Benevento, gruppo PD: “Odori molesti in città, sottoporremmo questione in commissione Ambiente”

Benevento, gruppo PD: “Odori molesti in città, sottoporremmo questione in commissione Ambiente”

Benevento CittàPolitica

Di seguito nota stampa del gruppo del Partito Democratico al Comune di Benevento in merito agli odori molesti in città.

Da qualche settimana e da più parti della Città arrivano segnalazioni di odori persistenti e molesti, in particolare nelle prime ore del mattino. Soltanto negli ultimi giorni ci sono giunti avvisi dal rione Ferrovia, dal quartiere Cretarossa e dalle zone di corso Dante e piazza Santa Maria. Riteniamo giusto e doveroso fornire alla cittadinanza informazioni e risposte. Per fare chiarezza e sgombrare il campo da sospetti. Per tali ragioni martedì prossimo solleveremo la questione nella commissione consiliare Ambiente di palazzo Mosti“.

Benevento, ieri sera riunione del Direttivo PD convocato dal Segretario Zoino

Benevento, ieri sera riunione del Direttivo PD convocato dal Segretario Zoino

Politica

Nella sede di viale Mellusi si è riunito nella serata di ieri, 20 giugno, il Direttivo del Partito Democratico Città di Benevento convocato dal Segretario Francesco Zoino. Presenti, tra i tanti altri, i consiglieri comunali Fioretti e De Lorenzo, il segretario provinciale Giovanni Cacciano e la Presidente Rosa Razzano, il vice segretario cittadino Filomena Marcantonio, il segretario provinciale dei giovani democratici Stefano Orlacchio, il Presidente della commissione di garanzia Giovanni Zarro.

Dopo gli interventi preliminari di questi ultimi, che hanno inteso aggiornare gli intervenuti su questioni di carattere provinciale e regionale, il segretario dem Zoino ha relazionato sulle ultime attività messe in campo. Importante la ripresa dell’iniziativa Dem Boxes che con cadenza settimanale ha consentito al partito di incontrare cittadini di vari rioni e raccogliere numerose e svariate problematiche portate all’attenzione dell’opinione pubblica e dell’amministrazione comunale. In ordine di tempo il sopralluogo presso il Rione Libertà della scorsa settimana di alcuni membri del direttivo assieme ai consiglieri comunali Fioretti e De Lorenzo. Tanti i problemi evidenziati, tra cui lo stato di abbandono di numerose aree e strutture come la spina verde, scuole chiuse, intere zone invase da erbacce e da ratti. L’attività intrapresa continuerà nelle prossime settimane con ulteriori sopralluoghi in programma presso alcune contrade della città, tutte accumunate da problematiche note eppure mai prese nella giusta considerazione dall’amministrazione Mastella.

Il Segretario Cittadino ha chiuso la sua relazione evidenziando ai presenti che a partire dal mese di luglio intende, in collaborazione con la segretaria provinciale, far partire la scuola di formazione politica. Diverse le tematiche già individuate, che saranno oggetto di specifici eventi, tra cui l’evoluzione degli scenari geopolitici nel mondo, la sanità, l’autonomia differenziata, la transizione economica e l’economia circolare, il PNRR, il welfare e le politiche sociali.

Dopo l’intervento del segretario Zoino è intervenuta il capogruppo del PD Floriana Fioretti che prima di relazionare sull’attività consiliare del gruppo al Comune di Benevento, ha informato gli organismi cittadini sulla relazione illustrata dalla Segretaria PD Schlein in occasione della Direzione Nazionale del PD tenutasi a Roma lo scorso lunedì: sette piste di lavoro per quest’estate militante: Next Generation EU, Autonomia differenziata, cura della comunità, diritto dell’abitare, lavoro, un nuovo Piano Industriale, Emergenza Climatica. E poi ancora ha illustrato le iniziative territoriali che verranno messe in campo, da qui ai prossimi mesi, dalla Segreteria Nazionale sulle questioni sociali, sul lavoro, sull’autonomia differenziata, sul PNRR.

