dopotutto questo atteggiamento istituzionalmente sbilenco non può trovare giustificazione nel fatto che nel distretto commerciale della Valle Telesina ci sono 4 comuni casertani perché se così pensasse anche il presidente della provincia di Caserta, quello Telesino sarebbe un distretto senza appartenenza territoriale. Ma ricordo, appunto, che la maggioranza dei comuni è sannita e c’è molta più omogeneità tra Telese e Caiazzo, ad esempio che tra Telese e Molinara comune capofila del distretto alto Sannio. Peraltro il soggetto a cui sono in capo i distretti commerciali è la Regione che, ovviamente, travalica i limiti provinciali.

Pertanto è piuttosto capzioso invocare un tavolo tecnico con la presenza della regione e scordarsi almeno 5 comuni sanniti ed un distretto commerciale di tutto rispetto in termini di presenze e peso sociale e commerciale.

Ma fino a quando sarà la politica del caminetto a dettare le regole assisteremo ancora a molti atteggiamenti istituzionali a geometria variabile della serie: convoco solo gli amici miei!

Da consigliere provinciale che deve tutelare gli interessi di tutti i territori e di tutti i comuni non faccio mistero di scrivere all’assessore Marchiello e stigmatizzare le scelte di parte della Provincia di Benevento” così in una nota a sua firma il Consigliere provinciale di Forza Italia, Vincenzo Fuschini.

Interventi di messa in sicurezza Galleria lungo Fondo Valle Isclero: saranno spesi oltre 200 mila euro

Interventi di messa in sicurezza Galleria lungo Fondo Valle Isclero: saranno spesi oltre 200 mila euro

Politica

Sono stati consegnati dal Settore Infrastrutture della Provincia di Benevento due distinti lavori ad altrettante Imprese per realizzare interventi di messa in sicurezza della viabilità nella Galleria Monticello sulla Strada provinciale n. 115 Fondo Valle Isclero.

Lo comunica il Presidente Nino Lombardi, che ha precisato che saranno spesi in totale oltre 200mila Euro su una tratta ritenuta pericolosa da molti automobilisti.

Si tratta di due distinti interventi finalizzati a garantire migliori condizioni di sicurezza nella percorrenza nella galleria artificiale denominata Monticello nel Comune di Airola della lunghezza di 320 m, a doppia corsia con flusso veicolare nei due sensi di marcia ed altezza di circa soffitto curvo di 5,50 mt. al centro della strada.

Un primo intervento riguarda la manutenzione ordinaria e straordinaria, compresa la fresatura ed il rifacimento della pavimentazione stradale, la tinteggiatura delle pareti, il rifacimento della scarpata stradale, etc.

Un secondo intervento riguarda la realizzazione dell’impianto di illuminazione, oggi assente al fine di garantire agli utenti maggiore tranquillità nel transito del tunnel.