Fioretti ha sottolineato che la nuova sede del PD sarà luogo di discussione, confronto e condivisione di idee politiche e, pertanto, sarà compito di tutti i militanti e dirigenti del PD  rilanciare l’azione politica del  partito e far sentire la propria voce sui grandi temi quali sanità, scuola, lavoro, ambiente, fisco, giustizia, aree interne, al fine di costruire un’alternativa di governo all’immobilismo di una destra inadeguata, riallacciando i fili e ritrovando quella connessione politica con il paese.

Un approfondimento è stato fatto inoltre sull’attività consiliare portata avanti dal gruppo PD insieme alle altre forze di opposizione.

Sono state ripercorse le tappe più significative che hanno messo in luce la sciatteria, la superficialità e l’approssimazione dell’amministrazione comunale: dall’errore sulla formulazione delle tariffe TARI alla scarsa qualità delle proposte progettuali messe in campo, prima con p.zza Piano di Corte, poi con p.zza Cardinal Pacca, e poi i fallimenti della gestione dei rifiuti e del servizio idrico. Tanti i temi che saranno oggetto di approfondimento nei prossimi mesi come l’aggiornamento e il monitoraggio dei lavori sull’edilizia scolastica, l’avvio dei lavori nei pressi della stazione ferroviaria, distretti commerciali, parchi urbani.

La Fioretti ha concluso il suo intervento invitando gli organismi dirigenti del PD cittadino a lavorare attraverso un radicamento territoriale in città, un monitoraggio costante  ed un presidio quotidiano di ogni rione e contrada,  al fine di segnalare ogni criticità riscontrata e formulare proposte costruttive per la città di Benevento.

Dopo l’ampio dibattito che ha visto gli intervenuti scambiare idee ed opinioni sugli argomenti trattati, il segretario Zoino ha chiuso la riunione aggiornando il direttivo ad una prossima riunione da tenersi già nei prossimi giorni.

Pd Benevento: “Il pasticcio di piazza Cardinal Pacca: dal surreale al comico”

Pd Benevento: “Il pasticcio di piazza Cardinal Pacca: dal surreale al comico”

Politica

“Le puntate del Pasticciaccio di Piazza Cardinal Pacca vanno in onda ogni giorno trasmesse in diretta dalle stanza di Palazzo Mosti. È una serie surreale e, come abbiamo spesso sottolineato, involontariamente comica.

I personaggi in grado di rendere la serie un classico senza tempo ci sono tutti: il vice sindaco archistar, il consigliere comunale storico dell’arte, il capogruppo guida turistica.

Sono personaggi di un racconto satirico quindi non vanno presi troppo sul serio. Dopo la saga iniziale che ruotava attorno alle “preesistenze che non esistevano” e dopo la storia del “buco scavato che verrà ricoperto“, in questi giorni la squadra di Mastella sta mettendo in scena la farsa dell’info point che si rimpicciolisce.

Non siamo ancora sicuri se questa storia sia una citazione da Gulliver o se sia presa da Alice nel paese delle meraviglie, ma dobbiamo ammettere che anche questa volta questa amministrazione sta raggiungendo picchi di comicità mai visti prima.

Riassumiamo per i poveri cittadini che, impegnati in cose ben più serie, non hanno seguito le precedenti puntate.

Il Sindaco e la sua maggioranza avevano deciso di installare a Piazza Cardinal Pacca un prefabbricato, simile ad una pompa di benzina, per accogliere “degnamente” i turisti (noi gli avevamo detto che non si poteva fare, ma loro sono andati avanti lo stesso).  

Dopo aver scoperto che quel prefabbricato non si poteva fare, hanno deciso di spostare l’info point in un’altra parte della piazza e di rimpicciolirlo un po’.

Oggi scopriamo che il famoso info point si è rimpicciolito ulteriormente fino ad arrivare alla bellezza di 36 metri quadri, una stanza di sei metri per sei.

Davvero era necessario smantellare una piazza, riportare alla luce un tesoro archeologico che tutti sapevano fosse là, mettere a soqquadro un quartiere, per una stanza di sei metri per sei?

A questo punto non ci resta che sperare che il processo di rimpicciolimento non si fermi qui, così da passare da 36 metri quadrati a 20, poi diventando 10 metri quadrati e infine sparendo del tutto. Sarebbe l’unico lieto fine possibile per questa storia ridicola e assurda”.

Così in una nota stampa il Pd Città di Benevento in merito alla questione relativa agli scavi di piazza Cardinal Pacca a Benevento.

“Tierra Samnium Golf Club”, il gruppo Pd presenta nota in Commissione: “Necessari alcuni chiarimenti”

“Tierra Samnium Golf Club”, il gruppo Pd presenta nota in Commissione: “Necessari alcuni chiarimenti”

Politica

“Sulla proposta di realizzazione del “Tierra Samnium Golf Club” bisogna sgombrare il campo da ogni equivoco relativo alle procedure in corso”.

Così in una nota stampa il gruppo del Pd al Consiglio Comunale di Benevento.

“Non è in discussione il merito dell’intervento privato né le sue finalità – spiegano gli esponenti Dem – ma su alcuni punti è necessario un approfondimento. A partire dai contenuti della variante al Puc proposta, per noi inadeguata a un intervento di natura prettamente imprenditoriale di così ampia portata. Inoltre, occorre chiarire se la recente richiesta di autorizzazione presentata dalla società “Tierra Samnium Golf Club” costituisce una formale rinuncia al campo di Golf o un tentativo propedeutico di eseguire lavori di sistemazione delle aree”.

“Proseguendo – continuano i consiglieri del Pd – andrebbero chiarite diverse incongruenze tra quanto riportato nella relazione al progetto in merito alla mancanza di vincoli di natura paesaggistica e le informazioni presenti nel sito “Sitap Ministero della Cultura” che evidenzia la presenza di un vincolo ex art. 142 del Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 (Codice dei beni culturali e del paesaggio) relativo al corso d’acqua denominato “Vallone delle Cornacchie”. Infine, appare necessaria la Valutazione Ambientale Strategica (Vas), richiesta per legge quando si modifica una destinazione d’uso”.

“Nessun atteggiamento pregiudiziale, da parte nostra, – conclude il gruppo Pd – ma prima di procedere, anche a tutela dei privati investitori, sarebbe opportuno fugare ogni elemento di criticità”.

Pd, si è riunito il Circolo di Benevento: nominato nuovo vice segretario vicario

Pd, si è riunito il Circolo di Benevento: nominato nuovo vice segretario vicario

Politica

Il giorno 20 giugno alle ore 18.30 presso la sede della Federazione Provinciale di Corso Garibaldi, su convocazione del Segretario Cittadino Zoino Francesco, si è tenuta una riunione della Segreteria del Circolo PD di Benevento.

Hanno preso parte all’incontro, oltre ai consiglieri comunali del comune capoluogo, anche il Segretario Provinciale, Giovanni Cacciano. Tra i presenti il Presidente Enzo La Brocca e il Vice Segretario Pasquale Basile.

In apertura il Segretario Cittadino ha comunicato agli intervenuti la nomina di Vice Segretario vicario del circolo di Benevento conferita all’avvocato Rino Caputo, candidato alle ultime elezioni amministrative in quota dem e già consigliere comunale di Benevento, nonché presidente della Commissione Sport, tra le fila della maggioranza di centrosinistra negli anni 2011 – 2016.

Diversi i temi discussi. In particolare, gli esiti degli ultimi incontri avuti con i cittadini di svariate aree di Benevento nell’ambito dell’iniziativa Dem Boxes. Il capo gruppo al comune di Benevento Floriana Fioretti ha, inoltre, illustrato le ultime interrogazioni presentate, e le iniziative che saranno poste in essere nelle prossime settimane. Particolarmente apprezzata dagli intervenuti, per costanza, puntualità ed efficacia, l’azione d’opposizione intrapresa dai consiglieri comunali a tutela della cittadinanza e del bene comune.

Continuano i lavori organizzativi della scuola di formazione politica. Definite le principali tematiche da affrontare, in condivisione con la segretaria provinciale, si è deciso di dare maggiore spazio ad argomenti come lavoro e scuola Dopo le comunicazioni finali del Segretario Provinciale Cacciano, che in maniera costante è solito offrire il proprio prezioso contributo alla discussione dei temi affrontati dal circolo cittadino di Benevento, il Segretario Zoino ha concordato con i presenti di convocare i componenti del Direttivo per una riunione pre-festiva da tenersi preferibilmente nella prima settimana di luglio

Palazzo Mosti, Basile (Pd): “Spese legali sproporzionate rispetto al “pregio” dell’attività svolta”

Palazzo Mosti, Basile (Pd): “Spese legali sproporzionate rispetto al “pregio” dell’attività svolta”

Politica

Così Pasquale Basile, Vice Segretario Cittadino PD Benevento: “Secondo una stima effettuata dal Settore Ambiente del Comune, ovviamente sconosciuta ai comuni mortali, servirebbero duecentocinquantamila euro per contrastare gli effetti della cocciniglia e per abbattere e sostituire i pini asseritamente a rischio d’imminente caduta.

Per quanto riguarda l’intervento terapeutico, necessario stando alle indicazioni della Regione, la spesa sarebbe però di circa 100 euro a pianta e quindi, a voler intervenire su tutte, occorrerebbero intorno ai 35.000 euro.

Una somma che il Comune di Benevento paventa di non avere a causa del solito dissesto, lo stesso che negli ultimi sei anni non ha però impedito incredibili sprechi di danaro pubblico a danno dei cittadini.

Avremmo allora un suggerimento per chi non è a conoscenza delle azioni messe in campo dall’amministrazione precedente, perchè tre anni fa impegnato a fare altro.

Per recuperare risorse si potrebbe cominciare ad esempio dalle spese inutili effettuate dal 2017 a oggi dal Settore legale del Comune di Benevento.

Come facilmente verificabile da atti pubblici e come dettagliatamente riportato, tra altri gravi fatti, in un’istanza di accesso agli atti e sollecito di opportuni provvedimenti  a firma di 12 stimati avvocati nonché contribuenti – protocollata al n. 79442 del 16/7/2021 e rimasta ovviamente inevasa – il dirigente del settore legale, nei ricorsi proposti contro il Comune innanzi al Tar per l’esecuzione di sentenze passate in giudicato afferenti pretese pecuniarie, è solito eccepire a mezzo di brevi e stereotipate memorie la sussistenza della procedura di riequilibrio finanziario pluriennale (ante 2017) e successivamente di dissesto. Un modus operandi che avviene, sostanzialmente, anche nelle analoghe cause innanzi al Giudice Ordinario, dove la difesa comunale si limita a far presente l’intervenuto dissesto e i connessi effetti di legge, ovviamente ben noti ai magistrati.

Il dissesto, infatti, per espresso dettato normativo è condizione preclusiva di azioni sino alla sua conclusione.

In tal modo, sulla base delle scontate pronunzie sospensive o estintive del giudizio per sopravvenuta improcedibilità vengono elargite somme cospicue e manifestamente sproporzionate rispetto al “pregio” dell’attività svolta e alla complessità, bassissima, della causa.

E tuttavia, com’è noto a chi opera con e nelle pubbliche ammnistrazioni e come anche il solo buon senso suggerirebbe, per segnalare al Tribunale l’avvenuto dissesto – cui consegue automaticamente l’estinzione del ricorso ma non del debito, basterebbe il solo deposito telematico della delibera di dichiarazione del dissesto.

Inutile dire che i suddetti compensi – che, è bene ricordarlo, si aggiungono al già ottimo stipendio – vengono corrisposti in tutti i tipi di controversie sulla base di parcelle determinate dagli stessi legali interni, secondo i soli parametri matematici del valore della causa e della misura media, con visto di congruità dei legali medesimi.

Tanto per avere un’idea, basta citare, tra i tanti, il ricorso innanzi al Tar Campania n. 5888/2015 R.G per l’esecuzione di una sentenza del 2013 recante la condanna del Comune al pagamento di una somma di euro 1.270.944. Nell’ambito di tale ricorso, per due pleonastiche memorie, l’una di quattro e l’altra di tre paginette, i cittadini beneventani hanno versato al proprio avvocato, nonché dirigente del settore legale, la somma complessiva per compenso e accessori di euro 23.955.

 Euro 23.955 liquidati in due tranche con determina n.81 del 6/6/2019 (euro 6.388) e prima ancora con determina n.117 del 20/2/2017 (euro 17.567!), firmata, incredibilmente, dallo stesso dirigente.

Inutile dire che il credito oggetto della suddetta controversia è stato ovviamente inserito nella massa passiva con deliberazione dell’OSL 1519 del 21/21/2021 per un importo addirittura doppio, calcolando rivalutazione e interessi!

In pratica, il dramma del dissesto si è trasformato in una fonte di ulteriori, ottimi e agevoli guadagni, costati a noi poveri dissestati cittadini. Decine di migliaia di euro che, al contrario, potevano essere risparmiati e utilizzati in ben altro modo.

Una situazione ancor più paradossale ove si pensi che agli avvocati del libero Foro – a quei pochi, soliti “fortunati” cui spesso il Comune comunque si affida per le questioni più delicate e complesse – viene invece elargito un compenso standard abbondantemente al di sotto dei minimi tariffari e, quindi, per nulla rispettoso dell’equo compenso prescritto dalla legge a tutela del lavoro e della dignità professionale.

La Corte dei Conti, com’è noto, prescrive per gli enti pubblici, e ancor più per quelli dissestati, il ricorso ai legali esterni come eccezione, laddove la regola è l’utilizzo di quelli interni  allo scopo di risparmiare ed evitare sprechi.

Nel Comune di Benevento, invece, viviamo il paradosso che si spenderebbe infinitamente meno ricorrendo ai legali esterni! 

Tutto in beffa e a danno della comunità, per le cui attività prioritarie e importanti vengono invece sempre imposti tagli e disservizi”.

<strong>Sanità, De Longis (Pd): “Abbate ha ragione, al ‘San Pio’ mortificate professionalità locali per compiacere De Luca”</strong>

Sanità, De Longis (Pd): “Abbate ha ragione, al ‘San Pio’ mortificate professionalità locali per compiacere De Luca”

Politica

BENEVENTO. Di seguito nota stampa di Raffaele De Longis, consigliere comunale e provinciale del Partito Democratico.

“Ho ascoltato con grande interesse l’intervento in Consiglio Regionale di Luigi Abbate. Il Consigliere, in modo veemente come è nel suo costume, si è scagliato contro le ingerenze della politica nelle scelte riguardanti i concorsi per figure mediche apicali operate dal Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera San Pio di Benevento, Mario Ferrante.

Posso immaginare che in particolare si volesse riferire anche alla scelta riguardante il Dirigente Medico II Livello dell’Ortopedia: il dottor Matera è stato preferito al dottor Pica quale responsabile di questo cruciale reparto ospedaliero penalizzando ancora una volta le professionalità locali che, nel caso specifico, avevano ben operato per lunghi anni privilegiando al contrario le parentele con politici molto vicini al Presidente della Regione Campania.

Ho apprezzato l’accorato appello del collega Abbate anche se avrei preferito avesse fatto nomi e cognomi in modo da rendere molto più incisivo e meno generico il suo intervento.

Ma ancora una volta non possiamo fare a meno di notare che l’arroganza della politica regionale fa agio sulle considerazioni squisitamente tecniche: “il rapporto diretto con il Presidente De Luca non giustifica lo stravolgimento delle regole dettate dalla stessa Regione Campania” – ha infatti evidenziato il Consigliere Regionale. Parole proferite da un politico che fa parte della maggioranza che sostiene De Luca ma ben consapevole che la Sanità deve essere gestita con criteri totalmente diversi da quelli attuali, in modo da garantire organizzazione, capacità ed efficienza per tutelare nel modo migliore la salute dei cittadini della comunità sannita. 

Mi auguro che il dibattito al riguardo sia ampio ed articolato in tutte le sedi, istituzionali e non, anche alla luce delle recenti critiche che sono state mosse alla protervia dell’agire politico del nostro Presidente di Regione”. 

Questione Pini| Zoino: “Apprezziamo l’obiettività dell’Assessore Rosa ma mentre tre anni fa lui era occupato in altro, il suo attuale Sindaco no”

Questione Pini| Zoino: “Apprezziamo l’obiettività dell’Assessore Rosa ma mentre tre anni fa lui era occupato in altro, il suo attuale Sindaco no”

Politica

BENEVENTO. In riferimento alla recente nota apparsa sulla stampa da parte dall’Assessore all’ambiente del Comune di Benevento Alessandro Rosa in risposta al consigliere comunale Marialetizia Varricchio, risulta opportuno esplicitare meglio il nostro pensiero, mai preconcetto, bensì sempre orientato alla più assoluta obiettività“. Esordisce così, nella nota diffusa alla stampa, il segretario cittadino del Partito Democratico di Benevento, Francesco Zoino.

Ed è proprio un marcato elemento di obiettività – prosegue – che le parole dell’assessore esprimono sulla gestione del taglio dei pini. Affermare che tre anni fa era occupato in altro, significa prendere le distanze da chi aveva inteso approvare in maniera a dir poco scellerata la delibera del marzo del 2020, sposando appieno la posizione del Partito Democratico e di tutti quei cittadini ribellatisi a quanto deciso. All’Assessore, però, non può sfuggire che il Sindaco di Benevento dell’anno 2020 coincide con l’attuale. Ed è proprio quella giunta, guidata allora come oggi, da Clemente Mastella, che intese approvare il taglio sconsiderato degli alberi di pino dislocati nelle aree della nostra città, a tal punto da richiamare l’intervento deciso della Procura della Repubblica“.

Eppure la gestione dei pini, non è l’unica problematica che riguarda il verde cittadino. Le criticità di abbandono sono così rilevanti che l’Assessore Rosa, dovendosi dedicare esclusivamente alla manutenzione ordinaria perché in disuso da anni, è costretto a pubblicizzare interventi di assoluta normalità come se fossero  azioni straordinarie, inviando note a mezzo stampa. Bene la riqualificazione dei giardini Piccinato o l’installazione delle giostrine in villa comunale, ma quanto tempo ancora i cittadini di Benevento dovranno attendere prima che l’Amministrazione Mastella si degni di mettere in campo un efficiente piano del verde cittadino e, quindi, una programmazione di interventi seria? L’obiettività dell’Assessore Rosa gli consentirà senza dubbio alcuno di recuperare le pianificazioni pensate durante le passate Amministrazioni. Tra queste il tanto apprezzato piano verde predisposto dall’Assessorato retto dal compianto Enrico Castiello, nonché l’innovativa programmazione pensata dall’Assessore all’Ambiente di allora, Luigi Abbate, oggi Consigliere Regionale e suo collega di partito. Questo a dimostrazione che preconcetti e pregiudizi, a differenza di altri, non ci appartengono“, ha concluso Zoino.

Pd Benevento, riunito il Direttivo cittadino

Pd Benevento, riunito il Direttivo cittadino

Politica

BENEVENTO. Nel pomeriggio di ieri, presso la sede della Federazione Provinciale di Corso Garibaldi, il Segretario Cittadino Zoino Francesco ha nuovamente riunito i componenti del Direttivo.

Hanno preso parte all’incontro, assieme ai membri eletti lo scorso 20 febbraio, anche il gruppo consiliare al Comune di Benevento, Floriana Fioretti, Raffaele De Longis, Marialetizia Varrichio, Giovanni De Lorenzo, quest’ultimo collegato in video conference, il Segretario Provinciale Giovanni Cacciano, il Consigliere Regionale On.le Mino Mortaruolo e il deputato nazionale On.le Umberto Del Basso De Caro.

Prima dell’apertura dell’incontro il Consigliere Regionale Mortaruolo ha avuto modo di presentare ai convenuti la sua proposta di legge “Norme per la tutela e la valorizzazione dei Piccoli Comuni”, che tanto interesse sta suscitando tra le fila dei Primi Cittadini della nostra provincia. Successivamente il Segretario Francesco Zoino, assieme alla segreteria composta dal Presidente Enzo La Brocca e dai due Vice Segretari Pasquale Basile e Filomena Marcantonio, è passato ad illustrare ai presenti le iniziative intraprese nelle scorse settimane tra cui:  

  1. Problematica relativa ai Pini di Viale Atlantici. Richiesta chiarimenti all’amministrazione comunale sulle azioni intraprese (07 marzo);
    1. Problematiche relative ai Pini di Viale Atlantici infestati dal virus della cocciniglia e alla mancata programmazione della gestione del verde cittadino da parte dell’Amministrazione comunale (21 marzo);
    1. Problematica relativa alla disinformazione sui lavori di Piazza Piano di Corte (17 marzo);
    1. Problematica relativa al bando per la selezione del nuovo direttore artistico della manifestazione “Città Spettacolo”, edizione 2022 (20 marzo).

Su proposta del Segretario Zoino i presenti hanno discusso su ulteriori iniziative da intraprendere, da aggiungersi alla Scuola di Formazione Politica già in fase di studio avanzato.

Il capo gruppo al comune di Benevento Floriana Fioretti, ha illustrato le ultime interrogazioni presentate, nonché lo stato delle iniziative già avviate con il resto dell’opposizione consiliare.

La riunione si è chiusa con l’intervento dell’On.le Del Basso De Caro.

Benevento, Pd: Vincenzo La Brocca nuovo Presidente cittadino

Benevento, Pd: Vincenzo La Brocca nuovo Presidente cittadino

Politica
Nella riunione tenutasi ieri sera, il neo Segretario Zoino ha proceduto anche alla nomina, oltre che del Presidente, anche dei due vice-segretari: Pasquale Basile e Filomena Marcantonio.

In data odierna si è riunito, dopo l’elezione dello scorso 20 febbraio, il Direttivo del Circolo di Benevento del Partito Democratico.
Presenti alla riunione convocata dal neo Segretario Francesco Zoino anche il Segretario Provinciale Giovanni Cacciano, il Consigliere Regionale Mino Mortaruolo, i consiglieri comunali Floriana Fioretti, Giovanni De Lorenzo e Marialetizia Varricchio, quest’ultima collegata in video conferenza.
Dopo i saluti del Segretario Provinciale Cacciano che ha inteso augurare al circolo di Benevento un buon inizio di attività, ha preso la parola il Segretario Zoino. Questi ha provveduto ad ufficializzare le nomine di Vincenzo La Brocca, quale Presidente cittadino, e di due vice segretari, Pasquale Basile e Filomena Marcantonio.
Il Segretario ha proposto al Direttivo una organizzazione per dipartimenti tematici al fine di valorizzare esperienze e competenze, nonché per fornire il giusto supporto al gruppo consiliare impegnato nelle varie commissioni in un importante lavoro di controllo e verifica degli atti prodotti dalla maggioranza. Di seguito i dipartimenti individuati: Politiche giovanili, Sanità e Politiche Sociali, Ambiente e Energia, Associazioni e Comitati di Quartiere, Contrade, Urbanistica e Lavori Pubblici, Innovazione e Progettazione, Politiche agricole, Cultura e Turismo, Mobilità e trasporti, Bilancio, Politiche abitative.
Il direttivo ha approvato tale organizzazione e ha deciso di riunirsi con cadenza mensile. I dipartimenti, invece, organizzeranno il proprio lavoro sulla base delle iniziative che di volta in volta saranno programmate.
Dopo la relazione del capo gruppo Fioretti sulle attività poste in essere dal gruppo consiliare nelle ultime settimane, sono state affrontate diverse problematiche alcune delle quali particolarmente annose tra cui, la gestione poco chiara delle casse comunali e del dissesto finanziario, la questione degli abitanti di via Saragat, i lavori di Piazza Piano di Corte, la gestione della mensa scolastica, l’assenza totale di contraddittorio sul PNRR.
Il Segretario ha chiuso la riunione dando appuntamento ai convenuti alla prima settimana di aprile.

Comunicato Stampa